Quota 100 pensioni 2020: requisiti età contributi, ultime notizie

«Pensioni Quota 100 a 62 anni di età e 38 di contributi requisiti e domande, finestre di uscita pensione anticipata ultime notizie riforma pensione 2020»

Quota 100 pensioni 2020: requisiti età e contributi, domanda, finestre.

Per capire cos'è e come funziona Quota 100 e da quando partono le domande, abbiamo dovuto attendere l'arrivo della legge di bilancio 2019 in Parlamento ed il decreto legge attuativo Quota 100.

 

Ora per sapere se e come cambierà Quota 100 nel 2020 dobbiamo nuovamente attendere il testo definitivo della nuova Manovra e la riforma pensioni 2020.

 

Pensioni 2020 ultime notizie di oggi:

Quali sono le ultime notizie sulle pensioni 2020? Le ultime notizie pensioni 2020 di oggi, parlano di diverse novità presenti nella Legge di Bilancio 2020 pensioni.

 

Ecco quindi cosa prevede la riforma pensioni 2020:

  • proroga opzione donne 2020: confermata l’opzione che consente alle donne in possesso di determinati requisiti per lasciare in anticipo il lavoro, cioè prima di aver raggiunto l’età prevista dalla pensione di vecchiaia 2020. Per le donne che accettano l’uscita anticipata sarà sempre applicato il ricalcolo contributivo.

  • Ape sociale 2020: l’anticipo pensionistico sociale istituito dai governi Renzi e Gentiloni, potrebbe essere riconfermata per agevolare i pensionamenti nei casi di crisi aziendale. 

  • aumento pensioni di invalidità: Matteo Salvini leader della Lega, ha promesso un aumento degli assegni di invalidità più bassi. 

  • Quota 41 per tutti: non dovrebbe esserci nel 2020 ma da 2022, dopo la conclusione di quota 100.

 

Pensioni Quota 100 a 62 anni:

Da quando parte la Quota 100 a 62 anni? In base alle ultime notizie e conferme avute leggendo il testo del decreto legge, l’avvio delle pensioni Quota 100 è stato poi davvero dal 1° aprile 2019.

 

In pratica Quota 100 è una misura sperimentale per 3 anni dal 2019, 2020 e 2021 rivolta sia ai lavoratori privati che ai dipendenti pubblici con tempistiche di preavvisono diverse.

  • pensioni Quota 100 lavoratori privati.

  • pensioni Quota 100 per i lavoratori pubblici: con preavviso di 6 mesi.

Ciò significa quindi che i lavoratori che possono vantare almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi versati, nel 2019, possono accedere alla pensione anticipata, secondo i primi calcoli, anche 5 anni e mezzo prima anche se, infatti c’è sempre un ma, si deve infatti tenere conto del taglio e quindi della penalizzazione sull’assegno della pensione che può arrivare fino al 25% dell’assegno

 

Anche se come più volte confermato dal governo, la pensioni Quota 100 senza penalizzazioni.

 

Quindi, Quota 100 a 62 anni quando parte? Quota 100 è partita dal 1° aprile.

 

Pensioni Quota 100: 3 finestre di uscita, quali sono?

Pensioni Quota 100 finestre di uscita, quali sono? In base alle ultimissime notizie il decreto Quota 100 2019 ha previsto 3 finestre di uscita anticipata, 1 ogni 3 mesi a partire dal mese di aprile.

 

Ecco le finestre uscita anticipata pensione Quota 100 per i privati:

  • pensioni Quota 100 prima finestra di uscita: aprile 2019;

  • pensione Quota 100 seconda finestra di uscita: luglio 2019

  • pensioni Quota 100 terza finestra in uscita: ottobre 2019.

Per i dipendenti pubblici: 6 mesi di preavviso per cui domanda:

  • 1° agosto 2019 per chi raggiunge Quota 100 entro il 2018;

  • 1° ottobre 2019 per chi raggunge i requisiti dal 2019.

 

Quota 100 vantaggi, per chi sono e quali sono?

Vantaggi pensioni Quota 100: quali sono e per chi sono?

Dalle prime simulazioni sembra che:

  • la Quota 100 non serve a molto a chi ha cominciato a lavorare presto, intorno ai 18 anni, perché è già vicino alla pensione anticipata INPS basata sui contributi versati e non sull'età.

  • per chi invece ha iniziato a lavorare verso i 30 anni, sono donne o precari, Quota 100 potrebbe avere un certo impatto da calcolare però in termini di taglio sull'assegno pensionistico.

  • i maggiori vantaggi Quota 100 sarebbero invece per chi ha iniziato a versare i contributi tra i 22 e i 26 anni di età, in quanto volendo, ora potrebbe uscire in anticipo dal lavoro, anche 5 anni prima con un taglio dell'assegno che potrebbe arrivare al 25%.

Da queste prime simulazioni vantaggi Quota 100, appare evidente che i benefici di questa misura riguardano soprattutto chi ha iniziato a lavorare tra i 22 ed i 26-30 anni.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA