Il rimborso sulla pensione

Pensione rimborso 730/2020: quando arriva, come richiederlo e scadenza

Rimborso 730/2020 pensionati Inps cos'è come funziona e quando arriva, come verificare rimborsi Irpef, nuove scadenze, tutte le novità per i pensionati

24 settembre 2020 11:19
Pensione rimborso 730/2020: quando arriva, come richiederlo e scadenza

Pensione rimborso 730/2020:

 

Quando arriva il rimborso 730/2020 sulla pensione? Quest’anno ci sono alcune importanti novità per quanto riguarda le date per il rimborso IRPEF.


Contrariamente a quanto succedeva gli anni scorsi, quando il credito fiscale era previsto a partire dal mese di agosto in pensione, quest’anno è collegato alla data di invio della dichiarazione dei redditi 2020.

 

La scadenza per l’invio del 730, di solito fissata al 23 luglio, è stata infatti prorogata al 30 settembre 2020 dal decreto Cura Italia.

 

Pensioni 2020 ultime notizie 22 settembre: confermato l'aumento pensione di invalidità 2020 nel nuovo decreto Agosto e l'anticipo pagamento pensioni di settembre e ottobre.

 

Rimborso 730/2020 pensione INPS: cos’è e come funziona?

Che cos'è il rimborso 730? Il rimborso 730/2020 è un credito che il contribuente, in questo caso specifico il pensionato, matura quando si sono pagate più tasse rispetto a quanto effettivamente dovuto.

 

Rimborso 730 come funziona: Presentando il modello 730 infatti è possibile stabilire i redditi percepiti, le detrazioni fiscali applicabili e quindi calcolare l’importo delle imposte.

 

Nel caso di un credito, questo verrà rimborsato insieme alla pensione, ma in date diverse a seconda dell’invio.


Fino allo scorso anno i lavoratori dipendenti o pensionati ricevevano il rimborso rispettivamente a partire dal mese di luglio e di agosto.

Rimborso Irpef 730/2020 pensione: quando verrà emesso?

Come già sottolineato, c’è tempo fino al 30 settembre per la presentazione del 730 precompilato all'Agenzia delle Entrate direttamente tramite l'applicazione web secondo il nuovo calendario fiscale 2020.


I tempi dei rimborsi 730/2020 sono quindi legati al giorno in cui stata effettuata la comunicazione.

 

L’INPS effettua infatti i rimborsi a partire dal secondo mese successivo a quello in cui ha ricevuto il prospetto, che da quest’anno arriverà esclusivamente dall’Agenzia delle Entrate.

 

Per i contribuenti che invieranno il modello 730/2020, ovviamente a credito entro il termine utile del 30 settembre 2020, i rimborsi potranno arrivare a partire dal mese di ottobre 2020.

 

Inviare il modello 730 a settembre comporterà anche il differimento della data a partire dalla quale il sostituto d’imposta, in questo caso l’INPS, avvierà le operazioni di rimborso Irpef.


Di seguito le date per l’invio da parte dei CAF della dichiarazione dei redditi:

  • entro il 15 giugno per le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 31 maggio;

  • entro il 29 giugno per quelle presentate dal 1° al 20 giugno;

  • entro il 23 luglio per quelle presentate dal 21 giugno al 15 luglio;

  • entro il 15 settembre per quelle presentate dal 16 luglio al 31 agosto;

  • entro il 30 settembre per le dichiarazioni presentate dal 1° al 30 settembre.

 

Cosa succede se il rimborso 730 irpef non viene accreditato?
Nel caso in cui il rimborso non venga effettuato per qualsiasi motivo, si può farne richiesta all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate del luogo di residenza, allegando una certificazione con cui il datore di lavoro o l’ente pensionistico attesti di non aver eseguito il conguaglio e quindi di non aver effettuato il rimborso.

Come verificare il rimborso IRPEF sulla pensione?

L’INPS ha reso noto, tramite il messaggio 2568 del 24/06/2020, che è possibile verificare le risultanze contabili della dichiarazione e anche gli esiti attraverso il servizio “Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino”, presente sia sul sito dell’INPS che nell’app “INPS mobile”, scaricabile da Play Store e da App Store.


Attraverso questo servizio si possono consultare i seguenti dati:

  • l’avvenuta ricezione da parte dell’Istituto delle risultanze contabili trasmesse dall’Agenzia delle Entrate, con il dettaglio degli importi;

  • la conferma che i conguagli saranno abbinati alle prestazioni percepite;

  • l’eventuale diniego con conseguente comunicazione all’Agenzia delle Entrate, nel caso in cui non sia presente il rapporto di sostituzione d’imposta;

  • l’importo delle trattenute e dei rimborsi indicati nella risultanza contabile, effettuati mesnilmente sulle prestazione erogate dell'Istituto.

 

Rimborso modello 730/2020 pensione: il cedolino

Grazie al cedolino delle pensione di settembre caricato dell'INPS, è possibile controllare l’importo della pensione di agosto e altre voci, come ad esempio le trattenute sindacali, l'eventuale accredito (o anche addebito) sull’importo della pensione di agosto in base al modello 730 presentato ai fini della dichiarazione dei redditi 2020.


Per poter visionare queste informazioni è necessario:

  • cercare il cedolino di agosto e verificare le informazioni.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA