Dpcm 11 giugno 2020: le prossime riaperture. Il testo in pdf

Dpcm 11 giugno 2020: Fase 3, le prossime riaperture. Dal 25 giugno sport di contatto, dal 14 luglio discoteche, sale da ballo e congressi. Il testo in pdf

14 giugno 2020 20:19
Dpcm 11 giugno 2020: le prossime riaperture. Il testo in pdf

Il Dpcm dell’11 giugno 2020 è stato firmato dal Premier Conte e pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

 

Contiene le nuove misure per la Fase 3, che verranno applicate a partire da lunedì 15 giugno e sostituiscono quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 17 maggio 2020. Saranno efficaci fino al 14 luglio 2020.


Contiene 11 articoli e 17 allegati.

 

Tutti i soggetti con infezioni respiratorie caratterizzate da una temperatura superiore a 37,5°C sono tenuti a restare a casa e contattare il proprio medico curante.

 

 

Dpcm 11 giugno 2020: alcune delle misure in vigore dal 15 giugno

Tra le nuove misure in vigore, la riapertura delle discoteche e delle sale da ballo, così come la ripresa di fiere e congressi, è stata posticipata al 14 luglio 2020.

 

Le regioni potranno anticipare le aperture dei locali, ma seguendo l'andamento della curva epidemiologica.


Riprenderanno gli spettacoli, riapriranno cinema e teatri ma rispettando le dovute precauzioni: il numero massimo è di 1000 spettatori per spettacoli all'aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala.


Le linee guida sono contenute nel documento stilato dal congresso delle regioni.


Per quanto riguarda centri termali e culturali, sale gioco e bingo, potranno riprendere le attività ma a patto che Regioni e Province autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilità di queste attività con l'andamento della curva epidemiologica.

A partire da venerdì 12 giugno al via anche gli eventi sportivi, tra cui la Coppa Italia, ma saranno a porte chiuse o senza la presenza del pubblico nel rispetto dei protocolli delle Federazioni.

 

Dal 20 giugno riprenderà anche il campionato di Serie A.


Dal 25 giugno sarà consentito anche lo svolgimento anche degli sport di contatto nelle Regioni e Province Autonome che,con il Ministero della Salute e dell’Autorità di Governo delegata in materia di sport, abbiano preventivamente accertato sempre la compatibilità delle attività con la situazione epidemiologica.

 

Dpcm 11 giugno 2020: centri estivi e attività all’aperto

Il Dpcm 11 giugno 2020 contiene le misure riguardanti l’accesso ai parchi, alle ville a i giardini, che sarà permesso con il rigoroso rispetto delle misure anti-assembramento.


Riapriranno i centri estivi per i bambini e ragazzi, ma dovranno essere adottati rigorosi protocolli di sicurezza. Anche lo sport all’aperto è consentito, rispettando la distanza interpersonale di un metro e di due metri durante l’attività sportiva.


Lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è permessa solo in forma statica e nel rispetto delle norme di contenimento previste.

 

Nel Dpcm inoltre è inoltre ribadito il rispetto delle linee guida delle regioni per quanto riguarda il settore della ristorazione, le strutture ricettive, l’accesso alle spiagge.

 

 

Dpcm 11 giugno 2020 testo pdf:



 

Dpcm 11 giugno 2020: disposizioni in materia di spostamenti da e per l'estero

Nell’articolo 6 del Dpcm dell’11 giugno 2020 sono contenute le indicazioni per quanto riguarda i viaggi all’estero.

 

Non sono soggetti ad alcuna limitazione gli spostamenti da e per gli Stati membri dell'Unione Europea; gli Stati parte dell'accordo di Schengen; il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord; Andorra, Principato di Monaco; Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.


Contrariamente a quanto stabilito in precedenza, fino al 30 giugno 2020 restano vietati gli spostamenti da e per Stati e territori diversi da quelli elencati: sono permessi solo per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute. Resta consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.


Previste anche precise disposizioni (contenute negli articoli 4 e 5 del Dpcm) che si applicano alle persone fisiche che vogliono fare ingresso in Italia, anche per transiti o brevi soggiorni, provenienti da Stati o territori esteri diversi da quelli dell’elenco. Oppure che vi abbiano soggiornato nei 14 giorni anteriori all'ingresso in Italia.

 

È aumentato a 120 ore (5 giorni) il periodo massimo di permanenza senza obbligo di quarantena domiciliare per chi fa ingresso nel territorio nazionale per ragioni di lavoro.

 

Dpcm 11 giugno 2020: Ulteriori misure previste

Il secondo articolo del Dpcm 11 giugno 2020 è dedicato alle “Misure di contenimento del contagio per lo svolgimento in sicurezza delle attività produttive industriali e commerciali”, mentre il terzo riguarda le “Misure di informazione e prevenzione sull'intero territorio nazionale”: norme igienico-sanitarie, sanificazioni, utilizzo delle mascherine.


Gli articoli 7 e 8 del Dpcm 11 giugno 2020 sono dedicati alle “Disposizioni in materia di navi da crociera e navi di bandiera estera” e le “Misure in materia di trasporto pubblico di linea”. Decisa quindi la sospensione del servizio di crociera da parte delle navi passeggeri di bandiera italiana; mentre le navi da crociera con bandiera estera impiegate in servizi di crociera l’ingresso nei porti italiani esclusivamente ai fini della sosta inoperosa.


Nell’articolo 9 del Dpcm sono inoltre contenute le misure specifiche per le persone con disabilità, che possono ridurre il distanziamento con i propri accompagnatori od operatori di assistenza.

 

 

Allegati Dpcm 11 giugno 2020 pdf:

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA