Reddito di cittadinanza 2020: rinnovo ISEE quando, scadenza nuova DSU

«Reddito di cittadinanza Isee 2020 requisiti a chi spetta davvero la carta RdC Poste cos'è e come funziona, quando fare il rinnovo della DSU per non perderlo»

Reddito di cittadinanza Isee 2020: i cittadini beneficiari del Reddito di cittadinanza e della Pensione di cittadinanza per poter continuare a fruire con regolarità i suddetti aiuti contro la povertà anche nel 2020, in quanto riconfermato dalla nuova Legge di Bilancio 2020, devono procedere al rinnovo dell'ISEE alla sua scadenza.

 

Il rinnovo dell'ISEE 2020 per non perdere il Reddito di cittadinanza, o la PdC, deve avvenire alla scadenza dell'ISEE 2019 fissata per tutti al 31 dicembre 2019. Per coloro che provvederanno a rinnovarlo dopo, avranno la sospensione del pagamento in attesa del rinnovo.

 

Importi novità sono state introdotte dal decreto Crescita al reddito di cittadinanza 2020 Isee e calcolo, come l'ISEE corrente e la doppia opzione di calcolo.

 

Reddito di cittadinanza Isee 2020: rinnovo DSU per non perdere il RdC

Reddito di cittadinanza Isee 2020 rinnovo DSU per non perdere il RdC: come ormai tutti sapranno il reddito di cittadinanza è stato riconfermato dalla Legge di Bilancio 2020 per tutto l'anno 2020, ciò significa quindi che anche il prossimo anno:

  • tutti coloro in possesso requisiti ISEE e non, potranno presentare l'apposita domanda e richiedere l'aiuto;

  • chi già beneficia del RdC potrà continuare a fruire del sostegno economico fino alla scadenza naturale prevista al termine del 18° mese di fruizione. Tale durata è comunque prorogata per ulteriori 18 mesi per chi possiede ancora i requisiti previsti dalla normativa.

Ebbene, per coloro che già percepiscono il reddito di cittadinanza se intendono mantenerlo anche nel 2020, devono procedere a richiedere un nuovo ISEE 2020, in quanto il pagamento è condizionato dall’aggiornamento dell’ISEE, adempimento obbligatorio per tutti i nuclei familiari beneficiari di RdC/PdC.

 

il decreto 4/2019, poi convertito in legge 26/2019 - ad obbligare i beneficiari del reddito di cittadinanza ad aggiornare l’ISEE alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore. In caso contrario il reddito di cittadinanza verrà momentaneamente sospeso.

 

Reddito di cittadinanza: obbligo aggiornamento ISEE 2020

In base a quanto previsto dall'articolo 5 del decreto 4/2019 vi è l'obbligo di aggiornamento dell’ISEE alla scadenza di validità.

I requisiti economici di accesso al RdC [...] si considerano posseduti per la durata dell’attestazione ISEE in vigore al momento della presentazione della domanda [...] ferma restando la necessità di aggiornare l’ISEE alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore.

Quindi, l'aggiornamento ed il rinnovo dell'ISEE 2020 è obbligatorio in quanto serve a dimostrare di essere ancora in una situazione economica di svantaggio tale da rendere necessario il sostegno economico.

 

Reddito di cittadinanza 2020: entro quando va rinnovato l'Isee 2020?

Reddito di cittadinanza 2020 entro quando va rinnovato l'ISEE? In base alle ultimissime novità in tema di scadenza ISEE, tutte le attestazioni scadono il 31 dicembre 2019; quindi, la nuova DSU 2020 ai fini di rinnovo ISEE 2020 va presentata a partire dal 1° gennaio del 2020.

 

Una volta aggiornato l’ISEE, e accertato il mantenimento dei requisiti economici previsti dalla legge, si potrà godere del reddito di cittadinanza fino alla scadenza naturale senza dover fare una nuova domanda.

 

Reddito di cittadinanza ISEE 2020 e requisiti: a chi spetta davvero

Reddito di cittadinanza 2019 a chi spetta: In base a quanto previsto dal decreto 4/2019 dopo la conversione in legge e quindi dopo le ultime modifiche approvate dal Parlamento e definitivamente entrate in vigore con la pubblicazione del Decretone in Gazzetta Ufficiale, per ottenere il reddito di cittadinanza, i cittadini devono essere in possesso di tutti i requisiti necessari per avanzare la richiesta del sussidio.

 

Requisiti di Cittadinanza: possono presentare la domanda di reddito di cittadinanza:

  • cittadini italiani o dell’Unione Europea;

  • cittadini di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE di lungo periodo, ovvero titolare di protezione internazionale o apolide 

  • cittadini di paesi terzi, titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente, e familiari di un cittadino italiano o dell’Unione Europea. 

Requisiti di Residenza:

Essere residenti in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 anni in modo continuativo. 

 

Reddito di cittadinanza 2019 Isee e requisiti reddituali per avere diritto al reddito di cittadinanza sono:

  • Il valore ISEE non deve superare i 9.360 euro.

  • Patrimonio immobiliare in Italia e all’estero ai fini ISEE, non deve superare i 30.000 euro, fatta eccezione della prima casa.

  • Patrimonio mobiliare: non deve superare i seguenti limiti:

    • 6.000 euro: per chi vive da solo;

    • 8.000 euro: per i nuclei composti da 2 componenti;

    • 10.000 euro: per i nuclei composti da 3 o più componenti, aumentati di 1.000 euro per ogni figlio a partire dal terzo. 

    • + 5.000 euro per ogni componente con disabilità;

    • +  7.500 euro per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza.

  • Valore del reddito familiare inferiore a 6.000 euro annui moltiplicato per il parametro della scala di equivalenzaindicata nel Decreto:

    • 1 per il primo componente del nucleo

    • 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni

    • 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne;

    • fino ad un massimo di 2,2 nel caso nel nucleo siano presenti persone con grave disabilità o non autosufficienti.

Se vuoi sapere invece reddito di cittadinanza importo o quando arriva la ricarica carta reddito di cittadinanza, ti rimandiamo ai nostri articoli di approfondimento.

 

Requisiti beni durevoli:

Nessun componente del nucleo familiare deve essere intestatario o avere disponibilità di:

a) autoveicoli immatricolati la prima volta nei sei mesi antecedenti la richiesta;

 

b) di autoveicoli con cilindrata superiore a 1.600 cc o motoveicoli con cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei due anni prima la domanda, fatta eccezione per i veicoli acquistati con agevolazione legge 104 per persone con disabilità.

 

c) barche, navi ecc.

 

Reddito di Cittadinanza cos'è, come funziona carta e durata:

Che cos'è il reddito di cittadinanza? Il nuovo aiuto contro la povertà attualmente in vigore in Italia, si chiama Reddito di cittadinanza e spetta ai cittadini italiani, europei o extracomunitari in regola con il permesso di giorno, residenti da almeno 10 anni di cui gli ultimi 2 anni in via continuativa e che vivono una situazione economica disagiata e di esclusione sociale

 

Il sussidio viene erogato sulla Carta Reddito di Cittadinanza qualora la domanda venga accolta, il pagamento è preceduto dalla comunicazione ufficiale Inps che informa sul buon esito della domanda presentata nel mese precente.

 

L'importo RdC che spetta al cittadino cambia a seconda dei parametri, ossia dal reddito familiare, reddito Isee e dal numero dei componenti del nucleo familiare beneficiario della nuova misura.

 

In base agli esempi fatti dal governo, se una persona vive sola, ha un reddito al di sotto della soglia fissata dal decreto 4/2019 ed è in affitto, riceve sulla Carta Reddito di cittadinanza, che è lo strumento di pagamento scelto per erogare i soldi del beneficio, ha diritto a 780 euro al mese mentre una famiglia composta da 2 adullti e 1 figlio maggioranne o 2 figli minorenni, riceve fino a 1.330 euro al mese, per sapere cosa comprare Carta Reddito di cittadinanza.

 

Il sussidio dura 18 mesi (rinnovabili) ed obbliga a seconda delle situazioni, alla sottoscrizione degli obblighi del cd. patto per il lavoro e alla DID, dichiarazione di immediata disponibilità a lavorare o al patto di inclusione sociale con conseguente attivazione dei servizi sociali, comune e organi competenti. 

 

Chi non ha diritto al RdC reddito di cittadinanza 2020?

Non ha diritto al sussidio del reddito di cittadinanza e non si calcola quindi la scala di equivalenza, per coloro che si trovano in:

  • sono ricoverati presso istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a carico dello Stato o di altra P.A.;

  • i componenti del nucleo familiare disoccupati a seguito di dimissioni volontarie avvenute nei dodici mesi antecedenti la domanda;

  • componenti sottoposti a misura cautelare personale, condannati in via definitiva intervenuta nei 10 anni precedenti la richiesta per i delitti previsti dagli artt. 270-bis, 280, 289-bis, 416-bis, 416-ter, 422 e 640 bis del codice penale. 

Tutti gli altri riceveranno i pagamenti Reddito di cittadinanza tramite Carta RdC.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA