Bonus auto 2020 con o senza rottamazione: novità, importi incentivi

Incentivi auto 2020 con o senza rottamazione decreto Rilancio: come funziona, acquisto veicoli Euro 6, auto elettriche e ibride, importi bonus auto

6 agosto 2020 18:54
Bonus auto 2020 con o senza rottamazione: novità, importi incentivi

Bonus auto 2020, al via dal 1 agosto:

 

Diventano quindi realtà le misure decise per il rilancio del settore dell’auto, in crisi a causa dell'emergenza coronavirus.

 

Secondo gli ultimi dati, il settore automotive è stato tra i più impattati dalla pandemia, facendo registrare un crollo delle immatricolazioni di circa il 50% tra gennaio e maggio, mentre per il 2020 ci si attende un calo del 25%.

 

Oltre all’ecobonus auto già in vigore, introdotta dalla Legge di Bilancio, c’è così la possibilità di acquistare un’auto nuova Euro 6 grazie a ulteriori agevolazioni.

 

 

Incentivi auto 2020: come funziona

Il pacchetto di incentivi auto, inseriti nel Decreto Rilancio, permette di acquistare un’auto Euro 6- categoria che comprende anche veicoli  a benzina e diesel- usufruendo di un bonus, ma a patto che vengano rispettate determinate condizioni. Vediamo quali.

Quali sono le auto che possono usufruire del bonus?
Le auto incluse nel bonus rottamazione auto devono quindi essere Euro 6 con emissioni di CO2 da 61 a 110 g/km e un prezzo massimo di listino di 40 mila euro (iva esclusa.)
Il bonus non viene interamente corrisposto dal governo, ma prevede anche una scontistica da parte dei venditori, che devono quindi scegliere di aderire all’iniziativa.

A quanto ammonta la somma spettante per l’acquisto dell’auto?
La somma relativa agli incentivi auto Euro 6 dipende dalla possibilità di rottamare o meno un mezzo vecchio di almeno 10 anni. Senza rottamazione il bonus viene dimezzato.


Per cui le cifre concesse sono:

  • 3500 euro con rottamazione (1.500 euro di bonus + 2.000 euro dal concessionario);

oppure

  • 1.750 euro senza rottamazione (750 euro di bonus + 1.000 euro dal concessionario).


Incentivi auto 2020: da quando è possibile usufruirne?
Secondo quanto contenuto nel decreto Rilancio, sarà possibile usufruire degli incentivi auto Euro 6 a parire dal 1 agosto fino al 31 dicembre 2020.

 

Incentivi auto 2020: Ecobonus per veicoli elettrici e ibridi

Per effetto del decreto Rilancio, è stato aumentato l’ecobonus 2020 per i mezzi elettrici e ibridi plug-in inserito nella Legge di Bilancio 2019 e in vigore fino al 31 dicembre 2021. 

 

Viene così rafforzato il sostegno ai veicoli eco-friendly.


L’ecobonus prevede un forte sconto per chi acquista un veicolo a bassa emissione di Co2, ossia tra 0 e 60 g/km: la condizione, in questo caso, è che l’auto non abbia un costo superiore a 50 mila euro IVA esclusa.


Il nuovo ecobonus 2020 quindi viene modificato, secondo questa tabella:

  • da 6000 a 10.000 euro rottamando un’auto vecchia di almeno 10 anni; 6.500 euro senza rottamazione per veicoli con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km.

  • da 2.500 a 6.500 euro con rottamazione di un mezzo vecchio di almeno 10 anni; 3.500 euro senza rottamazione per veicoli con emissioni CO2 da 21 a 60 g/km.

Per quanto riguarda moto, motorini elettrici oppure ibridi, l'ecobonus nel 2020 sale fino a 4mila euro in caso di rottamazione di un vecchio due ruote.

 

L’incentivo, proprio come per le auto, vale anche senza rottamazione, ma fino a 3mila euro.

 

Per le colonnine di ricarica dei veicoli elettrici c'è la possiiblità di una detrazione fiscale al 50% o al 110%.

 

Incentivi auto 2020: nuovi fondi per l’ecobonus

Con disposizione del Ministero dello Sviluppo economico datato 17 giugno, sono stati stanziati nuovi fondi per la prenotazione per i veicoli M1 per il 2020. Altri 20 milioni di euro offrono l’opportunità di acquistare:

  • Automobili di categoria M1, nuovi di fabbrica, con emissioni di CO2 non superiori a 70 g/Km, acquistati e immatricolati in Italia nel periodo dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 con prezzo inferiore a 50 mila euro compresi optional, esclusi IVA e messa in strada;

  • ciclomotori e motocicli a due ruote, nuovi di fabbrica, elettrici o ibridi, acquistati e immatricolati in Italia tra il 2019 e il 2020.

Come sottolineato sul sito del Ministero, non ci sono tipologie di veicoli che vengono maggiormente agevolate; bisogna quindi verificare con i rivenditori che vengano soddisfatti i requisiti richiesti dalla normativa.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA