Ponte di Genova, la prima auto attraversa il nuovo viadotto

Ponte Morandi di Genova ricostruzione e opera di Renzo Piano chi è, età, moglie e figli, biografia studi e carriera, i progetti realizzati nel mondo

23 giugno 2020 09:28
Ponte di Genova, la prima auto attraversa il nuovo viadotto

Ponte di Genova, la prima auto sul nuovo viadotto

 

***Ponte di Genova 23 giugno 2020: ieri mattina, alle ore 9:57, la prima auto "civile" ha attraversato il nuovo Ponte di Genova. A bordo del mezzo Pietro Salini, Ad della società WeBuild, il gruppo che ha realizzato l'opera.

 

«Passeggiare qui sopra oggi - ha sottolineato Salini - è un’emozione unica. Racconta tutto lo sforzo e la passione di questi mesi. Ma racconta anche che in Italia le grandi opere si possono fare e si possono fare in tempi brevi.» 

 

Sempre nella giornata odierna si sono recati sul Ponte anche Matteo Salvini insieme al goveratore Toti, il commissario Marco Bucci e il deputato della Lega Rixi. Sabato scorso Toti e Bucci lo avevano visitato per la prima volta dopo la sua costruzione.

 

 

Ponte di Genova, posa in opera dell'ultima campata sul 'Morandi'

Il Ponte di Genova inaugura oggi 28 aprile la posa in opera dell'ultima campata.

 

Presenti anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, oltre al sindaco Bucci e al governatore Toti.

Come riportato dall'Ansa, non appena il Ponte sarà pronto, la sirena del cantiere suonerà, avvisando le navi in porto che la parte est e quella ovest della città di Genova sono state riunite. A quel punto anche le sirene delle navi suoneranno per salutare il nuovo ponte. 

 

La scorsa notte la struttura, vestita con la bandiera di San Giorgio, è stata illuminata con il Tricolore. "Consola vedere che questa opera è nata da un grande lavoro collettivo e che è stata realizzata in tempi brevi" ha dichiarato l'architetto Renzo Piano.

 

Per renderlo agibile serviranno però altre settimane di lavoro: il traffico potrebbe riprendere da luglio.

 

Ponte di Genova con il Tricolore, 21 marzo 2020: Il nuovo Ponte di Genova illuminato con il Tricolore.

L’iniziativa promossa da Salini Impregilo, l’azienda che si sta occupando dei lavori per la ricostruzione del Ponte Morandi insieme a Fincatieri, è stata promossa per esprimere vicinanza all'Italia e alla città di Genova durante l’emergenza del Covid-19.

 

L'accensione del Tricolore d'Italia sul nuovo ponte di Genova accende simbolicamente una luce di speranza per tutto il Paese e per Genova, città di mare abituata ad affrontare le burrasche con coraggio e determinazione" ha commentato l’"archistar" Renzo Piano, incaricato del progetto dopo il crollo avvenuto nel 2018.

 

Renzo Piano: il progetto per il Ponte Morandi

Il crollo del Viadotto Polcevera di Genova (conosciuto anche come Ponte Morandi), avvenuto il 14 agosto 2018, è una ferita profonda della città e dell’intero paese.

 

Oggi la ricostruzione sta andando avanti ed è vicina al completamento, secondo il progetto affidato allarchitetto di fama internazionale Renzo Piano, a cui si devono alcune delle opere più famose del mondo.


Il nuovo ponte, costituito da un impalcato d’acciaio con una travata lunga 1067 metri, costituita da 19 campate in acciaio-calcestruzzo, sorretto da 18 pile di cemento armato, sarà anche smart e sostenibile (grazie all’utilizzo dei pannelli fotovoltaici).

 

Prevede un sistema di deumidificazione, oltre che sistemi di automazione robotica e sensoristica per il controllo infrastrutturale e la manutenzione.

 

Verrà inoltre creata di una banca dati utile a raccogliere informazioni che potranno essere utilizzati per progetti simili in futuro.

 

Renzo Piano: studi, vita privata, carriera

Renzo Piano chi è: architetto e senatore a vita della Repubblica Italiana, nasce a Genova nel 1937 in una famiglia di imprenditori edili. 


Dopo la maturità classica, si laurea in architettura al Politecnico di Milano nel 1964; matura in quegli anni significative esperienze presso architetti affermati dell’epoca, come Franco Albini, Marco Zanuso, Louis Kahn e Makowskj.

Renzo Piano Inizia la sua attività sviluppando progetti molto originali; in particolare, si dedica a degli studi sperimentali sulle strutture spaziali a guscio e sui sistemi costruttivi innovativi, avendo Jean Prouvé come riferimento.

 

I suoi primi progetti vengono pubblicati su Domus e Casabella, promuovendo la sua fama e la professionalità. Gli viene così offerta la possibilità di realizzare il padiglione dell'industria italiana all'Expo di Osaka nel 1969.


Nel 1962 sposa Magda Arduino. Da questa unione nascono tre figli: Lia, Carlo e Matteo piano. Il matrimonio termina nel 1989.

Renzo Piano sposa in seconde nozze Emilia “Milly” Rossato nel 1992 e ha il suo quarto figlio, Giorgio.

 

Vive da diverso tempo a Parigi.

Renzo Piano, la carriera: nel 1971 inizia una collaborazione con Richard Rogers, nella società Piano&Rogers. Proprio in quell’anno lo studio vince un progetto audace e innovativo che gli varrà la fama internazionale. Ossia la realizzazione del Centre George Pompidou a Parigi, conosciuto anche come Beaubourg: ancora oggi uno dei luoghi più visitati della città e considerato il manifesto dell’architettura “high-tech”.


Nel 1977 Renzo Piano inizia una collaborazione con Peter Rice, con la Piano&Rice Associates; mentre nel 1981 decide di fondare il Renzo Piano Building Workshop, con uffici a Genova, Parigi e New York.

 

Un progetto mirato all’utilizzo di materiali e tecnologie assolutamente all’avanguardia.


L'ormai famoso architetto continua così a realizzare edifici e opere in tutto il mondo. Tra i suoi progetti ricordiamo:

  • lo stadio S. Nicola a Bari (1987);

  • l'aeroporto di Osaka (1988);

  • La riqualificazione del porto antico di Genova (1988-2001);

  • la Cité Internationale di Lione (1991);

  • il Museo della Scienza e della Tecnica ad Amsterdam (1992);

  • il ridisegno della Postdamer Platz a Berlino (1992);

  • il Centro Tjibaou per la cultura Kanak a Noumea (1992);

  • il Design Center della Mercedes Benz a Stoccarda (1993);

  • l'Auditorium Parco della Musica di Roma (1994-2002);

  • l'Aurora Place a Sidney (1996);

  • la Telecom Tower a Rotterdam (1997-2000);

  • il santuario di San Pio da Pietrelcina, San Giovanni Rotondo (1998-2004);

  • la sede del New York Times a New York (2000-2007);

  • lo Shard London Bridge a Londra (2002-2012);

  • il City Gate, la sede del parlamento e dell’Opera House a La Valletta, Malta (2015).

Numerose anche le opere in corso, tra cui il Nuovo Ponte di Genova sul Polcevera.

Nel 2004 dà vita alla Fondazione Renzo Piano, un ente no-profit con cui promuove diverse iniziative.

 

Le attività della Fondazione si dividono in tre campi principali: la conservazione e valorizzazione dell’archivio; la formazione delle nuove generazioni; la divulgazione dell’architettura come tecnica e arte del costruire.

 

Renzo Piano, riconoscimenti

Alla straordinaria carriera di Renzo Piano, ricca di successi (e anche qualche critica), sono state dedicate, nel corso degli anni, anche numerose mostre.

 

In tutti questi anni di attività, il celebre "archistar" ha ricevuto anche diversi premi e altissimi riconoscimenti. Tra i principali ricordiamo:

  • Premio compasso d’oro a Milano (1981);

  • la Legione d'Onore a Parigi (1985);

  • l'Honorary Fellowship Riba a Londra (1986);

  • la Riba Royal Gold Medal for Architecture (1989);

  • il titolo di "Cavaliere di Gran Croce" dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana (1990);

  • il premio Pritzker (1998) per la “rara mescolanza di arte, architettura e lavoro ingegneristico in una sintesi davvero notevole”;

  • il Leone d’Oro alla carriera (2000)

  • il titolo di Cavaliere di III Classe dell'Ordine del Sol Levante, Raggi in Oro con Nastro (2018).


Nel 2006 diventa il primo italiano inserito dal TIME nella top 100 delle personalità più influenti del mondo, ma anche nell'elenco delle dieci personalità più importanti nel settore Arte e intrattenimento.

 

Ambasciatore UNESCO fino al 2014, nel 2013 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolinao lo nomina Senatore a vita della Repubblica Italiana.

 

Renzo Piano: età, data di nascita, moglie e figli, curiosità

Renzo Piano età: Renzo Piano ha 82 anni compiuti il 14 settembre.

 

Renzo Piano data di nascita: è nato il 14 settembre 1937.


Renzo Piano moglie: la moglie prima moglie è Magda Arduino (1962-1989); la seconda è Emilia Rossato (1992).


Renzo Piano figli: Renzo Piano ha 4 figli: Carlo, Matteo, Lia e Giorgio.


Renzo Piano curiosità: tra le sue celebri citazioni, una che spiega cosa significa per lui “fare”, dal programma televisivo Rai “Vieni via con me” del 2010:

Bisogna sempre ricordare che fare architettura significa costruire edifici per la gente, università, musei, scuole, sale per concerti: sono tutti luoghi che diventano avamposti contro l'imbarbarimento. Sono luoghi per stare assieme, sono luoghi di cultura, di arte e l'arte ha sempre acceso una piccola luce negli occhi di chi la frequenta.
COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA