Reddito di cittadinanza 2020: Requisiti ISEE, cos'è, domanda

«Reddito di cittadinanza 2020 requisiti ISEE, cos'è e come funziona, come fare domanda online, guida e novità Legge di Bilancio 2020 cosa cambia e novità»

Reddito di cittadinanza 2020 Requisiti, ISEE, come funziona, domanda e novità Legge di Bilancio 2020.

 

Ecco la la guida al reddito di cittadinanza per capire a chi spetta, quali sono i nuovi modelli di domanda Inps aggiornati ai nuovi requisiti ISEE 2019 fissati dal Decretone, e come richiederlo a Poste italiane e Caf.

 

Il reddito di cittadinanza del Movimento 5 Stelle, è stato riconfermato nella Legge di Bilancio 2020 per cui tutti i cittadini in possesso dei requisiti ISEE 2020, potranno continuare a presentare il modulo di domanda Inps sul sito ufficiale previa autenticazione tramite Spid, o tramite Poste Italiane o Caf convenzionati, per accedere alla misura.

 

I beneficiari reddito di cittadinanza già percettori, continueranno a ricevere sulla Carta Reddito di Cittadinanza cd. Carta RdC l'accredito della somma spettante anche nel 2020.

 

Ricordiamo che il beneficio RdC è composto da 2 componenti:

  • integrazione al reddito fino a 500 euro;

  • contributo per l'alloggio: pari a zero se vive in una casa di proprietà, 150 euro se si paga un mutuo, 280 euro se in affitto.

Sia l'affitto che il mutuo, devono essere pagati con bonifico alle Poste direttamente a chi eroga il mutuo o al locatore mentre i soldi residui, sono versati sulla Carta RdC, ossia una comune Postepay gialla dotata di microchip, senza nome e numeri in rilievo.

 

La somma accreditata va spesa interamente nel mese in cui viene accreditata, pena la decurtazione fino al 20% dell'importo, dopo 6 mesi, infatti, la carta si svuota lasciando al massimo una sola mensilità di reddito.

 

Reddito di cittadinanza: confermato in legge di Bilancio 2020

Reddito di cittadinanza 2020 conferma in Legge di Bilancio: approvato il testo della Manovra da parte del Consiglio dei Ministri "salvo intese". Tra le misure contenute c'è la riconferma del RdC e PdC anche nel 2020.

Andiamo quindi a vedere quali sono le novità Reddito di cittadinanza Legge di Bilancio 2020.

 

Con la nuova Legge di Bilancio 2020, il governo giallorosso, ha già confermato che il Reddito di cittadinanza 2020 ci sarà ma che potrebbe inserire delle modifiche alla normativa. Tra le modifiche al vaglio del governo Conte bis con la Legge di Bilancio 2020, c'è:

  • la sospensione temporanea del sussidio qualora vi fosse l'instaurazione di contratti a termine brevi. Il sussidio RdC verrebbe, pertanto, sospeso per tutta la durata del contratto e poi ripreso al termine dell'esperienza lavorativa. Una sorta quindi di stop and go.

  • Sanzioni reddito di cittadinanza 2020 più severe per chi non si presenta alle iniziative di orientamento e ai progetti indicati dagli operatori dei centri per l'impiego e dai navigator.

 

Reddito di cittadinanza ISEE corrente ultimissime novità:

Reddito di cittadinanza ISEE corrente novità:

Con l'approvazione e pubblicazione del decreto Crescita in Gazzetta Ufficiale, sono operative le nuove regole per l'ISEE corrente reddito di cittadinanza.

 

In pratica il decreto ha introdotto 2 novità molto importanti:


La prima novità riguardano le cause per richiedere l'Isee corrente ai fini di reddito di cittadinanza, che diventano più estese ed alternative tra loro:

  • se uno dei componenti della famigllia perde il lavoro;

  • se uno dei componenti della famigllia perde un trattamento assistenziale, previdenziale o indennitario esente da Irpef;

  • se c'è una riduzione dei redditi del 25%, un'eventualità che può ricorrere in numerosi casi. 

Con questa modifica si consente anche a chi ha perso il lavoro da qualche mese di poter fare subito domanda senza dover aspettare l'ISEE ordinario.

 

La seconda novità introdotta dal decreto Crescita riguarda il calcolo dell'ISEE.

Si introduce sempre dal 1° gennaio 2020, la cd. doppia opzione di calcolo ISEE ai fini di accesso al reddito di cittadinanza.

 

In pratica con il testo decreto Crescita è stato modificato il comma 4 dell'articolo 10 del Decreto legislativo 147/2017 secondo cui per il calcolo dell'Isee ordinario deve essere effettuato tenendo conto dei patrimoni e dei redditi del secondo anno precedente.

 

La nuova norma quindi va a risolvere il problema per quei richiedenti di Reddito di cittadinanza che risultavano occupati nel 2017 ma disoccupati nel 2018 e che pertanto erano esclusi dal beneficio perché l'ISEE 2019, prendeva come riferimento solo i redditi e patrimoni del 2017.

 

Dal 2020, pertanto, la valutazione della Domanda reddito di cittadinanza sulla base del reddito corrente permetterà ai disoccupati in situazioni particolari, anche se percettori di sussidio o disoccupati da oltre 18 mesi, di ottenere il Reddito di cittadinanza.

 

Reddito di cittadinanza requisiti:

Decretone approvati nuovi requisiti reddito di cittadinanza:

con la conversione in legge del decreto reddito di cittadinanza DL 4/2019 ed il conseguente passaggio del testo in Parlamento, sono cambiati alcuni importanti requisiti Reddito di cittadinanza.

 

Ecco quindi Reddito di cittadinanza Inps nuovi requisiti:

 

Nuovi requisiti per i richiedenti Stranieri:

Per quanto riguarda gli stranieri il decretone ha previsto 2 novità importanti:

 

1) la Certificazione del reddito e del patrimonio familiare tradotta in italiano da farsi rilasciare dal Paese di origine, escludendo però dall'obbligo:

  • rifugiati politici;

  • cittadini di paesi dai quali non è possibile ottenere questo documento. 

2) Il NON dover possedere immobili del valore superiore a 30mila euro all’estero e non solo in Italia.

 

Dimissioni volontarie:

Rispetto alla precedente normativa che escludeva dal beneficio RdC l'intero nucleo familiare in caso di dimissioni volontarie anche di 1 solo componente, il decretone prevede invece che venga escluso solo il richiedente che si è dimesso volontariamente nell’ultimo anno ma ciò comporta una riduzione dell'importo spettante.

 

Contro i furbetti del Reddito di Cittadinanza:

  • Contro i furbetti del cambio di residenza: approvato l'emendamento che prevede che in caso di coniugi separati dopo il 1° settembre 2018, il cambio di residenza deve essere certificato da un verbale della polizia locale. 

  • Contro i finti genitori single: obbligo di presentare un Isee comprensivo della situazione patrimoniale e reddituale anche dell'altro genitore, anche se non c'è matrimonio o convivenza tra i due. L'obbligo non si applica laddove uno dei due genitori si è risposato o ha avuto figli con altri partner o se c'è un assegno di mantenimento stabilito dal giudice.

 

Per i disabili: novità decretone

Con il decretone approvato l'aumento di 50 euro per le famiglie con disabili e l'estensione della pensione di cittadinanza per chi ha componenti con disabilità.

Nello specifico le novità riguardono:

  • aumento di un punto della scala di equivalenza che può arrivare ora a 2,2 per i nuclei familiari con disabili a carico, ciò consente l'aumento di 50 euro del limite che passa dagli attuali 1.330 a 1.380 euro. 

  • e accesso alla pensione di cittadinanza nel caso in cui componente o i componenti del nucleo familiare di età pari o superiore ai 67 anni convivano esclusivamente con una o più persone in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza.

  • nuclei Familiari con disabili o con minori: il limite di distanza per la congruità dell'offerta di lavoro RdC, diventa entro i 100 km o 100 minuti con i mezzi di trasporto pubblici. Per i primi 24 mesi la terza offerta è ritenuta congrua solo qualora la distanza non sia superiore a 250 chilometri.

 

Sanzioni datori di lavoro:

I datori di lavoro che assumono i beneficiari del reddito di cittadinanza non potranno licenziarli per almeno 36 mesi, altrimenti perderanno il bonus e dovranno pagare delle sanzioni.

Approvata inoltre una maxi multa (+20% rispetto alla sanzione attuale) nei casi di mancata comunicazione dell'instaurazione del rapporto di lavoro con percettori del reddito di cittadinanza. 

 

Aumento delle ore di lavoro di pubblica utilità::

Le ore da svolgere obbligatoriamente per i servizi utili per la collettività da 8 settimali, diventano da un minimo di 8 ad un massimo di 16 ore.

 

Retribuzione minima:

Approvata la norma che introduce per i percettori del reddito di cittadinanza la soglia limite di retribuzione per accettare l'offerta di lavoro.

 

Tale soglia è stata fissata 858 euro. La modifica stabilisce infatti che l’assegno deve essere superiore del 10% rispetto “alla misura massima del beneficio fruibile dal singolo individuo, per cui 780 euro + 10% = 858 euro.

 

Ricordiamo infatti che per essere congrua l'offerta di lavoro deve rispondere a 3 requisiti:

  • essere a tempo indeterminato (o a termine o di somministrazione di almeno tre mesi);

  • essere full time o con un orario non inferiore all’80% dell’ultimo contratto di lavoro;

  • prevedere una retribuzione non inferiore a 858 euro.

 

I Navigator diventano 3.000:

Dopo l'accordo con le Regioni, i Navigator reddito di cittadinanza scendono a 3.000 unità. Solo dopo il 2021, potranno essere assunte altre risorse.

 

Cos'è il reddito di cittadinanza 2020?

Che cos'è il Reddito di cittadinanza? Il RdC è l'aiuto economico che il governo ha destinato a 5,5 milioni di italiani che si trovano privi di reddito o che hanno redditi troppo bassi.

 

Il Reddito di cittadinanza è lo strumento che il M5S ha scelto già dal 2013 come misura contro la povertà, la disuguaglianza e l’esclusione sociale e come promozione del diritto al lavoro e della formazione professionale attraverso politiche finalizzate al sostegno economico e all’inserimento sociale di tutte le persone a rischio emarginazione nella società e nel mondo del lavoro.

 

Ora con il Governo Conte 2 si è provveduto a riconfermare il reddito di cittadinanza 2020 nella legge di Bilancio 2020 insieme anche ad altre importi misure, quali ad esempio le pensioni Quota 100 e il nuovo fondo per le famiglie.

 

Ma esattamente cos'è e come funziona e quali sono i requisiti Reddito di cittadinaza per richiederlo ed ottenerlo?

 

Reddito di cittadinanza come funziona:

Reddito di cittadinanza 2020 come funziona:

- Secondo i dati ISTAT, in Italia chiunque vive da solo con meno di 780 euro al mese si trova sotto la soglia di povertà. Tale soglia, inoltre, varia a seconda del numero dei componenti della famiglia.

 

- Il reddito di cittadinanza 5 Stelle prevede quindi l'erogazione di un contributo economico in modo tale che chiunque possa raggiungere la soglia dei 780 euro al mese.

 

Per cui se in una famiglia c'è solo una persona senza reddito, ha diritto a 500 euro + 280 euro di integrazione per l'affitto, per cui 780 euro nette al mese mentre se sta pagando il mutuo, l'integrazione è pari a 150 euro.

 

Se la famiglia invece è composta ad esempio da padre e madre + 1 figlio maggiorenne + 2 figli minorenni, spetta un reddito di cittadinanza pari a 1.330 euro al mese nette al mese.

 

- Anche chi ha un lavoro full time ma è sottopagato ha diritto all'integrazione del reddito di cittadinanza, infatti, il Movimento 5 Stelle ha pensato anche a questa eventualità, con l'introduzione del cd. salario minimo contrattuale che prevede il pagamento base di almeno 9 euro l'ora. In caso di lavoro part time, è prevista l'integrazione salariale fino a 780 euro al mese.

 

- Per ottenere il reddito di cittadinanza occorre essere in possesso di determinati requisiti Isee e patrimonio, residenza, di età ecc.

 

- Per mantenere nel tempo il reddito di cittadinanza, occorre seguire delle regole ben precise altrimenti il sussidio si perde.

 

- Previsti anche diversi vantaggi per le imprese che assumono i beneficiari del reddito di cittadinanza 5 stelle, laboratori per la creazione di nuove imprese, concessioni di beni demaniali per le start up innovative e per il recupero agricolo.

 

Attraverso il sito ufficiale RdC, che si accede previa autenticazione SPID identità digitale, si può compilare il modulo Inps e quindi fare la domanda reddito di cittadinanza online, allegare documenti ed entrare nel circuito del progetto dei Centri per l'impiego e del Navigator.

Per chi non ha dimestichezza di computer e internet, il modulo di domanda Reddito di cittadinanza Inps può essere presentato presso gli uffici di Poste Italiane o tramite Caf convenzionati.

 

Compilata la domanda reddito di cittadinanza online bisognerà attendere le verifiche dell'INPS ed in caso di esito positivo, recarsi personalmente presso l'Ufficio postale per ritirare la Carta RdC 2019. I primi contributi saranno pagati dal mese di maggio.

 

- per chi ha una casa di proprietà, l'importo reddito di cittadinanza scende a circa 500 euro.

 

- il limite patrimonio mobiliare: inferiore a 6 mila euro + 2000 per ogni familiare dopo il primo fino ad un massimo di 10.000 euro, incrementati di 1000 euro per ogni figlio dopo il secondo e di 5000 per ogni componente disabile.

 

- il limite patrimonio immobiliare: è fino a 30.000 euro esclusa la prima casa di abitazione.

 

Come viene erogato il reddito di cittadinanza: tramite un'apposita Carta reddito di cittadinanza 2019. La carta di cittadinanza è la modalità scelta dal governo gialloverde per i pagamenti reddito di cittadinanza ai cittadini beneficiari. Tale soluzione tecnologica, servirà a tracciare in via anonima i movimenti e le spese effettuate e non sarà permesso il risparmio, anzi verrà penalizzato, tutto l'ammontare del reddito deve essere infatti speso entro il mese di accredito altrimenti nel mese successivo l'importo viene ridotto del 20%.

Inoltre non sono ammesse le spese "immorali" ma solo spese di prima necessità. Per pagare l'affitto o il mutuo si utilizzerà un bonifico di Poste Italiane.

 

- in base alle ultimissme notizie, il reddito di cittadinanza e la pensione di cittadinanza partono rispettivamente a marzo 2019 e da febbraio 2019.

- prevista l'istituzione di una nuova figura professionale chiamata Navigator reddito di cittadinanza che ha detta dello stesso Di Maio, sarà una figura scelta tramite colloquio che avrà il compito di prendere in incarico la persona beneficiaria dell'RdC ed iscritta al Centro per l'impiego, e seguirla passo passo nella sua formazione fino al reinserimento nel mondo del lavoro. I navigator saranno retribuiti in base alle persone che hanno trovato un nuovo posto di lavoro.

 

- il reddito di cittadinanza è diventata misura "attiva", infatti, il governo è a lavoro per destinare l'assegno di 780 euro alle imprese che assumeranno il lavoratore beneficiario del reddito. Tale sussidio quindi sarà incassato dalle aziende per 5 mesi e per 6 mesi in caso di assunzione di donne e disabili attraverso la stipula di un patto di formazione.

 

- il RdC è partito dal 6 marzo per il via alle domande, dal metà aprile ci saranno i controlli INPS e da maggio i primi pagamenti, il RdC include il reddito di inclusione, in questo modo il sussidio è garantito anche ad altre fasce di cittadini più deboli. I percettori del Rei potranno comunque decidere se passare al reddito di cittadinanza.

 

Reddito di cittadinanza 2020 a chi spetta:

A chi spetta il Reddito di cittadinanza 2020 e chi può richiederlo: secondo quanto previsto dal reddito di cittadinanza testo decreto legge, ecco i requisiti reddito di citttadinanza 2020 per avere diritto all'aiuto contro la povertà:

  • Avere più di 18 anni;

  • Essere disoccupati o inoccupati;

  • Limite di reddito ISEE 2020: avere un reddito Isee inferiore a 9.360 euro. Per cui se si ha un reddito inferiore alla soglia di povertà in Italia, soglia stabilita dall'ISTAT, certificato tramite l'ISEE si ha diritto all'aiuto.

  • Limite reddito familiare: per chi è solo il limite massimo è pari a 6000 euro, mentre per la pensione di cittadinanza è pari a 7560 euro e a 9.630 euro per l nucleo familiare che abita in una casa in affitto come da DSU ai fini ISEE. Il limite del reddito familiare è parametro in funzione alla Scala di equivalenza e cioè al numero di componenti del nucleo familiare.

  • Per chi ha una casa di proprietà, l'importo dell'RdC che spetta scende a 500 euro.

  • Per chi ha una seconda casa: il limite di reddito immobiliare non deve superare i 30.000 euro.

  • Per gli stranieri, occorre avere la residenza in Italia da almeno 10 anni con permesso di soggiorno CE di cui gli ultimi 2 anni in via continuativa.

  • Per chi è titolare di un assegno di disoccupazione, l'importo del reddito di cittadinanza, sarà detratto della stessa somma del sussidio.

  • Limite di reddito mobiliare: inferiore a 6 mila euro + 2000 per ogni familiare dopo il primo fino ad un massimo di 10.000 euro, incrementati di 1000 euro per ogni figlio dopo il secondo e di 5000 per ogni componente disabile.

  • Nessun componente del nucleo familiare deve essere intestatario a qualche titolo o avere piena disponibilità di auto immatricolate per la prima volta nei 6 mesi precedenti la domanda;

  • Nessun componente del nucleo familiare deve essere intestatario a qualche titolo o avere piena disponibilità di una auto con cilindrata superiore ai 1600 cc o motociclo superiore ai 250 cc immatricolati nei 2 anni precedenti la domanda, fatta eccezione per i veicoli acquistati con agevolazione fiscale per la disabilità.

  • Nessun componente deve essere intestatario a qualsiasi titolo o avere piena disponibilità di navi ed imbarcazioni da diporto.

  • Niente reddito di cittadinanza ai nuclei in cui siano presenti disoccupati per dimissioni volontarie. In base alle novità approvate dal decretone sarà escluso solo il componente che si è dimesso volontariamente e sarà ridotto il contributo per la parte relativa al componente.

 

Reddito di cittadinanza guida alla domanda: come fare?

1) Reddito di cittadinanza domanda online tramite sito ufficiale www.redditodicittadinanza.gov.it: per ottenere il reddito di cittadinanza, l'interessato deve presentare la domanda reddito di cittadinanza a partire dal 6 marzo 2019 tramite sito ufficiale reddito di cittadinanza gov accessibile solo tramite Spid o tramite Poste italiane o Caf. Vedi a tale proposito reddito di cittadinanza domanda.

 

2) Reddito di cittadinanza domanda tramite Poste italiane o Caf: sempre da 6 marzo 2019, i cittadini interessati a richiedere il beneficio, potranno recarsi alle Poste o ai Caf convezionati, per far compilare ed inviare il modulo domanda Inps reddito di cittadinanza + il modulo Certificazione dei redditi da compilare sulla base dell'Isee 2019.

Reddito di cittadinanza domanda online sito, Poste e Caf come funziona:

  • Domanda Reddito di cittadinanza da quando: è possibile presentare la domanda di redddito di cittadinanza a partire dal 6 marzo 2019.

  • Reddito di cittadinanza dove trovo il nuovo modulo di domanda Inps? Ecco il modulo redddito di cittadinanza pdf Inps che va compilato e presentanto:

    • direttamente online sul sito ufficiale tramite Spid;

    • o recandosi di persona presso gli uffici postali o ai Caf convezionati. Se non hai Spid, ecco la nostra guida Reddito di Cittadinanza Spid come richiederlo.

Risposte e quando arrivano i soldi:

  • Una volta presentata la domanda, l'INPS verifica il possesso dei requisiti e provvede ad inviare a casa l'esito della richiesta, sia se positiva che negativa a partire dal 15 aprile in poi. 

  • Se l'esito della domanda è positivo, l'INPS invita il neo beneficiario a ritirare entro 30 giorni dalla domanda, per cui entro il 30 aprile 2019, a recarsi all'ufficio postale per ritirare la sua Carta reddito di cittadinanza, una sorta di carta bancomat, sulla quale è già stato accreditato l'importo del reddito di cittadinanza a lui spettante.

  • Entro i successivi 30 giorni, ossia entro il mese di maggio, il cittadino beneficiario del reddito di cittadinanza è chiamato dal Centro per l'Impiego o dall'Agenzia per il lavoro privata, per sottoscrivere a seconda dei casi, un patto di lavoro, un patto di inclusione sociale che coinvolge Comune e Servizi sociali o un patto di formazione. 

  • Sempre nel mese di maggio se la domanda è stata presentata a marzo, il cittadino è chiamato dal Comune a svolgere le 8 ore settimanali di lavoro socialmente utile, fatta eccezione delle persone disabili o chi ha carico familiari con disabilità o figli piccoli.

 

Reddito di cittadinanza come ottenerlo e mantenerlo:

Reddito di cittadinanza m5s come ottenerlo e mantenerlo nel tempo?

I cittadini in possesso di tutti i requisiti previsti dalla legge, ottengono il reddito di cittadinanza M5S.

 

Per far sì che il reddito possa essere mantenuto nel tempo occorre però seguire alcune regole ben precise che sono:

  • Iscriversi al Centro per l’impiego e rendersi immediatamente disponibile al lavoro;

  • Iniziare un percorso nella ricerca attiva del lavoro;

  • Offrire la propria disponibilità per progetti comunali utili alla collettività (8 ore settimanali);

  • Frequentare percorsi per la qualifica o la riqualificazione professionale;

  • Effettuare la ricerca attiva del lavoro per almeno 2 ore al giorno;

  • Comunicare tempestivamente qualsiasi variazione del reddito;

  • Accettare una delle prime 3 offerte di lavoro congrue pervenute:

    • per chi percepisce il reddito di cittadinanza da 6 mesi: la prima offerta congrua è entro i 100 Km di distanza dalla residenza;

    • per chi lo percepisce da 12 a 18 mesi: la prima offerta congrua è entro 250 km;

    • per chi percepisce il reddito da oltre i 18 mesi è ovunque in Italia

  • Qualora i beneficiari del Rdc non dovessero venire convocati dai Centri per l’impiego entro 60 giorni dalla dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro, avranno diritto al cd. assegno di ricollocazione da spendere presso i soggetti ed enti che forniscono servizi di assistenza intensiva alla ricerca di lavoro (centri per l'impiego o agenzie per il lavoro accreditate) dove saranno affiancati da un tutor con il compito di trovare loro un’occupazione. 

 

Reddito di Cittadinza e Pensione di cittadinanza: differenza RdC e PdC

Che differenza c'è tra Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza? Come charito nella guida Reddito di Cittadinanza Inps, le regole che definiscono il funzionamento del Reddito sono analoghe a quelle della pensione di cittadinanza per i pensionati con la differenza che la PdC è un aiuto economico riservato alle famiglie di anziani a basso reddito.

 

La Pensione di cittadinanza funziona in modo più semplice perché non sono previsti obblighi legati al lavoro, ma è sufficiente la presentazione della domanda PdC per ottenere il beneficio, qualora ci siano tutti i requisiti.

 

Per quanto riguarda la modalità di erogazione del contributo queste saranno definite in sede di conversione del decreto istitutivo ma è importante ricordare che la PdC spetta solo in presenza di un nucleo familiare composto interamente da soggetti di età pari o superiore a 67 anni.

 

Se si è già beneficiari del Rdc, la pensione di cittadinanza spetta invece dal mese successivo a quello del compimento del 67° anno del componente più giovane. In questi casi, la trasformazione da Rdc a Pdc è operata d’ufficio. 

 

Violazione obblighi e sanzioni Reddito di cittadinanza:

Per quanto riguarda gli obblighi e sanzioni reddito di cittadinanza ecco cosa si rischia:

  • Reclusione fino a 6 anni: Chiunque, ai fini del reddito di cittadinanza, fornisca "con dolo dati e notizie non corrispondenti al vero, incluso l'occultamento di redditi e patrimoni a fini Isee o di dichiarazioni fiscali, è punito con la reclusione da 1 a 6 anni, con la revoca del beneficio + recupero di quanto indebitamente percepito, disposti anche in assenza di dolo e non potrà richiedere il sussidio prima di 10 anni.

  • Per la violazione di una delle regole del “Patto di lavoro”: sono previste una serie di sanzioni che vanno dalla sospensione del sussidio per alcuni mesi fino alla revoca dello stesso.

  • Con la carta RdC possono essere prelevate al massimo 100 euro in contanti se si è single e fino a 210 euro al mese per le famiglie più numerose. Inoltre non sarà possibile utilizzare i soldi del contributo in spese per giochi che prevedono vincite in denaro o similari, pena la revoca del beneficio. Per il controllo delle spese vengono istituite 2 piattaforme informatiche: il Siupl, per il coordinamento dei centri per l’impiego ed il Siuss, per il coordinamento dei comuni. Ai beneficiari sono estese le agevolazioni sulle tariffe elettriche e del gas per le famiglie svantaggiate, per cui spetta il bonus luce e gas.

 

Reddito di citadinanza importi e quanto spetta:

Quanto spetta con il reddito di cittadinanza 5 stelle? 

In attesa della pubblicazione del decreto reddito di cittadinanza in Gazzetta Ufficiale, andiamo a vedere reddito di cittadinanza 2020 calcolo e importo ossia quanto spetta con il nuovo aiuto alle famiglie e ai single.

 

Reddito di cittadiananza importo: Fino adesso la nostra guida al reddito di cittadinanza in Manovra 2019 è andata a spiegare cos'è e come funziona, quali sono le regole di applicazione, quali le condizioni necessarie per mantenere nel tempo il sussidio e la sua durata, ora invece andiamo a spiegare l'aspetto economico facendo riferimento anche a qualche esempio ufficiale.


Reddito di cittadinanza importi In base al testo diffuso sul governo.it ecco la tabella importi reddito di cittadinanza:

Reddito di cittadinanzaimporti
1 persona adulta500 euro + 280 contributo affitto = 780 euro;

2 persone adulte

2 persone: 1 adulto + figlio under 14

700 euro + 280 euro afftto = 980 euro;

600 euro + 280 euro affitto = 880 euro.

3 persone adulte

3 persone: 1 adulto + 2 minori

3 persone: 2 adulti + figlio under 14

3 persone: 3 adulto + 2 figli under 14

900 euro + 280 = 1180 euro;

700 + 280 uro = 980 euro

800 + 280 = 1080 euro;

900 euro + 280 euro = 980 euro.

4 persone: 1 adulto e 3 under 14

4 persone 2 adulti + 2 under 14

4 persone: 3 adulti + 1 under 14

4 persone adulte

800 euro + 280 euro = 1080 euro;

900 euro + 280 euro = 1180 euro;

1000 euro + 280 euro = 1280 euro;

1050 euro + 280 euro = 1330 euro.

 

5 persone 2 adulti + 3 figli under 14

5 persone: 3 adulti e 2 figli under 14

 

1000 euro + 280 euro = 1280 euro;

1050 euro + 280 euro = 1330 euro.

Reddito di cittadinanza importo totale:

integrazione al reddito + 280 euro di contributo affitto o di 150 euro in caso di mutuo.

 

Se si tratta quindi di una persona single con reddito a zero e priva di occupazione spetta un importo di reddito di cittadinanza pieno, pari a 500 euro + integrazione di 280 euro se in affitto, per cu si arriva ai fatidici 780 euro o pari a 150 euro se paga il mutuo, per cui si arriva a 650 euro.

 

Reddito di cittadinanza su bancomat: cos'è e come funziona?

Reddito di cittadinanza bancomat cos'è e come funziona?

Il Reddito di cittadinanza sul bancomat è la modalità di pagamento elettronico scelta dal governo per erogare e gestire il reddito di cittadinanza..

 

Per erogare ai beneficiari del RdC, l'importo su una Carta RdC si utilizza una comune Poste Pay gialla senza nome mentre per pagare l'affitto o il mutuo, si dovrà effettuare un bonifico postale.

 

Attraverso il circuito della carta, sarà possibile tracciare tutte le spese effettuate tra quelle ammesse dalla legge, verificare e controllare il saldo e l'utilizzo dei soldi ed il blocco in caso di un'eventuale violazione delle norme.

 

Vuoi sapere quando arrivano i pagamenti RdC? Allora leggi la nostra guida Reddito di cittadinanza pagamento ottobre 2019 ricarica.

 

Incentivi assunzioni alle imprese:

In base a quanto previsto dal decreto reddito di cittadinanza alle imprese sono riservati una serie di incentivi qualora assumano i beneficiari del Rdc in caso di:

  • contratto a tempo indeterminato: se l'azienda non licenzia il lavoratore per almeno 2 anni otterrà una parte  del contributo spettante al lavoratore, fino a un massimo di 18 mesi;

  • se l'assunzione avviene tramite un'agenzia privata accreditata: l'importo del bonus viene diviso a metà fra azienda e agenzia. 

  • se il beneficiario del RdC avvia un'attività in proprio nei primi 12 mesi di fruizione dello stesso, continuerà a incassare il reddito di cittadinanza per altri 6 mesi.

 Ecco la guida Inps su come fruire del bonus assunzioni reddito di cittadinanza.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA