Flat tax partite IVA 2020 al 15% fino a 65 mila euro: cosa cambia?

«Flat tax partite IVA cos'è e come funziona aliquota 5%, 15% e 20%, deduzioni e detrazioni esempio calcolo imposta e ultime novità in Legge Bilancio 2020»

Flat tax partite IVA 2020: dal 1° gennaio di quest'anno per i forfettari titolari di partita IVA e professionisti è entrata in vigore la flat tax al 15% e al 5% per le start up mentre l'aliquota al 20% sarebbe dovuta partire dal prossimo gennaio.

 

Ora però in base alle ultime novità contenute nel nuovo testo della legge di bilancio 2020, il prossimo anno ci sarà sicuramente la flat tax 15% partite IVA per tutti i contribuenti nel regime forfettario che nell'anno precedente hanno avuto ricavi/compensi fino a 65.000 euro mentre l'aliquota flat tax 20% per la parte eccedente da 65.001 a 100.000 euro di ricavi, sarà cancellata.

 

Alla luce di questa importante novità e delle poche notizie ufficiali, andiamo a vedere la Flat tax partite Iva cos'è e come funziona, quali sono le aliquote e le deduzioni e detrazioni previste.

 

Flat tax partite IVA 2020 al 15% fino a 65 mila euro: cosa cambia?

Partite IVA stretta sulla flat tax al 15% per ricavi fino a 65.000 euro, a confermarlo il 7 ottobre in Parlamento è stato direttamente il ministro dell'Economia Gualtieri.

 

In pratica il ministro Gualtieri ha confermato che è vero che il governo è a lavoro per mettere a punto una stretta alla flat tax per partite IVA con ricavi fino a 65.000 euro ma anche che le modifiche non saranno sostanziali.

 

Ciò significa quindi che la flat tax 2020 per partite IVA rimarrà ma saranno puntati i riflettori in chiave anti-evasione, per cui è probabile che saranno reintrodotti dei paletti per l'accesso al regime in modo da farlo tornare ad essere per le piccole partite Iva, quelle dei cosiddetti contribuenti forfettari.

 

L'aumento della soglia a 65 mila euro tanto voluto dalla Lega con la precedente legge di bilancio ha fatto sì aumentare il numero di partite IVA nel regime forfettario, come dimostrato dalla nota diffusa dall’Osservatorio sulle partite iva del Mef l'incremento è stato del 38,3% rispetto al 2018, ma sono aumentati anche i comportamenti elusivi.

 

Ciò che vuole arginare il Conte Bis con la nuova Legge di Bilancio 20209 è dunque contrastare il fenomeno di alcuni professionisti e piccoli imprenditori che dichiarano poco o nulla nel corso di un intero anno e poi, passando alla flat tax agevolata al 15%, tornando a fatturare all'improvviso. 

 

Flat tax partite IVA 2020 novità in Legge di Bilancio:

Legge di Bilancio novità Flat tax partite IVA 2020: In base a quanto previsto dal testo della nuova legge di Bilancio 2020 che deve ancora essere presentato, nel 2020, dovrebbero trovare conferma anche le seguenti misure:

  • Flat tax partite IVA 2020 regime forfettario, professionisti e start up: la dual tax per le imprese e partite IVA a due aliquote al 15% e 5% flat tax start up saranno riconfermate. Niente da fare, invece, per l'aliquota flat taz al 20% per i ricavi fino a 100.000 euro.

  • Reddito di cittadinanza: il reddito di cittadinanza anch'esso sarà riconfermato in via defiinitiva nel testo della Legge di Bilancio 2020.

Coperture: per quanto rguarda il nodo coperture, il governo M5S e Pd per trovare i 35 miliardi per sterilizzare l'aumento IVA ricorreranno alle nuove misure anti-evasione fiscale come il bonus befana, sconti IVA e Carta Unica.  

 

Possibile anche che nel nuovo decreto fiscale 2020, trovi spazio anche l'estensione dell'obbligo della fattura elettronica al regime forfettario.

 

Cos'è la Flat tax partite IVA?

Che cos'è la Flat tax partite IVA? La flat tax Partite IVA è stata uno dei punti fondamentali su cui si è concentrata la Riforma fiscale dell'IRPEF del Governo Lega-M5S.

 

La flat tax partite IVA targata Lega-M5S non è stata quindi la classica tassa piatta o imposta unica sui redditi applicata dai vari Paesi europei e nel mondo, in quanto non prevede una aliquota flat tax unica ma progressiva. 

 

La progressività della flat tax in Italia è necessaria in quanto l'articolo 53 della nostra Costituzione, sancisce la garanzia del principio di progressività della tassazione, con le seguenti parole:

ARTICOLO 53 - "Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività."

 

La progressività della tassa piatta nel caso della flat tax in Italia è quindi superata da Di Maio e Salvini con un'imposta a due aliquote distinte in base allo scaglione di reddito di appartenenza, sia per le famiglie che per le imprese e partite IVA.

Per cui sarebbe meglio chiamarla Dual Tax che Flat tax.

 

Andiamo ora a vedere come funziona la flat tax imprese e Partite IVA.

 

Flat tax partite IVA come funziona:

Flat tax imprese e partite IVA come funziona: la flat tax partite IVA a parità degli stessi requisiti di accesso di oggi, funziona così:

 

- In base a quanto previsto dal disegno di legge di Bilancio la flat tax riguarda solo il popolo delle partite IVA ed in particolare dei contribuenti nel regime forfettario con un innalzamento dei limiti dei ricavi fino a 65.000 euro.

 

- L'aliquota flat tax 15% per le partite IVA è riservata al regime forfettario 2020 a chi ha ricavi fino a 65mila mentre quella al 20% che doveva partire dal 2020, e riservata alle partite IVA con ricavi fino a 100.00 euro, sarà cancellata dal nuovo governo giallorosso.

 

- Eliminati da quest'anno anche altri due requisiti che limitavano l'accesso al regime forfettario: il limite di 5.000 euro lordi alle spese per lavoro accessorio, lavoro dipendente e compensi ai collaboratori ed il limite a 20.000 euro per il costo dei beni strumentali.

 

- Eliminato il limite a 30.000 euro per i redditi da lavoro dipendente o assimilati.

 

- Dal 2020 potrebbe però essere introdotto per i contribuenti nel regime forfettario l'obbligo della fattura elettronica 2020.

 

Avendo visto cos'è e come funziona la flat tax partite IVA nel regime forfettario per i titolari di partita Iva con redditi fino a 65.000 euro annui con aliquota al 15% e flat tax start up al 5% per 5 anni, andiamo a vedere chi sono gli esclusi.

 

Flat Tax Partite Iva: chi sono gli esclusi?

Flat tax partite Iva chi non potrà aderire al nuovo meccanismo di tassazione? 

Flat tax partite IVA soggetti esclusi:

  • Soci di SRL: in base alle ultime novità Legge di Bilancio 2019, le quote in società di persone, associazioni e imprese professionali non consentono l'accesso all'opzione flat tax 2019 mentre le quote in Srl e associazioni in partecipazione bloccano l'opzione solo se sono di controllo e riguardano strutture che svolgono attività riconducibili a quella su cui si applica il forfettario.

  • Ex dipendenti: sono esclusi dalla Flat tax i contribuenti che hanno percepito redditi da lavoro dipendente o assimilati, ed esercitano attività d’impresa, arti o professioni prevalentemente nei confronti anche di uno dei datori di lavoro dei 2 anni precedenti.

 

Flat tax partite IVA aliquota 15% e 5%:

Quali sono le aliquote flat tax imprese, partite Iva, società e professionisti? Ecco una tabella sinottica che riepiloga quanto previsto per la flat tax regime forfettario_

Flat tax 5%Flat tax 15%Flat tax 20%
start up

 

titolari di partita IVA regime forfettario con ricavi fino

a 65.000 euro

 

non entrerà in vigore

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA