Aumento pensioni 2019: a chi spetta la Pensione di cittadinanza?

«Aumento pensioni 2019 pensione di cittadinanza a 780 euro cos'è e come funziona quanto spetta minime, invalidi civili e assegno sociale esempio pratico»

Aumento pensioni 2019: a chi spetta la pensione di cittadinanza e l'aumento per la rivalutazione ISTAT all'1,1%: in base alle ultimissime notizie della Legge di Bilancio 2019, l'aumento delle pensioni minime con la pensione di cittadinanza partirà dal 6 marzo 2019, e non più dal 1° gennaio, per tutti i titolari di assegno sociale, pensione minima e invalidità che risultino in possesso di tutti i requisiti di legge previsti per il reddito di cittadinanza.

 

Confermato l'aumento pensioni basse 2019 con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2019 e del decretone Quota 100 e reddito di cittadinanza pubblicato in GU,  c'è grande fermento tra gli attuali, ed i futuri, beneficiari dell’assegno sociale, della pensione minima e di invalidità, già perché dal mese di aprile scattano gli aumenti pensioni 2019 per:

  • aumento pensioni minime 2019;

  • aumento pensione di invalidità civile 2019;

  • aumento assegno sociale 2019,

con un incremento fino a 780 euro, che è la famosa soglia di povertà dell'ISTAT al di sotto della quale si è considerati poveri, grazie alla pensione di cittadinanza del M5s.

 

Alla luce di questa importante novità andiamo a vedere pensioni 2019 aumenti per l'assegno sociale, invalidità civile, pensione minima e pensione di reversibilità cos'è e come funziona visto l'avvicinarsi dell'entrata in vigore del reddito e pensione di cittadinanza.

 

Pensioni 2019 ultime notizie:

Pensioni 2019 ultimissime notizie: di novità e di ultime notizie pensioni 2019 che riguardano appunto la nuova riforma pensioni 2019 ce ne sono tantissime, a partire dalla pensione di cittadinanza per i pensionati over 67 a basso reddito.

 

In pratica l'aumento degli assegni sociali, pensioni minime e di invalidità con la pensione di cittadinanza secondo quanto previsto dal decreto pensioni 2019, è a partire dal mese di aprile 2019 e non più da gennaio.

Nel testo della a nuova Legge di Bilancio 2019 oltre agli aumenti pensione basse ci sono altre novità:

  • Pensioni Quota 100: dal mese di aprile 2019 entra in vigore l'opzione Quota 100 che consente l'accesso alla pensione anticipata a quei lavoratori, la cui somma tra età e contributi fa appunto Quota 100, partendo da un'età minima 62 anni + 38 anni di cotributi versati. In questo modo, il governo gialloverde, cerca di limitare i "danni" della legge Fornero e consentire a chi voglia ed i requisiti, di lasciare in anticipo il lavoro prima dei 67 anni di età.

  • Taglio pensioni d'oro: approvato l'emendamento che prevede il contributo di solidarietà sulle pensione d'oro fino al 40%.

  • la Quota 41 pensioni per tutti è sfumata, ma rimane confermata nel 2019 per determinate categorie di lavoratori.

  • Proroga APe social anche nel 2019.

  • la proroga Opzione donne 2019: opzione che consente sia alle donne che lavorano nel settore pubblico che privato e alle autonome, di poter lasciare il lavoro a: 

    • 57 anni e 7 mesi: se dipendenti pubbliche;

    • 58 anni e 7 mesi d’età: se autonome.

    avendo versato almeno:

    • 35 anni di contributi.

    Condizione necessaria per accedere all'opzione donne è di accettare che il calcolo dell’assegno della pensione avvenga SOLO con il metodo contributivo con conseguente penalizzazione dell'importo spettante.

     

  •  blocco rivalutazione pensioni 2019.

 

Aumento pensioni 2019 con la pensione di cittadinanza:

Aumento pensioni 2019 di 780 euro con la pensione di cittadinanza per gli assegni sociali e le pensioni minime? Secondo quanto confermato dalla Legge di Bilancio 2019 e dal decretone appena convertito in legge, il governo gialloverde da maggio aumenta gli assegni sociali e le pensioni minime con un incremento di 780 euro.

 

Decidere di aumentare gli assegni fino a 780 euro per gli over 67 titolari di pensioni minime, assegni sociali e di invalidità, servirà quindi a ridare nuove speranze, dignità ed equità ai nostri pensionati.

 

Ma perché l'incremento è di 780 euro delle pensioni più basse? Perché 780 euro è che la soglia ISTAT calcolata, al di sotto della quale, in Italia, si è considerati in una situazione economica di povertà.

 

Grazie alla pensione di cittadinanza 2019 dal 6 marzo quindi ci saranno i seguenti aumenti pesioni 2019:

  • Se la persona è over 67, ha un basso ISEE, vive sola ed è in affitto: gli spettano quindi 630 euro + 150 euro di contributo affitto, per cui sono 780 euro. 

    Pertanto al titolare dell'assegno sociale 2019 che quest'anno è pari a 458 euro spetta un aumento 2019 pari a 322 euro con la pensione di cittadinanza.

    Come vedremo più avanti, la stessa cosa accade ai pensionati minimi.

     

  • Se invece vive insieme al coniuge sempre over 67, ha un basso reddito e vivono in affitto gli spettano: 882 euro + 150 euro di contributo affitto= 1032 euro.

  • Approvato un emendamento al decretone che prevede che la pensione di cittadinanza spetti anche agli under 67 nel caso in cui convivano con una o più persone in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza.

     

Pensione di cittadinanza 2019 requisiti per l'aumento:

Pensione di cittadinanza 2019 requisiti: In base a quanto previsto dal decreto reddito e pensione di cittadinanza, ecco i requisiti richiesti per avere diritto all'aumento pensioni 2019:

  • vivere in nucleo familiare costituito da soli over 67;

  • under 67 SOLO nel caso in cui si conviva con una o più persone in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza.

  • requisiti ISEE: reddito indicato nell'ISEE 2019 inferiore a 9.360 euro se in affitto o a 7560 euro se con casa di proprietà;

  • Valore patrimonio immobiliare: non deve superare i 30.000 euro, fatta eccezione della prima casa.

  • Valore patrimonio mobiliare: calcolato sempre ai fini ISEE, non deve superare la seguente soglia: 6.000 euro se si vive da soli, + 2.000 euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000, incrementabile di ulteriori euro 1.000 per ogni figlio successivo al secondo + 5.000 per ogni componente con disabilità. 

  • Valore reddito familiare: la soglia parte da una base di 6.000 euro annui per chi vive da solo, moltiplicata per uno specifico parametro della Scala di equivalenza.

  • Inoltre occorre non aver acquisto una nuova auto superiore a 1600 cv nei 6 mesi prima della domanda e una moto o una nave e imbarcazione da diporto nei due anni precedenti la domanda.

L'aumento degli assegni socialidelle pensioni minime, delle pensioni di invalidità e reversibilità fino a 780 euro, grazie alla pensione di cittadinanza riguarderà almeno 4 milioni e mezzo di pensionati e un impegno di risorse economiche non indifferente per coprire l'intervento sue queste due tipologie di pensioni.

 

Aumento pensioni 2019 assegno sociale:

Aumento pensioni 2019 per l'assegno sociale a 780 euro: Si, secondo le ultimissime notizie sulle pensioni 2019, la legge di Bilancio 2019 ha confermato l'aumento per  l'assegno sociale dal 2019 insieme a quello delle pensioni minime, incrementandoli fino a 780 euro.

 

Aumento assegno sociale a 780 euro cos'è? L'aumento assegno sociale 2019 è l'aumento previsto dal governo gialloverde con la pensione di cittadinanza che prevede una integrazione al reddito per i pensionati con basso Isee.

 

Ecco un esempio pratico numerico su come funziona l'aumento assegno sociale dal 2019:

  • l'importo dell'assegno sociale 2019 che spetta grazie alla rivalutazione ISTAT confermata all'1,1% nel 2019,  è pari a 458 euro per 13 mensilità.

  • l'aumento previsto dal 2019, è un incremento da 458 euro fino a 780 euro con la pensione di cittadinanza per:

    • 1 componente + 67 anni senza casa integrazione al reddito pari a 630 euro + contributo affitto 150 euro = 780 euro;

    • 2 componente + 67 anni senza casa integrazione al reddito pari a 882 euro + contributo affitto 150 euro = 1032 euro.

     

  • Ciò significa che grazie alla pensione di cittadinanza, i 322 euro che è la parte che manca al raggiungimento dei 780 euro, soglia ISTAT al di sotto della quale si è in stato di povertà assoluta, è erogata dallo Stato.

 

Aumento pensioni minime 2019 a 780 euro:

Aumento pensioni minime 2019 a 780 euro, cos'è e come funziona? L'aumento delle pensioni minime dal 2019 funziona allo stesso modo dell'aumento degli assegni sociali e cioè, è lo Stato che paga la differenza tra quanto ricevuto con la pensione minima e quanto spetta con la pensione di cittadinanza.

 

Ricordiamo che l'importo delle pensioni minime è riconosciuto al pensionato che ha un reddito di pensione calcolato sulla base dei contributi versati ma che è al di sotto del livello fissato ogni anno per legge, ed è per questo che entrano in gioco le maggiorazioni sociali.

 

Ecco un esempio di calcolo aumento pensioni minime dal 2019:

  • l'importo dell'assegno sociale che spetta nel 2019, con l'aggiornamento della rivalutazione ISTAT, ai pensionati è pari a 513 euro per 13 mensilità.

  • l'aumento previsto con la pensione di cittadinanza è se si vive da soli: pari a 630 se si ha casa di proprietà e 780 euro se si vive in affitto perché 150 euro sono riconosciute come contributo per l'affitto.

  • Per cui con la pensione di cittadinanza, i 267 euro, se si vive in affitto, è la parte pagata dallo Stato.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA