Recovery fund: cos'è e come funziona, significato, ultime notizie

Ultime notizie Recovery fund cos'è, significato e cosa prevede Ricovery Instrument con l'emissione di recovery bond, Commissione Europea Mes, Sure e Bei

19 giugno 2020 16:42
Recovery fund: cos'è e come funziona, significato, ultime notizie

Recovery fund ultime notizie 19 giugno:

 

*** Recovery Fund ultime notizie 19 giugno: oggi si tiene la videoconferenza dell'Eurogruppo ma non sarà un vertice decisivo perché quello finale si terrà poi a luglio.

 

Facendo riferimento alle parole usate dalla stessa presidente Ursula von der Leyen il Consiglio europeo prima della conferenza quella di oggi sarà comunque “una tappa cruciale verso l’uscita dalla crisi”.

E poi ancora “Sono felice di presentare il Next Generation Eu al Consiglio europeo. Il nostro pacchetto aiuterà l’Europa per una ripresa resiliente, sostenibile e digitale. Ora dobbiamo unire i nostri sforzi, non è consentito alcun ritardo”, ha scritto su Twitter la presidente della Commissione.

 

David Sassoli intervenendo in apertura della videoconferenza ha detto invece: “È una proposta ambiziosa che per noi rappresenta la base minima di partenza. Non accetteremo nessun passo indietro“.

 

Per tutte le novità: Recovery fund ultime notizie.

 

 

*** Recovery Fund: Francia e Germania hanno fatto un primo passo verso il fondo di recupero proponendo un Recovery fund da 500 miliardi.

Quindi mentre a Bruxelles si prende tempo per finalizzare una proposta coerente e risolutiva di Recovery Fund, Macron e Merkel arrivano ad una soluzione condivisa per la combattere la crisi.

Secondo il premier Giuseppe Conte se si vuole risolvere la crisi economica causata dall’emergenza coronavirus che ha investito tutta l’Europa, occorre fare molto di più. 

 

 

*** Recovery fund, il fondo cambia nome: in base alle ultime notizie l'Esecutivo Ue d'ora in poi si chiamerà Ricovery Instrument Recovery Initiative.

Per quanto riguarda invece il nuovo fondo e le strategie shock della BCE, vi rimandiamo al nostro articolo redatto dalla nostra corrispondente a Bruxelles che parla di Operazioni monetarie definitive e del Programma acquisto titoli anti-Spread: BCE shock Eurozona.

 

 

*** Recovery fund ultime notizie 30 aprile: 

Il commissario Paolo Gentiloni a un evento di +Europa ha affermato che per il Recovery fund è in corso "un lavoro tecnico", la sua tempistica "è legata all'entrata in vigore del bilancio Ue, ma l'esigenza di questo fondo è più urgente, perché i rischi per il mercato unico e le differenze tra Paesi si manifesteranno in autunno, non in primavera dell'anno prossimo, quindi bisogna trovare il modo, tecnicamente, per anticipare l'operazione".

 

 

*** Recovery fund ultime notizie 29 aprile:

Novità per le tempistiche per la nascita e l'attivazione del nuovo Fondo di recupero Ue, stando infatti alle parole dette dalla vice-presidente della Commissione Ue, Vera Jourova, cira il Recovery fun il "1° gennaio 2021 è una data molto ambiziosa". Il Fondo è un processo molto impegnativo che richiede tempo.

 

Il Recovery fund, nato da una proposta francese, è un fondo garantito dal bilancio dell’Unione Europea da utilizzare per l'emissione dei cosiddetti recovery bond, ribattezzati da alcuni anche Ursula bond, ispirati dal nome della Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen.

 

Recovery fund cos'è, significato e come funziona, Recovery bond

Che che cos'è il Recovery fund? Il Recovery fund è un fondo garantito dal bilancio dell’Unione Europea da utilizzare per l'emissione dei cosiddetti recovery bond, ribattezzati da alcuni anche Ursula bond, ispirati dal nome della Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen.

 

Con il Recovery fund Parigi ha quindi proposto un compromesso che non chiede la condivisione dei debiti passati, ipotesi fortemente osteggiata dai cd. Paesi del Nord - Olanda, Svezia, Finlandia Austria e Germania, ma una condivisione del rischio comune solo futuro. 

 

Il finanziamento del fondo avverrebbe tramite la raccolta di liquidità data dall'emissione dei recovery bond, titoli di debito comune, che secondo i piani dell’Eliseo, inaugurerebbero una nuova e più forte solidarietà comunitaria.

 

Nel Consiglio Europeo del 23 aprile 2020, i capi di Stato e di Governo hanno approvato il pacchetto di misure contro gli effetti della pandemia Covid-19 uscito dall'ultimo Eurogruppo con l'ok dei ministri delle Finanze e dell’Economia dell’Ue. Tra questi c’è anche il Mes senza condizionalità, Sure, Bei.

 

Il Consiglio europeo ha dato l'ok al recovery bond e recovery fund . 

 

II leader dell'Unione hanno deciso alla fine di dare il via libera al pacchetto di misure Mes, Bei, Sure rimettendo alla Commissione il mandato di analizzare il fabbisogno del Recovery europeo per sostenere la ripresa dopo la crisi pandemica. A confermarlo anche il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel in conferenza stampa.

Il fondo sarà legato al bilancio pluriennale dell'Ue che Michel ha definito "urgente e necessario".

 

Ma che cos'è il recovery fund, cosa significa e come funziona il recovery bond? Vediamolo nei prossimi paragrafi.

 

Cos'è il Recovery fund? Significato e come funziona:

Recovery fund cos'è? Il Recovery fund che significa letteralmente fondo di ricupero, come già detto, è una proposta fatta dalla Francia che prevede l'istituzione di un fondo ad hoc con lo scopo di emettere obbligazioni, i cd. recovery bond o ursula bond, con la garanzia del bilancio UE. In questo modo la condivisione del rischio sarebbe comune solo per il futuro, senza una vera mutualizzazione sui debiti del passato cosicché da accontentare i paesi del fronte del Nord come Olanda, Austria, Svezia, Finlandia e Germania, da sempre contrari ad una classica condivisione degli oneri legati ai debiti.

 

Il finanziamento del fondo di recupero avverrebbe tramite la raccolta di liquidità data dall’emissione dei recovery bond. Tale liquidità raccolta sarebbe poi distribuita ai governi maggiormente in difficoltà per l'emergenza coronavirus e non dovrebbe essere rimborsata.

 

L'idea del recovery fund è piaciuta anche all'Italia tanto che il premier Conte nell'informativa al Parlamento, ha detto che "l’Italia intende realizzarlo il prima possibile e questo sarà il tema della riunione di giovedì”, giorno del Consiglio europeo. "L’Italia sostiene una risposta coordinata, ambiziosa in relazione allo shock da Covid”, ha aggiunto poi Conte.

 

Parlando ancora del recovery fund, per il premier "questo nuovo strumento finanziamento dovrà essere conforme ai trattati perché non abbiamo tempo per modificarli. Va gestito a livello europeo senza carattere bilaterale, deve essere ben più consistente degli strumenti attuali, mirato a far fronte a tutte le conseguenze economiche e sociali, dovrà essere immediatamente disponibile e se dovrà ricadere nel quadro finanziario pluriennale dovrà essere messo a disposizione subito, attraverso garanzie che ne anticipino l’applicazione".

 

Il governo italiano appoggia quindi "la proposta francese avendo chiesto di integrarla in modo da rispondere più puntualmente ai requisiti che riteniamo imprescindibili. Da ultimo è stata presentata una proposta spagnola che pure, ma con qualche suggerimento di variazione, potremmo appoggiare per la sua conformità alle nostre finalità”.

 

Recovery bond cosa sono e differenza con gli Eurobond:

Cosa sono i recovery bond: in attesa che la commissione europea presenti entro il prossimo 6 maggio la sua proposta di Recovery fund, andiamo a vedere che cosa sono i recovery bond.

 

recovery bond, o ursula bond, sono obbligazioni comuni emessi dal fondo Recovey fund con la garanzia del bilancio UE. In questo modo la condivisione del rischio sarebbe comune solo per il futuro, senza una vera mutualizzazione sui debiti del passato cosicché da accontentare i paesi del fronte del Nord come Olanda, Austria, Svezia, Finlandia e Germania, da sempre contrari ad una classica condivisione degli oneri legati ai debiti.

 

Il finanziamento del fondo avviene quindi tramite la raccolta di liquidità data dall’emissione dei recovery bond. Tale liquidità, sarebbe poi distribuita ai governi maggiormente in difficoltà per l'emergenza coronavirus e non dovrebbe essere rimborsata.

 

Recovery bond e Eurobond differenza:

La differenza sostanziale tra i due bond è che nel caso dei recovery bond la condivisione del rischio è comune solo per quanto concerne il debito futuro mentre con gli eurobond o coronabond, ci sarebbe la mutualizzazione del debito futuro e anche pregresso.

 

Consiglio europeo ok al Recovery fund:

Recovery fund e la von der Leyen: secondo alcune fonti europee non ufficializzate, la presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen sarebbe a lavoro per presentare al prossimo Consiglio europeo, una proposta sul recovery fund e recovery bond, per questo motivo che i suddetti bond sono stati chiamati anche "ursula bond".

 

Ursula von der Leyen con la sua strategia mira a raccogliere fino a 1.000 miliardi di euro che andrebbero così ad aggiungersi agli altri 3 strumenti già approvati dall'Eurogruppo: MES, SURE e BEI.

 

E la BCE dal canto suo sarebbe del tutto legittimata a comprare i titoli di debito emessi dal recovery fund, i cd. recovery bond o ursula bond.

 

In base alle ultime notizie nel Consiglio europeo del 23 aprile 2020, i leader europei hanno deciso di lavorare sui recovery bond e sul recovery fund. Già entro il prossimo 6 maggio la commissione europea dovrà elaborare una proposta.

 

I tre strumenti approvati dall'Eurogruppo, che devono ora essere approvati dal Consiglio Europeo di giovedì sono il MES, la Bei, Banca europea per gli investimenti (Bei) e il Sure.

 

Nuovo Mes cos'è e come funziona:

Il Mes, meccanismo economico Salva-Stati è uno strumento istituito dall'Ue e nato con la precedente crisi finanziaria al fine di concedere prestiti agli Stati Membri che non riuscivano, o lo facevano ad altissimi costi, a finanziarsi sui mercati 

 

Il MES in passato è stato attivato da 3 paesi:

  • Cipro  per 6,3 miliardi di euro;

  • Grecia per 61,9 miliardi di euro;

  • Spagna 41,3 miliardi euro,

con diverse rigide condizioni che impongono a chi riceve i prestiti di ad approvare un memorandum d’intesa (MoU) che definisce con rigorosa precisione quali misure si impegna a prendere (soprattutto in termini di tagli al deficit/debito e di riforme strutturali).

 

Rispetto a questo Mes, il nuovo Mesè frutto di un compromesso che prevede che i Paesi Membri possono richiedere prestiti al MES a copertura dei:

  • SOLO danni economici legati all'epidemia Coronavirus,

a tassi molto più bassi di quelli di mercato e con scadenze assai lunghe, per un importo non superiore al 2% del Pil: l'Italia potrà richiedere circa 36-27 miliardi.  

 

Sure, cassa integrazione europea: cos'è e come funziona

Il secondo strumento su cui i ministri dell'economia si sono trovati d’accordo all'Eurogruppo è il SURE (Support to mitigate unemployment risks in emergency) ovvero la cassa integrazione europea fortemente voluta dalla von der Leyen.

 

Il Sure prevede di poter sbloccare risorse per 100 miliardi di euro e per accedervi gli Stati membri devono fornire garanzie nazionali fino a 25 miliardi che serviranno alla Commissione per emettere bond tripla A (molto sicuri e quindi con bassi tassi di interesse) che vengono poi girati agli altri paesi membri tramite prestiti a lungo termine.

 

Bei, banca europea investimenti:

Il terzo strumento approvato è un piano da 200 miliardi di euro per le imprese sotto forma di prestiti concessi dalla Banca europea per gli investimenti (BEI).

 

I prestiti tramite la Bei saranno attivati dal Fondo di garanzia dei paesi europei di 25 miliardi che permetterà alla BEI di reperire sui mercati fino a 200 miliardi da trasformare in finanziamenti agevolati alle imprese tutelando maggiormente le piccole e medie imprese.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA