Modello di rinuncia Reddito Reddito di Cittadinanza 2019: modulo SR183

«Modulo di Rinuncia Reddito di cittadinanza e Pensione di Cittadinanza Inps cos'è, come funziona, istruzioni disdetta compilazione e a chi si presenta»

Reddito di cittadinanza modulo rinuncia: l'INPS con il messaggio 2662/2019 ha comunicato di aver messo a disposizione degli interessati, l'apposito modulo per effettuare la disdetta e la procedura da seguire per la rinuncia del sussidio RdC e PdC.

 

Con il modello SR183 Inps, pertanto, è diventato possibile rinunciare al reddito di cittadinanza o alla pensione di cittadinanza qualora si ritenga che il sussidio non sia uno strumento idoneo a sostenere il reddito del proprio nucleo familiare, viste anche le implicazioni e gli obblighi previsti dalla legge per i beneficiari del RdC.

 

Tra gli obblighi RdC, la cui osservanza è fondamentale per mantenere il diritto all'assegno mensile, c'è quello di:

  • stipulare il Patto per il Lavoro con il centro per l’impiego;

  • l'impegno a svolgere 8 ore a settimana per la comunità;

  • l'impegno alla ricerca attiva di un lavoro e di frequentare corsi di formazione o di riqualificazione;

 

Reddito di cittadinanza: perché si rinuncia?

Perché si rinuncia al reddito di cittadinanza? Possono esserci molti motivi per cui un benficiario del reddito di cittadinanza, alla fine decide di rinunciare al sussidio e dare la disdetta all'INPS.

 

Tra i motivi più probabili, come abbiamo già visto, ci sono gli obblighi RdC: Did, Patto per il Lavoro o Patto per l'inclusione sociale, il doversi dedicare alla comunità, svolgere la ricerca attiva del lavoro, fare i corsi, ecc.

 

Può accadere poi, che quando l’importo Reddito di cittadinanza o della Pensione di cittadinanza, riconosciuto dall’Inps in base alla propria posizione economica familiare, è ritenuto troppo basso, il richiedente potrebbe non voler proseguire con il sussdio e preferisca quindi rinunciare alla possibilità di percepire l'integrazione mensile al reddito familiare.

 

Ecco perché l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha provveduto anche a rilasciare il simulatore reddito di cittadinanza Inps che consente agli utenti di sapere in anticipo, rispetto alla domanda vera e propria, se possiedono i requisiti per fare richiesta e l'importo che spetta in base ai dati Isee, se è stato già richiesto all'Inps, o ai dati autodichiarati, se si è privi di Isee.

 

Ora, quindi i cittadini che intendono rinunciare al reddito di cittadinanza o alla pensione di cittadinanza, possono utilizzare l'apposito modulo appena approvato dall'INPS. 

 

Reddito di cittadinanza modulo rinuncia Inps: cos'è?

Cos'è il Modulo di rinuncia Reddito di cittadinanza Inps? E' il modulo che l'INPS ha provveduto ad approvare e pubblicare online sul suo sito ufficiale, al fine di consentire la disdetta RdC e PdC ai beneficiari pentiti.

 

Il modello SR183 è quindi il nuovo modulo che va ad affiancarsi agli 3 già messi a disposizione dall'INPS per presentare la domanda e per comunicare variazioni ISEE o di reddito, che serve esclusivamente per rinunciare al sussidio.

 

Il modulo SR183 è scaricabile gratis dal sito dell’Inps, nella sezione tutti i moduli.

 

Modello SR183 Inps rinuncia RdC e PdC: compilazione e a chi si presenta

Istruzioni per la compilazione del modulo Inps per la rinuncia a reddito o pensione di cittadinanza:

 

Nel modello SR183 Inps valido per la rinuncia RdC e PdC va compilato con i seguenti dati:

  • dati del titolare del reddito di cittadinanza;

  • stato della domanda, va indicato se la richiesta si trova in fase di approvazione oppure se il beneficio è stato già riconosciuto;

  • dati dei componenti del nucleo familiare;

  • data, luogo e firma.

 

Modulo di rinuncia Reddito di cittadinanza a chi si presenta?

Il modulo di rinuncia RdC e PdC, deve essere presentato presso le strutture dell’Inps territorialmente competenti, allegando 1 fotocopia del documento d’identità.

 

Disdetta Reddito di cittadinanza 2019: cosa comporta?

Cosa comporta la disdetta reddito di cittadinanza 2019? La disdetta e quindi la rinuncia al reddito di cittadinaza, come spiegato dall’Inps nel messaggio, che ricordiamo deve essere fatta dall'intestatario del beneficio, si configura come "un'unanime manifestazione di volontà dell’intero nucleo familiare".

 

Ciò comporta quindi la perdita del beneficio, a prescindere dallo stato della domanda e indipendentemente dal nucleo familiare stesso.

 

Se la disdetta RdC e PdC viene data durante la fruizione del beneficio, allora la carta RdC o la carta PdC viene disattivata al momento della consegna del modello all'INPS ed eventuali importi residui non potranno più essere utilizzati.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA