Legge di Bilancio 2020 Pensioni: Opzione donne, Ape social, Quota 100

«Legge di Bilancio 2020 pensioni cosa prevede la riforma su Quota 10, pensione anticipata e proroga Opzione donna, pensioni di garanzia per i giovani»

Legge di Bilancio 2020 pensioni ultimissime pensione di garanzia e anticipata: quali sono le novità contenute nella prossima Legge di Bilancio 2020?

 

Il testo della legge di Bilancio e dellla riforma delle pensioni deve ovviamente essere ancora preparato, discusso ed approvato ma visto che se siamo già a metà settembre, il nuovo governo Conte bis deve affrettarsi a delineare gli interventi sulle pensioni del governo giallorosso.

 

Nella nuova Legge di Bilancio 2020 pensioni via libera alla proroga Opzione donna 2020, a Quota 100 che si applica in via sperimentale fino al 2021, la pensione di garanzia per i giovani a basso reddito con carriere discontinue, interventi sui caregivers che assistono un disabile mentre non ci sarà la famosa Quota 41 per tutti, tanto amata dalla Lega di Salvini.

 

Andiamo quindi a conoscere quali sono le ultime novità sulla riforma pensioni nella Legge di Bilancio 2020.

 

Legge di Bilancio 2020 pensioni: la pensione di garanzia giovani

Pensione di garanzia 2020 per i giovani: nel programma di governo Conte bis del M5s e Pd, in tema di pensioni, è stato inserito un punto molto importante che riguarda la cd. pensione di garanzia, ovvero un nuovo meccanismo che consentirebbe ai giovani con carriere discontinue di ottenere una reale copertura previdenziale e quindi un assegno di pensione.

 

Pensione di garanzia cos'è e come funziona: La misura è allo studio del Partito democratico già da diverso tempo ed è stato affrontato prima col governo Renzi e poi con quello di Gentiloni, senza però arrivare mai ad una proposta concreta.

 

L'intento, con la pensione di garanzia giovani, è quello di rendere cumulabile il basso trattamento che matureranno tra 20-30 anni i giovani nati dagli anni '70 in poi, poiché interamente a sistema contributivo, con assegni di tipo sociale, o con altri strumenti di sostegno al reddito, per le fasce più povere.

 

Per realizzare la misura occorre quindi una legge che tolga il vincolo dell'assegno Inps da 1,5 volte il minimo, in modo da permettere ai lavoratori con carriere discontinue di accedere alla pensione in modo più flessibile senza così correre il rischio di dover posticipare il pensionamento molto dopo il compimento dei 70 anni di età.

 

Legge di Bilancio 2020 Pensioni: Quota 41 per tutti ci sarà?

Pensioni Quota 41 per tutti ultimissime notizie. Secondo le ultimissime notizie nella nuova Manovra 2020 non ci sarà Quota 41 per tutti.

 

Coperture e proclami a parte, la pensione Quota 41 per tutti i lavoratori ai fini della pensione anticipata 2020 non sarà realizzata con la riforma pensioni 2020 e con molta probabilità neanche l'anno prossimo se al governo rimarrà il Pd ed il M5s.

 

La Quota 41 per tutti, infatti, è una iniziativa voluta della Lega che voleva introdurla dopo Quota 100, al fine di riuscire a superare la legge Fornero. Quota 41 per tutti sarebbe quindi stata istitutita dal 2022.

 

Tant'è che la quota 100 a prescindere dall'età si è trasformata in età minima a 62 anni e la Quota 41 per tutti i lavoratori (e non solo per alcune tipologie di lavoratori come disoccupati, disabili, precoci che hanno iniziato a lavorare prima di aver compiuto 19 anni e che possono accedere alla pensione anticipata con un requisito contributivo ridotto, è diventata prima Quota 41 e ½ e ora Quota 42 pensione anticipata per chi ha versato almeno 42 anni di contributi a prescindere dai requisiti di età, ed ora potrebbe essere addirittura messa da parte in via definitiva.

 

Legge di Bilancio 2020 Pensioni: Quota 100 e proroga Opzione donna

Riforma pensioni ultime notizie su Quota nella Legge di Bilancio 2020: in base a quanto previsto dal programma di governo M5s Pd, o meglio da quello che non è contemplato, Quota 100 sarà riconfermata nella nuova riforma pensioni 2020 contenuta nella legge di Bilancio definitiva.

 

Per quanti ancora non lo sanno, le pensioni Quota 100 sono un meccanismo attraverso il quale i lavoratori possono andare in pensione anticipata qualora la somma tra la loro età ed i contributi versati fa appunto 100, il governo Conte, al fine di impedire un'adesione in massa a questo tipo di meccanismo, provvederà a fissare dei paletti con requisiti dal 2019 abbastanza stringenti, uno fra tutti il: requisito di età minima per accedere alla Quota 100 dai 62 anni di età in poi.

 

Ciò significa quindi che il lavoratore può andare in pensione Quota 100 solo al compimento dei 62 anni e solo se ha versato un numero di contributi tali da fargli arrivare a quota 100.

 

Intanto nel 2020 è stato confermato l'aumento età pensionabile a 67 anni per per accedere alla pensione di vecchiaia 2019.

 

Inoltre è stata confermata la proroga Opzione donne 2020 e la pensione di cittadinanza nella Legge di Bilancio 2020.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA