Lotteria scontrini 2020: come funziona, cosa si vince premi da gennaio

«Lotteria Scontrini 2020 cos'è come funziona novità decreto fiscale, come partecipare e cosa si vince premi da 50.000, 30.000 e 10.000 euro fino a 1 milione»

Lotteria scontrini come funziona dal 2020, cosa si vince e premi.

 

Come molti sapranno, la lotteria degli scontrini sarebbe dovuta già partire da tempo con la prima sperimententazione, ora però i tempi sembrano maturi ed il governo giallorosso, al fine di reperire risorse da mettere nella legge di Bilancio 2020, intende utilizzare questo valido strumento anti-evasione per aumentare l'emissione degli scontrini fiscali e al contempo i pagamenti elettronici e quindi tracciabili.

 

La lotteria degli scontrini 2020 prevede 3 estrazioni con premi da 50mila euro, 30mila euro e da 10.000 euro, poi una estrazione all'anno con premio da 1 milione di euro. Potranno partecipare alle estrazioni solo i possessori di scontrino.

 

al mese, al fine di incentivare i cittadini ed i negozianti, a pretendere e a farsi rilasciare lo scontrino fiscale che diventerà scontrino digitale, per gli acquisti effettuati all’interno del negozio.

 

In più premio ai negozianti e ogni anno, sorteggiati, i nuovi settori di spesa per i quali sarà possibile detrarre fatture e ricevute.

 

In base alle ultime notizie con la nuova Legge di Bilancio 2020 sarà avviata la famosa lotteria degli scontrini dal 1° gennaio 2020.

 

Lotteria scontrini cos'è?

Cos'è la Lotteria scontrini?

La lotteria scontrini fiscali è una novità inserita tra le misure contro l’evasione fiscale che il Governo voleva far partire, in via sperimentale, già dal 2017, poi rinviato al 2018, poi a luglio 2019 ed ora partirà dal 1° gennaio 2020.

 

Ma cosa sono gli scontrini lotteria? Sono dei nuovi scontrini ai quali verrà abbinata una lotteria nazionale vera e propria con estrazione di tre premi mensili ed 1 annuale associati al codice dello scontrino, 

 

Questa è la novità confermata tra le misure della legge di bilancio 2020 evasione fiscale, al fine di incentivare le persone a farsi rilasciare lo scontrino fiscale ogni qualvolta che acquistano un prodotto in un negozio.

Per ogni acquisto che porterà all'emissione di uno scontrino si avrà quindi diritto ad una serie di biglietti virtuali, nella bozza del decreto lotteria scontrini preparata la scorsa primavera, si prevedeva che per ogni 10 centesimi di spesa spettava un ticket virtuale, a fronte di una spesa minima di un euro. In altre parole con 10 euro di spesa si avrebbe diritto a 100 biglietti.

 

Nella nuova lotteria scontrini previsti anche vantaggi per chi paga con bancomat o carta di credito.

 

Lotteria scontrini 2020 come funziona:

Lotteria scontrini come funziona dal 2020: Ia nuova lotteria degli scontrini fiscali funzionerà come una qualsiasi altra lotteria nazionale ma il cittadino anziché acquistare il biglietto per partecipare all’estrazione, utilizzerà il codice associato allo scontrino fiscale emesso dal negoziante.

 

Previste anche multe tra i 500 e i 2.000 euro per i commercianti che si rifiutano o non comunicano al fisco i codici fiscali dei clienti che fanno acquisti e sanzioni Pos 2020 per chi non consente il pagamento elettronico.

 

Per ogni acquisto che porterà all'emissione di uno scontrino elettronico o normale, si avrà quindi diritto ad una serie di biglietti virtuali, nella bozza del decreto lotteria scontrini preparata la scorsa primavera, si prevedeva che per ogni 10 centesimi di spesa spettava 1 ticket virtuale, a fronte di una spesa minima di un euro.

In altre parole con 10 euro di spesa si avrebbe diritto a 100 biglietti.

 

Nella norma originaria approvata nel 2016, si prevedeva anche che "al fine di incentivare l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici da parte dei consumatori, la probabilità di vincita dei premi (..) è aumentata del 20%, rispetto alle transazioni effettuate mediante denaro contante".

 

Pagare con carta di credito o bancomat consente pertanto di ottenere un maggior numero di biglietti e l'assegnazione automatica del ticket, mentre chi sceglierà di saldare in contanti dovrà contestualmente comunicare il proprio codice fiscale

 

Lotteria scontrini da quando parte?

Per effetto della nuova Legge di Bilancio 2017, la sperimentazione della lotteria sugli scontrini, sarebbe dovuta partire da marzo dal 2017 con un’estrazione mensile alla quale avrebbero potuto partecipare tutti i cittadini in possesso di uno scontrino elettronico.

 

Successivamente, il decreto Millerproroghe, ha prorogato la sua partenza al 1° novembre, poi posticipata al 2018 e al 1° luglio 2019.

 

Secondo le ultimissime notizie la lotteria scontrini invece potrebbe partire dal 1° gennaio 2020.

 

Lotteria scontrini: cosa si vince? Premi mensili e annuale

Lotteria scontrini 2020 cosa si vince: ecco i premi mensili e annuali

 

La lotteria degli scontrini 2020 prevede 3 estrazioni al mese con premi da:

  • 50mila euro,

  • 30mila euro,

  • 10.000 euro.

 

La lotteria degli scontrini 2020 estrazione annuale con premio da:

  • 1 milione di euro

In base a quanto previsto dal decreto fiscale 2020 lotteria scontrini, i premi vinti saranno esentasse. 

 

Ma come farà questo nuovo piano antievasione ad avere successo, se poi il negoziante non rilascia comunque lo scontrino elettronico?

Innanzitutto, va detto che i negozianti dovranno dotarsi solo di un lettore ottico per la lettura del codice fiscale, proprio come fanno le farmacie e, avranno degli incentivi.

Se, infatti, a far vincere la lotteria è un acquisto fatto nel suo negozio, il titolare avrà un premio con il cd. premio ai negozianti.

 

Estrazione fatture e ricevute detraibili dalle tasse: come funziona?

Ancora da vedere se per il 2020, ci sarà anche l’introduzione di un’altra importante novità: l’estrazione a ogni fine anno, per le spese che oggi non hanno diritto ad alcuna detrazione fiscale.

 

Ciò significa che per quei settori le cui spese ad oggi non sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi, come ad esempio la spesa per l’idraulico o per l’avvocato, qualora estratti a fine anno, diventeranno spese detraibili per il contribuente.

 

Tutto questo meccanismo, che sarà aiutato dalla fattura elettronica e ricevuta elettronica con conseguente comunicazione diretta all’Agenzia delle Entrate, incentiverà i cittadini a farsi rilasciare le fatture e le ricevute, perché solo alla fine di ciascun anno, sapranno quali di queste spese potranno essere detrarre dalla dichiarazione dei redditi e quindi dalle tasse.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA