Bonus famiglia 2021

Bonus famiglia 2021 in Manovra: assegno unico, bonus bebè, asilo nido

Legge di Bilancio 2021 novità Bonus famiglia 2021 assegno unico, bonus bebè e bonus asilo nido bonus mamma, bonus famiglie congedo e bonus baby sitter

25 novembre 2020 10:41
Bonus famiglia 2021 in Manovra: assegno unico, bonus bebè, asilo nido

All'interno della Manovra 2021, nel pacchetto famiglia Legge di Bilancio 2021, c'è la proroga di alcune importanti misure circa gli aiuti per le mamme e i papà con figli piccoli.

 

Nella nuova Legge di Bilancio 2021 è prevista la proroga del bonus bebè 2021 e del bonus asilo nido 2021 fino a 3.000 euro per le famiglie con redditi medio bassi, voucher che ricordiamo serve a pagare la retta dell'asilo nido con completo azzeramento per le famiglie più a basso reddito.

 

Dal 1° luglio 2021, poi scatterà il nuovo assegno unico per i figli a carico che sostituirà diverse agevolazioni, fatta eccezione del bonus bebè e il bonus asilo nido.

 

Bonus famiglia 2021 in Legge di Bilancio:

Bonus famiglia 2021: in attesa che dal 2021 arrivi l'assegno unico figli a carico, ecco quali sono i bonus famiglia 2021 che saranno prorogati e riconfermati dalla Legge di Bilancio 2021:

  • Premio alla nascita Inps: il bonus mamma domani da 800 euro che spetta alle future mamme che entrano nel 7° mese di gravidanza nel corso dell’anno sarà prorogato fino a quando non partirà il nuovo assegno unico figli a carico.

  • Assegno di natalità Inps meglio conosciuto con il nome di bonus bebè 2021 Inps non solo sarà prorogato ma sarà richiedibile anche contemporaneamente all'assegno unico 2021, le due misure andranno pertanto in parallelo.

  • Bonus asilo nido 2021 Inps fino a 3.000 euro per i redditi ISEE fino a 25.000 euro e a 2.500 euro quelli fino a 40mila euro, sarà richiedibile per tutto il 2021 insieme all'assegno unico. Le misure saranno in parallelo.

  • Bonus baby sitter ossia i cd. voucher baby sitting Inps da 600 euro che spettano invece alle mamme o ai papà che rinunciano al congedo per tornare prima a lavoro, non viene prorogato già da due anni ma sarà sostituito dal 2021 con il bonus figli a carico.

  • Detrazioni figli disabili 2021: la detrazione è fino a 1.350,00 euro (per ciascun figlio) e fino a 1.550,00 euro (per ciascun figlio) in presenza di più figli. La detrazione rimarrà fino all'entrata in vigore dell'assegno unico. Con il nuovo assegno per le figlie e figli con disabilità non ci saranno limiti di età e l'importo avrà una "maggiorazione tra il 30% ed il 50% e sarà esteso per tutta l'arco della loro vita", sarà dunque per sempre.

  • Congedo di maternità 2021: il nuovo congedo di maternità che consente alle donne, se in buona salute, di lavorare fino al nono mese di gravidanza.

  • Congedo parentale: confermato..

  • Congedo di paternità 2021: in ottemperanza alla direttiva europea sul Congedo di paternità di 7 giorni è stato prorogato.

Andiamo quindi a vedere la bonus famiglie 2021 nella Legge di bilancio 2021.

 

Legge di Bilancio 2021 famiglie: il nuovo Assegno unico

Con la nuova legge di Bilancio 2021 ci sarà l'avvio del nuovo bonus famglia 2021 con il cd. assegno unico figli a carico riconosciuto per ciascun figlio di importo diverso a seconda dell'età.

 

Ecco come funziona il nuovo assegno unico da luglio 2021:

  • dal 1° luglio 2021, alle famiglie con figlie e figli a carico spetta un nuovo assegno universale;

  • L’assegno unico spetta a tutti i cittadini italiani, dell’Unione europea e degli extracomunitari con permesso di soggiorno di lungo periodo, di lavoro o di ricerca, purché residenti in Italia da almeno 2 anni (anche non continuativi).

  • Altro requisito per avere diritto all'assegno unico è avere dei figli a carico, dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età

  • La misura spetta ai lavoratori dipendenti, pubblici e privati ivi inclusi autonomi, liberi professionisti, disoccupati e incapienti;

  • l'importo minimo dell’assegno unico per i figli è stabilito per tutti i nuclei familiari con uno o più minori, cui viene aggiunta una quota ulteriore e variabile determinata per scaglioni dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE);

  • alle famiglie beneficiarie spetterà un importo mensile sotto forma di denaro o credito da utilizzare in compensazione dei debiti d’imposta.  

    La famiglia beneficiaria potrà quindi decidere se ricevere la misura tramite l’assegno oppure ottenendo un credito d’imposta da utilizzare in compensazione con la dichiarazione dei redditi. Nella prima ipotesi, l'importo dell’assegno varierà da nucleo a nucleo, in quantoi sarà formato da una quota fissa e da una variabile. Quest’ultima sarà calcolata in base al numero dei figli presenti in famiglia e alla loro età, tenendo anche conto del coefficiente Isee.

  • il beneficio spetta per ogni figlia o figlio in misura intera e poi ridotto fino ai ventuno anni di età;

  • in caso di figlia o figlio successivo al terzo, l’importo dell’assegno universale è maggiorato;

  • l'assegno è riconosciuto a partire dalla nascita.

  • il bonus figli non concorrerà alla formazione del reddito complessivo e né ai fini del riconoscimento delle prestazioni sociali a sostegno del reddito;

  • l’importo dell’assegno è calcolato in base al’età dei figli a carico;

  • Assegno unico figli disabili 2021 importo più alto e per sempre: per le figlie e figli con disabilità non ci saranno limiti di età e l'importo avrà una "maggiorazione tra il 30% ed il 50% e sarà esteso per tutta l'arco della loro vita" sarà riconosciuta una integrazione compensativa dell’importo dell’assegno universale per i figli diretta ad assicurare che lo stesso non risulti in ogni caso inferiore al trattamento complessivo in quello in godimento al nucleo familiare prima dell’entrata in vigore del decreto legislativo di cui al comma 1.

 

 

Bonus famiglia 2021, proroga Bonus mamma domani?

Bonus mamma domani Inps 2021: per quanto riguarda il bonus mamma, chiamato anche bonus gravidanza o più propriamente premio alla nascita, è un beneficio che dovrebbe essere rinnovato fino all'entrata in vigore dell'assegno unico, prevista dal 1° luglio 2021.

 

Il bonus spetta alle future mamme che entrano nel 7° mese di gravidanza e a cui spetta un premio da 800 euro previa domanda all'Inps. Tale Bonus mamma domani, è riconosciuto quale sostegno economico per effettuare esami clinici e acquistare beni di prima infanzia ecc.

 

Ma esattamente che cos'è il bonus mamma domani? Il bonus mamma domani è un aiuto economico di 800 euro che lo Stato riconosce alla futura mamma che entra nel 7° mese di gravidanza o che ha già partorito nei primi mesi dell'anno, a prescindere dal reddito ISEE.

 

Bonus mamma domani come funziona: il bonus mamma, più propriamente chiamato premio alla nascita Inps, è stato introdotto per la prima volta in Italia con la Legge di Bilancio 2017 al fine di garantire un maggior sostegno alla natalità e alle future mamme.

 

Il bonus mamme domani di 800 euro spetta in presenza di determinati requisiti, a prescindere dal reddito ISEE. Tali requisiti bonus mamma domani fanno riferimento a specifiche condizioni che sono:

1) essere in stato di gravidanza;

2) essere Mamme che partoriscono nel corso dell'anno purché in possesso dei requisiti bonus bebè, ossia, per averne diritto la futura mamma deve essere una cittadina:

residente in Italia;

  • con cittadinanza italiana o comunitaria;

  • con cittadinanza non comunitaria in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria;

  • con cittadinanza non comunitaria in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o di carta di soggiorno per familiari di cittadini UE.

Bonus mamma domani Inps: quando spetta il premio da 800 euro?

Spetta in caso di:

  • Compimento del 7° mese di gravidanza;

  • Parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;

  • Adozione nazionale o internazionale con sentenza definitiva di un bambino minorenne;

  • Affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza o in affidamento preadottivo internazionale.

 

Bonus famiglia 2021, proroga Bonus bebè 2021

Ci sarà il bonus bebè? In base alle ultimissime notizie nel testo della Legge di Bilancio 2021 ci sarà l'Assegno Universale di Natalità per cui sì alla proroga bonus bebè 2021 che potrà essere fruito contestualmente all'assegno unico quando partirà.

 

L'importo che spetta con il bonus bebè 2021 è pari a:

  • Bonus da 80 euro al mese per i redditi più alti;

  • Bonus 120 euro per i redditi medi;

  • Bonus 160 euro per i redditi più bassi.

  • Bonus bebè secondo figlio pari a 96 euro per le famiglie che hanno un reddito ISEE fino a 25mila euro;

  • Bonus bebè secondo figlio 192 euro: per le famiglie che hanno un reddito ISEE 2019 fino a 7.000 euro.

 

Legge di Bilancio 2021 famiglie: il Bonus asilo nido 2021

Bonus asilo nido 2021: come per il bonus bebè, anche il bonus asilo nido 2021 Inps sarà rifinanziato e quindi prorogato nel 2021 ma anche fruibile in contemporanea con l'assegno unico, quando partirà.


Attualmente i requisiti Bonus asilo nido sono:

  • bambini nati dal 1° gennaio 2016 in poi, purché iscritti all'asilo nido pubblico o privato per tutto l'anno scolastico, altrimenti il bonus spetta solo parzialmente.

  • Bambini malati cronici con necessità di cure presso il domicilio.

  • Famiglie con figli nuovi nati a partire dal 2016;

  • il bonus nido spetta a prescindere dal reddito ISEE familiare; 

  • la famiglia deve sostenere la retta dell'asilo nido;

  • Il bambino deve avere la stessa residenza della mamma o papà richiedenti;

  • Il genitore richiedente deve avere cittadinanza italiana, comunitaria o extracomunitaria, in quest'ultimo caso occorre essere in possesso del permesso di soggiorno CE o la carta di soggiorno;

Bonus asilo nido 2021 quanto spetta e durata: l'importo del bonus asilo nido 2020 è pari a:

  • 3.000 euro: famiglie con redditi ISEE fino a 25.000 euro;

  • 2.500 euro: famiglie con redditi tra 25mila euro e 40.000 euro;

  • 1.500 euro: famiglie con redditi oltre i 40.000 euro.

Il premio è erogato mensilmente dall’Inps al genitore, previa presentazione della domanda INPS corredata dalla documentazione attestante l’avvenuto pagamento della retta per l'asilo nido.

 

Inoltre, possono presentare la domanda del bonus, anche i genitori di bambini con meno di 3 anni che non possono frequentare gli asili nido, in questi casi si parla bonus asilo nido bambini malati gravi.

 

Legge di Bilancio 2021 bonus baby sitter: ci sarà?

Al momento sono stati stanziate ulteriori risorse dal decreto Ristori bis, per progare il bonus baby sitter.

 

Il bonus può ora essere richiesto solo dalle famiglie residenti nelle zone rosse, ossia quelle in cui il livello di rischio è molto alto, secondo poi varia l’importo dell’assegno, passando da 1.200 a 1.000 euro per i lavoratori dipendenti e gli autonomi e da 2.000 a 1.000 euro per i dipendenti del settore sanitario.

 

Rispetto alla precedente agevolazione, poi, il bonus baby sitter non potrà essere utilizzato per pagare i nonni.

 

Restano ferme le altre condizioni:

  • tutti e due i genitori devono essere lavoratori;

  • non ci deve essere un genitore beneficiario di altre forme di tutela del reddito;

  • entrambe i genitori non possono usufruire dello smart working.

Il pagamento, come in passato, avverrà sul Libretto di famiglia a fronte di una domanda da presentare all’Inps.

Da ricordare poi che il bonus baby sitter non può essere richiesto da coloro che usufruiscono del bonus asilo nido.  

 

Altra importante novità: il bonus, o in alternativa il congedo, potrà essere richiesto anche dalle famiglie con disabili in caso di chiusura delle scuole o dei centri diurni, indipendentemente dall’età dei figli.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA