stretta anti covid in Campania

Covid Campania: confermata didattica a distanza e coprifuoco alle 23

Coprifuoco dalle 23 alle 5 e divieto di spostamenti tra province; Arzano zona rossa. Sono queste alcune delle misure contenute nell'ordinanza di De Luca

26 ottobre 2020 11:10
Covid Campania: confermata didattica a distanza e coprifuoco alle 23

Nuova ordinanza De Luca del 26/10/2020

 

***Nuova ordinanza De Luca Campania ultime notizie 26 ottobre 2020: Dopo la retromarcia sul lockdown, annunciato venerdì 23 ottobre, il Presidente della Regione De Luca ha firmato l'ordinanza n.85 che ccontiene misure per la scuola, la mobilità e la ristorazione.

 

Nel testo sono contenuti i seguenti punti:

  • confermate la Dad per le scuole primarie e secondarie, che quindi rimangono chiuse, all'infuori degli asili e degli studenti con disabilità o con autismo, e le disposizioni regionali per l'Università;

  • confermati il divieto per gli spostamenti interprovinciali e la raccomandazione, contenuta nel Dpcm 24 ottobre, di non spostarsi dal proprio comune se non strettamente necessario;

  • confermato l'obbligo di rientro a casa alle 23;

  • confermata l'attività di jogging dalle 6:00 alle 8:30;

  • divieto di asporto per le attività di ristorazione (salvo che per gli esercizi con la consegna in auto all'utente e con sistema di prenotazione da remoto); consentita la consegna a domicilio con ultima partenza alle 23. Per il resto sono valide le disposizioni del Dpcm 24 ottobre.

Queste disposizioni saranno valide fino al 31 ottobre 2020, quando l'Unità di Crisi effettuerà nuove valutazioni.

 

Con l'ordinanza n.84 del 25/10/2020 Orta d'Atella (CE) e il centro urbano di Marcianise (CE) sono diventate "zone rosse".

 

Inoltre è stato dato mandato all’Unita di Crisi di valutare entro il 28 ottobre, insieme all’Anci, le determinazioni eventualmente necessarie in vista della commemorazione dei defunti (1 e 2 novembre).

 

Covid Campania: coprifuoco e divieto spostamenti tra province

I contagi di coronavirus aumentano in tutta Italia e le regioni più colpite corrono ai ripari. 

Dopo la Lombardia, in cui scatterà il coprifuoco dal 22 ottobre e i centri commerciali resteranno chiusi nel fine settimana- la firma all’ordinanza di Fontana è arrivata in mattinata- anche il governatore De Luca ha scelto la linea dura per la Regione Campania. Previsti la sospensione delle attività dalle 23 fino alle 5 del mattino e il divieto di spostamento tra le province.

 

Per il comune di Arzano è stato invece disposto un "mini lockdown".

 

Covid Campania: coprifuoco e stop a spostamenti tra province

Per contrastare l’epidemia il governatore De Luca ha chiesto al Ministro della Salute Speranza di “condividere e disporre la sospensione di ogni attività dalle 23 alle 5 del mattino e degli spostamenti dalle 24, a partire dal prossimo fine settimana, sull'intero territorio regionale.”


Ma questo non è l’unico intervento deciso nella Regione. Sull’ordinanza n.82 del 20 ottobre 2020 infatti si legge che, con decorrenza dal 23 ottobre, è fatto divieto ai cittadini campani “di spostamenti dalla provincia di residenza o domicilio abituale verso altre province della Campania, fatti salvi gli spostamenti connessi ad esigenze- la cui ricorrenza andrà autocertificata sotto personale responsabilità, ai sensi del DPR 445/2000”.

 

Ossia ci si potrà spostare tra le province solo in determinati casi e utilizzando un'autocertificazione, per:

  • motivi di salute;

  • comprovati motivi di lavoro;

  • comprovati motivi familiari;

  • motivi scolastici e/o afferenti ad attività formative e/o socio-assistenziali;

  • altri motivi di urgente necessità .

In ogni caso è invece consentito il rientro presso la propria residenza o domicilio abituale.

 

Previste multe e sanzioni per chi violerà l'ordinanza secondo quanto stabilito del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito con modificazioni dalla legge n.35 del 2020.

Nei casi in cui la violazione sia commessa nell'esercizio di un'attivita' di impresa, si applica inoltre la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell'esercizio o dell'attivita' da 5 a 30 giorni.

 

Coronavirus Campania: Arzano "zona rossa"

Il comune di Arzano, in provincia di Napoli, fino al 30 ottobre e con decorrenza immediata, diventa “zona rossa”. Quindi sono state disposte le seguenti misure:

  • divieto di allontanamento dal territorio comunale;

  • divieto di accesso nel territorio comunale;

  • sospensione delle attività degli uffici pubblici: rimangono attivi solo i servizi essenziali;

  • sospensione delle attività commerciali e produttive, comprese le attività di ristorazione (salvo che in modalità di consegna a domicilio), ad eccezione dei servizi alla persona ed attività connesse all’approvvigionamento di beni e servizi di prima necessità.

Solo gli operatori sanitari, il personale di controllo e di assistenza,  gli esercenti delle attività consentite e quelle strumentali alle stesse, le presenze strettamente necessarie alle attività di sanificazione e pulizia dei relativi locali potranno transitare nel territorio.


Covid Campania, restano chiuse le scuole (con alcune eccezioni)

Sull’ordinanza n.82 sono presenti anche delle misure riguardanti la scuola.

 

Dopo aver disposto la chiusura degli istituti scolastici con delle precedenti ordinanze, il Presidente De Luca ha confermato la sospensione delle attività didattiche in presenza per le scuole primaria e secondaria dal 21 fino al 30 ottobre, ad eccezione dello svolgimento delle attività destinate agli alunni con disabilità o con disturbi dello spettro autistico, previa valutazione delle specifiche condizioni da parte dell’Istituto scolastico.

 

Inoltre l’Unità di crisi regionale effettuerà un costante monitoraggio della situazione dei contagi sul territorio in ambito scolastico e dei relativi casi connessi a “contatti stretti”, in modo da valutare un’eventuale riapertura delle attività in presenza della scuola primaria a partire dal 26 ottobre 2020.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA