Ritiro patente per chi usa cellulare alla guida: sanzioni e da quando?

«Ritiro della patente fino a 3 mese per chi usa il cellulare alla guida e aumento della sanzione Riforma Nuovo Codice della Strada che entra in vigore 2019»

Ritiro patente cellulare fino a 3 mesi: in base a quanto previsto dal nuovo Codice della Strada 2019 che entrerà in vigore entro la fine dell'anno 2019, è previsto un aumento delle sanzioni per chi usa il telefono mentre è alla guida del veicolo.

 

Allo scopo di "affrontare e risolvere l'odiosa e pericolosa abitudine degli italiani di usare il telefono cellulare alla guida", sono state aumentate le sanzioni pecuniarie e il numero dei punti patente tolti al guidatore che non rispetta la regola.

 

Passa quindi la linea dura del Governo che con la Riforma del Codice della Strada 2019 ha deciso di intervenire al fine di ridurre il numero di incidenti e morti causate dall'uso del cellulare in macchina o in moto.

 

Ritiro patente per chi usa telefono alla guida ultime notizie:

La norma che prevede il ritiro della patente per chi usa il cellulare, era già stata proposta senza successo con la Legge di Bilancio 2018 e prevedeva:

  • una sanzione 647 euro, con sconto del 30% se si paga entro 5 giorni dalla violazione;

  • + sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 1 a 3 mesi, se la violazione è reiterata.

Oggi invece la norma non solo è stata inserita nel testo della riforma del Nuovo Codice della strada 2019 ma entrerà in vigore entro la fine dell'anno, dopo che la commissione Trasporti della Camera dei deputati, ha provveduto ad approvare in prima lettura il disegno di legge che ora passa all'esame dell'aula, prima di approdare al Senato.

 

Ritiro patente cellulare:

Il ritiro della patente per chi usa il cellulare in macchina mentre guida, è una norma inserita nel nuovo Codice della Strada 2019. Al momento il testo ha ricevuto l'ok dalla Commissione Trasporti della Camera e sta per approdare in Aula alla Camera e passare poi al Senato.

 

Ritiro patente cellulare: cosa cambia con il nuovo Codice della Strada 2019?

 

Le nuovi sanzioni previsti dal nuovo CdS 2019 per chi usa il cellulare alla guida sono:

  • sospensione della patente da 7 a 30 giorni mentre aumenta da 1 a 3 mesi in caso di recidiva, ossia se la seconda violazione avviene durante i due anni successivi alla prima multa.

  • la multa passa da un minimo di 161 euro a uno di 422 e da un massimo di 467 a uno di 1.697 euro.

  • decurtazione punti patente;

  • sequestro dello smartphone in caso di incedenti dovuti a messaggini o telefonate.

Le sanzioni sono previste non solo per chi parla al telefono, ma per chiunque utilizza apparecchi elettronici anche per messaggi o per navigare su internet.

L'inasprimento delle sazioni per chi usa il cellulare alla guida, è stato reso necessario a causa dell'aumento degli incidenti stradali e delle morti su strada dovute anche alla sempre più diffusa abitudine da parte degli italiani, giovani e meno giovani, di scrivere messaggi, condividere post sui social o telefonare mentre sono alla guida della propria auto, ma succede anche in motorino o in bicicletta, anziché concentrarsi sulla strada e sui suoi pericoli.

 

Gli effetti di queste cattive abitudini, è l'aumento degli incedenti per distrazione, bastano infatti 7 secondi passati a smanettare sul cellulare per aver un incidente, e l’aumento dell’1% delle vittime sulla strada.

 

Ad avallare questi dati, c'è il rapporto Dekra sulla sicurezza stradale che sostanzialmente dice che circa il 75% degli automobilisti italiani, ossia, 3 su 4, usano abitualmente il telefono cellulare mentre guidano messaggiando, telefonando, navigando su internet o aggiornando il proprio profilo social.

Norma non approvata, rimane la sanzione prevista dall'articolo 173 CdS.

 

Ritiro patente per chi usa il telefono mentre guida:

Considerando i dati sull'aumento degli incidenti e dei decessi su strada, appare chiaro il motivo per cui la riforma del Codice della Strada, sia stata ripresa con urgenza dalla Commissione trasporti per arrivare ad una veloce approvazione se non entro Natale 2019.

 

In realtà la nuova norma deve andare in discussione alla Camera nei prossimi giorni e poi approderà al Senato, qualora il testo del nuovo CdS 2019, venisse approvato allora entrerà in vigore l'aumento della multa per chi guida al cellulare fino a 3 mesi in caso di recidiva.

 

In base a quanto previsto dal testo del nuovo Codice della Strada, pertanto, chi è sorpreso ad usare lo smartphone durante la guida, è soggetto al ritiro immediato della patente con una sospensione del titolo di guida da un minimo di 7 giorni fino ad un massimo di 270 giorni.

 

Da quando entra in vigore la nuova norma?  Verosimilmente l'inasprimento delle sanzioni per questo tipo di violazione, entrerà in vigore entro la fine del 2019.

 

Uso cellulare in auto: nuove sanzioni 2019

Le nuove sanzioni previste dal Codice della Strada 2019 per chi usa il telefono mentre è alla guida sono:

  • Ritiro patente per chi guida con il cellulare;

  • Sospensione della patente da un minimo di 7 giorni ad un massimo di 3 mesi;

  • Se si commette un incidente stradale causato dalla distrazione per una chiamata o un messaggio: sequestro amministrativo dello smartphone.

  • Aumento della sanzione: finora e fino all’entrata in vigore del nuovo Codice della Strada, la multa applicata a chi viene colto alla guida con il cellulare in mano intento a chiamare o inviare un messaggio, va da 161 euro fino a 646 euro e con la decurtazione di 5 punti dalla patente, per violazione dell’articolo 173 del Codice della Strada. In caso di recidiva è stabilita la sospensione della patente, da 1 a 3 mesi. Con la nuova norma si passa alla sanzione da un minimo di 422 euro ad un massimo di 1.697 euro.

 

Riforma codice della strada: le altre novità

Tra le altre novità della riforma del Codice della Strada non c'è solo l'aumento delle sanzioni per chi guida usando il telefono cellulare, ma anche nuove tecnologie in grado di aumentare la sicurezza per gli automobilisti.

 

Tra le altre novità previste con il nuovo Codice della Strada c'è:

  • accesso in autostrada per i maggiorenni con ciclomotori 125 cc, ovvero al di sotto dei 150cc.

  • aumento della multa e sanzioni per guida con il cellulare in mano: si rischia la sospensione della patente da 7 a 30 giorni, da 1 a 3 mesi in caso di recidiva, e una multa da 422 a 1.697 euro;

  • monopattini, skate e hoverboard, moto elettriche potranno accedere in strada;

  • Abolizione bollo auto per i veicoli storici;

  • Cancellazione dell’obbligo degli anabbaglianti di giorno per le auto fuori dai centri abitati;

  • Sanzioni raddoppiate per chi guida una vettura senza assicurazione;

  • Abolito l'obbligo di collaudo per i veicoli a cui si agganciano carrelli, sarà sufficiente il certificato della casa costruttrice;

  • I piccoli trattori potranno essere immatricolati da parte di privati, senza partita IVA, purché il mezzo non superi le 6 tonnellate.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA