Pensione di invalidità 2020: aumento, cos’è, requisiti, a chi spetta

Pensione di invalidità civile 2020 Inps aumento 651,51 euro cos'è come funziona, importo requisiti limite reddito e punteggio percentuale, domanda assegno

4 agosto 2020 10:17
Pensione di invalidità 2020: aumento, cos’è, requisiti, a chi spetta

Pensione di invalidità 2020 aumento, Dl Agosto

 

*** Aumento pensione di invalidità ultime notizie 4 agosto:

 Confermato l'aumento dell'assegno per gli invalidi civili totali: la maggiorazione a 651,51 euro (importo rivalutato nel 2020) scatterà dai 18 anni e non più dai 60. La norma è retroattiva dal 20 luglio. E questo quanto prevede la bozza di testo del decreto Agosto diffusa in queste ore.

Per tutte le novità leggi decreto Agosto 2020.

 

In pratica la Sentenza 152/2020 ha dichiarato l’iillegittimità costituzionale dell’articolo 38, comma 4, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, nella parte in cui, con riferimento agli invalidi civili totali, dispone che gli aumenti previsti (il famoso aumento ad un milione di lire) sono concessi «ai soggetti di età pari o superiore a sessanta anni» anziché «ai soggetti di età superiore a diciotto anni». Pertanto l’aumento spetterà sulle pensioni invalidi civili sarà a partire dai 18 anni e non più dai 60.

 

All’articolo 38 era previsto proprio l’aumento (fino 516,46 euro minimo per tutti) per gli over 70 anni scendendo a 60 anni nel caso il cui il pensionato sia stato invalido civile, cieco civile, sordo. Viene però posto un limite reddituale 6.713,98 euro annui.In questi anni l’importo originario (516,46 euro) ed il limite reddituale (in origine 6.713,98 euro) sono stati incrementati e rivalutati.

 

Nel 2020 infatti, la maggiorazione per i pensionati invalidi civili al 100% è fino ad un massimo di 651,51 euro, per 13 mensilità per chi ha un reddito personale entro i 8.469,63 euro per il pensionato solo e fino a 14.447,42 euro di reddito personale per il pensionato coniugato. 

 

In pratica solo il pensionato con zero reddito accede a 651,51 euro per intero mentre per chi ha altri redditi come ad esempio, una pensione di reversibililità, reddito da lavoro part-time, pensione di invalidità previdenziale, l’incremento viene ricalcolato e scende progressivamente fino al suo azzeramento.

Il meccanismo di ricalcolo è spiegato nel dettaglio nella Tabella M5 dell'allegato 2 della Circolare INPS 147/2019. 

 

Pensione di invalidità 2020 aumento a chi spetta, Requisiti età e reddito

*** Pensione di invalidità al 100% aumento nel Dl Rilancio: approvato dalla Commissione Bilancio alla Camera un emendamento di Fratelli d'Italia che ottempera alla recente sentenza della Consulta, ossia quella di aumentare le pensioni di invalidità.

 

Previsto quindi l'aumento dell'importo della pensione di invalidità al 100% fino a 516 euro ( oggi nel 2020 arrivate a 651,51 euro. Ora con la conversione in legge del Decreto Rilancio 2020 e la conferma nel decreto Agosto, si attende che l'aumento venga applicato al più presto.

 

Aumento pensioni di invalidità a chi spetta, i Requisiti:

L'aumento delle pensioni di invalidità a 651,51 spetta SOLO con i seguenti requisiti:

  • se si ha un'età compresa dai 18 anni a 67 anni;

  • se si è invalidi civili al 100%;

  • se si ha un reddito personale entro i 8.469,63 euro per il pensionato solo e un reddito personale fino a 14.447,42 euro se coniugato. 

 

Pensioni di invalidità aumento da quando?

L'aumento delle pensioni di invalidità non partirà con il pagamento pensioni agosto 2020 così come detto dalla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. Ci vorrà ancora del tempo.

 

Pensione di invalidità 2020:

La Pensione di invalidità civile 2020 Inps è un assegno mensile che spetta ai cittadini affetti da patologie congenite o acquisite, tali da non consentire l’attività lavorativa e quindi il proprio sostentamento.

 

L’assegno di invalidità civile 2020 pertanto, viene ricosciuto ed erogato solo in presenza di determinati requisiti e previa domanda, come sostegno economico al cittadino che a causa di specifiche malattia non è in grado di lavorare e quindi sostenersi da solo, indipendentemente dal versamento dei contributi.

 

La pensione di invalidità civile viene riconosciuta spesso anche la pensione di accompagnamento ai sensi dell’articolo 74 legge 469/1961 che individua le categorie di invalidi che hanno diritto alla prestazione.

 

Tale indennità di accompagno è erogata sempre dall’INPS a seguito di una formale domanda e in presenza di requisiti sanitari appurati da una specifica Commissione ASL.

 

Per effettuare la richiesta assegno di invalidità, occorre richiedere il rilascio del certificato medico attestante l'invalidità al 100% o l'incapacità alla deabulazione e poi seguire l'iter della procedura fino al riconoscimento e pagamento indennità da parte dell'INPS. 

Ecco invece quando arriva la tredicesima pensione di invalidità civile.

 

Pensione di invalidità civile 2020:

Pensione di invalidità 2020 novità legge di Bilancio: confermanto anche per il 2020, l'aumento a 780 euro con la pensione di cittadinanza invalidi civili per coloro che rientrano nei requisiti di reddito ed età elencati nel decereto pensione di cittadinanza.

 

L'incremento pensione agli invalidi civili con la pensione di cittadinanza, cioé l'integrazione da parte dello Stato fino a 780 euro netti al mese, spetta SOLO ai pensionati over 67 e con reddito Isee inferiore a 9360 euro se si vive in affitto e a 7560 euro se si ha una casa di proprietà.

 

La Pensione di Cittadinanza può essere concessa anche nei casi in cui il componente o i componenti del nucleo familiare di età pari o superiore a 67 anni convivano esclusivamente con una o più persone in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza di età inferiore ai 67 anni.

 

L'aumento pensione di cittadinanza invalidi civili per effetto della Legge di Bilancio 2020 è quindi pari a 780 euro netti al mese solo in presenza di determinati requisiti di età, reddito e di composizione del nucleo familiare.

 

Taglio pensioni di invalidità e reversibilità 2020? E' vero?

E' vero che dal 2020 c'è il taglio dell'assegno di invalidità civile e dell'assegno di reversibilità? 

Diciamolo subito, il governo giallorosso non ha previsto alcun nuovo taglio delle pensioni di invalidità nè tantomeno di quelle a cui hanno diritto vedove e vedovi, la pensione di reversibilità.

 

1) Quello a cui si riferiscono molto testate giornalistiche sul taglio pensione di invalidità e reversibilità dal 2020 fa riferimento alla tradizionale circolare INPS di dicembre in cui l'Istituto elenca requisiti, importi e rivalutazioni di tutti gli assegni che saranno versati nel corso dell'anno successivo.

Ebbene in questa circolare l'INPS ha comunicato che sulla base della percentule di rivalutazione pensioni 2020, l'importo della pensione minima 2020 aumenta a 515,07 euro, dai 513 attuali, con la conseguenza che tutte le norme che fanno riferimento a valori multipli del minimo vanno aggiornati.

 

2) Il taglio degli assegni di invalidità e reversibilità 2020 è solo per chi ha redditi alti ed è una norma vecchia di 25 anni. Per cui niente nuova riduzione dal 2020.

L'allegato 2 della circolare INPS dell'11 dicembre 2019 contiene come ogni anno le tabelle di riduzione dell'assegno in virtù del reddito del beneficiario se il beneficiario

 

Pensione di reversibilità 2020 per superstiti e invalidi, le percentuali di riduzione dell’assegno confermate per il 2020 sono le stesse del 1995, e sono le seguenti:

Redditi superiori a 3 volte il minimo: riduzione assegno pari al 25%;

Redditi superiori a 4 volte il minimo: riduzione assegno pari al 40%;

Redditi superiori a 5 volte il minimo: riduzione assegno pari al 50%.

 

Pensione di invalidità sociale 2020:

Redditi superiore a 3 volte il minimo calcolato su 13 mensilità (dal 2020 circa 26.783): assegno intero;

Redditi superiori a 4 volte il minimo: riduzione assegno pari al 25%;

Redditi superiori a 5 volte il minimo: riduzione assegno pari al 50%.

 

Pensione di invalidità 2020: cos'è, requisiti età e reddito

Che cos'è la pensione di invalidità civile?

  • La pensione di invalidità civile INPS è un assegno mensile che l’Istituto eroga a favore dei cittadini affetti da determinate malattie che non consentono di svolgere alcun tipo di attività lavorativa e si differenzia dagli altri tipi di invalidità perché non richiede il versamento dei contributi.

  • Un cittadino quindi affetto da una patologia invalidante, ha diritto a ricevere l’assegno di pensione di invalidità civile anche se non ha mai versato contributi obbligatori all’INPS.

Il riconoscimento del diritto all'assegno di invalidità civile INPS prevede specifici requisiti, quali:

  • pensione di invalidità civile requisiti Sanitari: il diritto all’assegno di invalidità civile si ottiene solo se il tipo di malattia invalidante di cui è affetta la persona rientra nelle fattispecie individuate dalla legge e se la percentuale di invalidità riconosciuta dalla Commissione Sanitaria ASL è tra il 100% e il 74%.

     

  • pensione d'invalidità civile requisiti di età: il riconoscimento dell’assegno di invalidità è riconosciuto dai 18 anni ai 67 anni, in quanto per i minori e over 67 vi sono altri tipi di prestazioni specifiche.

     

  • pensione di invalidità civile requisiti di reddito: l’assegno di invalidità spetta in misura proporzionale ai limiti di reddito.

Nello specifico, l’accertamento dei requisiti sanitari, devono essere appurati dall’Inps previa conferma da parte della Commissione Medica ASL, la quale ha il compito di determinare la percentuale di invalidità e confermare il diritto alla pensione di invalidità civile. Una volta accertato e riconosciuto il diritto, il cittadino tramite Caf e Patronati o mediante PIN dispositivo Inps, può inoltrare la domanda online per il riconoscimento dell’invalidità civile e dei vari benefici che ne derivano come la pensione, l’assegno, le agevolazioni fiscali, congedi e permessi lavorativi, esenzione ticket sanitario ecc.

 

Inoltre per gli invalidi civili, totali o parziali, e per i sordomuti titolari di una pensione non reversibile, hanno diritto a partire dal compimento dei 67 anni, alla trasformazione della pensione invalidità in assegno sociale.

  

Tipi di pensione, indennità e assegno invalidità civile INPS:

I tipi di pensione, indennità e assegno di invalidità civile INPS, variano a seconda dell’età, della percentuale di invalidità riconosciuta dalla Commissione Medica ASL e dal reddito:

  • Assegno mensile di assistenza: spetta ai cittadini con una percentuale di invalidità civile almeno al 74%, con età compresa tra i 18 e i 67 anni, che non possono e non svolgono alcuna attività lavorativa e con limite reddito sotto a 4.408,95 euro.

  • Pensione di inabilità: spetta ai cittadini con invalidità civile al 100%, di età compresa tra i 18 e i 67 anni, che non possono svolgere nessuna attività lavorativa e che hanno un reddito sotto i 15.154,24 euro.

  • Indennità mensile di frequenza: spetta a minorenni di età sotto ai 18 anni che abbiano difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell’età e con un reddito annuo personale sotto i 4.408,95 euro.

  • Indennità di accompagnamento: spetta ad invalidi civili riconosciuti con percentuale di invalidità pari al 100%, che hanno difficoltà nella deambulazione e pertanto necessitino di assistenza continua e che non siano ricoverati gratuitamente in istituto.

  • Assegno sociale: è l’indennità che spetta agli invalidi civili dopo i 67 anni che siano quindi titolari di pensione di inabilità o di assegno mensile.

 

Assegno invalidità civile 2020: come fare domanda all'Inps?

Come fare domanda di pensione di invalidità civile 2020 INPS? 

Il cittadino deve presentare obbligatoriamente all’INPS la domanda pensione invalidità civile online, a tal fine, può rivolgersi a Caf e Patronati, Associazioni di categoria oppure se dispone di PIN dispositivo INPS direttamente sul sito ufficiale dell’istituto.

  • Prima di inviare la domanda di pensione, assegno e indennità invalidità civile, il cittadino deve rivolgersi ad un medico certificatore presente nell’ elenco INPS medici certificatori invalidità civile, che ha il compito di inviare all’INPS per via telematica la richiesta del riconoscimento di invalidità civile da parte del cittadino e al contempo rilascia al richiedente la ricevuta di trasmissione.

  • Con la ricevuta di trasmissione del certificato medico online invalidità civile, il cittadino può presentare la sua domanda per via telematica rivolgendosi a Caf, Associazioni ecc. La domanda invalidità civile va fatta quindi online e indicando il numero di protocollo del certificato medico già trasmesso dal medico certificatore all’INPS.

  • Dopo al massimo 15 giorni dopo l’invio della domanda invalidità civile, la Commissione Medica ASL, verifica e controlla la domanda ed effettua i consueti accertamenti sanitari chiamando il richiedente alla visita medica se impossibilitato a presentarsi per le condizioni di salute, la visita medica viene effettuata presso il domicilio o presso il luogo di momentanea residenza del malato.

  • A seguito della visita medica, la Commissione medica ASL provvede a rilasciare un verbale provvisorio che conferma la patologia, condizione e percentuale di invalidità, e con il quale il richiedente può già richiedere le agevolazioni previste dal suo status di invalido civile. Il pagamento della prima indennità, ovvero, il pagamento dell’assegno di pensione invalidità civile parte dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda per l’accertamento sanitario dell’invalidità.

 

Percentuale di invalidità riconosciuta: età e punteggio 33,33% al 100%

Percentuale di invalidità riconociuta pari al 33,33% o difficoltà permanenti a svolgere le funzione proprie dell’età: spetta il riconoscimento dello status di invalido civile e agevolazioni per l’acquisito di protesi ed altri strumenti medici.

 

Minori con difficoltà permanenti a svolgere le funzione proprie dell’età: spetta Indennità mensile di frequenza.

 

Percentuale invalidità riconosciuta al 46% per persone dai 18 ai 55: spetta iscrizione al collocamento obbligatorio nelle cd. categorie protette.

  • Percentuale invalidità riconosciuta al 51%: spettano anche Congedi per cure.

  • Percentuale invalidità riconosciuta al 67%: spetta anche l’esenzione ticket sanitario;

  • Percentuale invalidità riconosciuta al 74%: spetta l’Assegno mensile dai 18 anni ai 67 anni.

  • Percentuale invalidità riconosciuta al 100%: spetta Pensione inabilità.

Tutti i Soggetti impossibilitati a deambulare e compiere autonomamente le più semplici azioni della vita quotidiana: spetta l’Indennità di accompagnamento.

 

Aumento pensioni invalidità civile 2020: nuovi importi e limiti di reddito

Ai cittadini ai quali la Commissione medica ASL riconosce una pensione invalidità civile al 100% spetta un assegno mensile che varia in base al reddito:

 

Assegno invalidità in misura intera se il limite di reddito 2020 non è superiore a 16.982,49 euro o se è ricoverato presso ospedale pubblico che provvede al suo sostentamento e spetta a cittadini italiani e con residenza sul territorio nazionale, a cittadini stranieri comunitari iscritti all’anagrafe del Comune di residenza e a cittadini stranieri extracomunitari legalmente soggiornanti nel territorio dello Stato. 

 

Passiamo ora a vedere pensione di invalidità civile Inps importo: gli importi pensioni e accompaganamento e i limiti di reddito 2020 dobbiamo attendere la nuova circolare Inps ma possiamo già anticipare che ci sarà comunque la conferma dell'aumento pensioni di invalidità civile grazie alla legge di Bilancio 2020 che ha confermato la pensione di cittadinanza. 

Inoltre si deve attendere anche la percentuale di rivalutazione ISTAT pensioni dal 1° gennaio 2020.

 

La rivalutazione pensioni 2020 è dello 0,4% per cui l'importo pensione di invalidità 2020 avrà un aumento di poche euro al mese: 286,81 euro nel 2020.

 

Nuovi importi pensione di invalidità 2020:

  • Assegno di accompagnamento: 518,4 euro senza limiti di reddito, per 12 mesi;

  • Pensione ciechi civili assoluti: assegno di 310,17 euro e limite di reddito 16.982,49 euro;

  • Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati): assegno di 286,81 euro e limite di reddito 16.982,49 euro;

  • Pensione ciechi civili parziali: assegno di 286,81 euro e limite di reddito 16.982,49 euro;

  • Pensione invalidi civili assoluti con accompagnamento: assegno di 918,84 euro Senza limiti di reddito;

  • Pensione di invalidità parziale: 286,81 euro con limite reddito 2020 pari a 4.926,35 euro.

  • Pensione sordi: assegno di 286,81 euro e limite di reddito euro 16.982,49 euro;

  • Indennità mensile frequenza minori assegno di 286,81 euro e limite di reddito 4.926,35 euro;

  • Assegno di accompagnamento invalidi civili totali: assegno di 516,35 euro e nessun limite di reddito;

  • Indennità comunicazione sordi: assegno di 255,79 e nessun limite di reddito;

  • Indennità speciale ciechi ventesimisti: assegno di 212,86 euro e nessun limite di reddito;

  • Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major: assegno 507,42 e nessun limite di reddito.

  • Maggiorazione sociale pensionati invalidi civili al 100% 2020: 651,51 euro, per 13 mensilità per chi ha un reddito personale entro i 8.469,63 euro per il pensionato solo e 14.447,42 euro per il pensionato coniugato.

 

Aumento pensione di invalidità 2020 con la pensione di cittadinanza:

Per effetto della nuova legge di Bilancio 2020 è confermata la pensione di cittadinanza e quindi l'integrazione economica da parte dello Stato per quei pensionati che sono sotto la soglia di povertà.

 

Gli aumenti pensioni 2020 grazie alla pensione di cittadinanza, riguardano gli OVER 67 con Isee pari a 9360 euro se vivono soli e 7560 euro se si ha una casa di proprietà, titolari di:

  • pensioni di invalidità;

  • assegni sociali;

  • pensionati minimi.

Da quando parte il pagamento della pensione di invalidità civile parte dell'INPS?

L'erogazione della prestazione all'invalido civile, parte dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda.

Per cui se si presenta il modulo domanda a marzo 2020, il pagamento parte dal 15 aprile. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA