Voli e bagagli, covid-19: le nuove norme Enac su cosa portare a bordo

Ecco cosa cambia ai check-in d'imbarco. Nuove restrizioni su bagaglio a mano vietano uso delle cappelliere. A bordo, solo una piccola borsa sotto il sedile.

26 giugno 2020 14:07
Voli e bagagli, covid-19: le nuove norme Enac su cosa portare a bordo

Con l’arrivo dell’estate, si fa più calda la questione ‘bagagli’ e volare, nella stagione post-covid19, resta comunque complicato, dato che i passeggeri non potranno usufruire della cappelliera per imbarcare il bagaglio a mano. Da oggi, entrano in vigore nuove norme di sicurezza che aumentano le restrizioni su quello che è consentito portare a bordo dei voli e cosa invece si manda in stiva.

 

In risposta alle circostanze eccezionali causate dall'epidemia di Covid-19 e in base alle linee guida dell’Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (EASA), l’ENAC ha trasmesso alle compagnie aree una nota con cui invita il personale aeronautico e le organizzazioni per le quali l'Ente è autorità competente al rispetto delle nuove condizioni, conformemente alle esenzioni pubblicate.

 

Lo scopo delle nuove disposizioni imposte alla boarding policy del traffico aereo è quello di “fronteggiare l’epidemia da covid-19”, come si legge nel comunicato dell’ENAC, che ripropone le condizioni necessarie per la deroga all’obbligo di distanziamento sancite nell’allegato 15 del DPCM dell’11 giugno 2020.

 

Ecco cosa cambia nel dettaglio:

  • per quanto riguarda la misurazione della temperatura, il controllo deve essere effettuato prima dell’accesso in aereo. Se la temperatura supera i 37,5°, l’accesso a bordo è vietato. Non si rende necessario un ulteriore controllo (come indicato invece nelle ultime disposizioni) se il passeggero è stato sottoposto alla misurazione all’ingresso dell’aeroporto o, comunque, prima dell’imbarco.

  • per quanto concerne il bagaglio a mano, i passeggeri possono portare a bordo solo bagagli di dimensioni tali da essere posizionati sotto il sedile di fronte al posto assegnato. Per ragioni sanitarie, non è consentito - a nessun titolo - l’utilizzo delle cappelliere.

Per quanto riguarda:

  • a) l’autocertificazione da parte del passeggero che attesti di non aver avuto contatti stretti con persone affette da patologia covid-19 negli ultimi due giorni, prima dell’insorgenza dei sintomi e fino a 14 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi;

  • b) al fine della tracciabilità dei contatti, il passeggero si impegna a comunicare, alla compagnia aerea e all’Autorità sanitaria territoriale competente, l’insorgenza di sintomatologia del coronavirus comparsa entro 8 giorni dallo sbarco dall’aeromobile. Il Ministero della Salute ha fornito un modello che deve essere compilato dal passeggero – preferibilmente in modalità elettronica - e consegnato alla compagnia aerea prima della partenza.

 

L'obbligo di distanziamento deve essere rispettato da tutte le compagnie aeree, a prescindere dalla nazionalità e tutte le condizioni per derogare al distanziamento devono sussistere contemporaneamente.

 

Il presentimento di arrivare presto a leggere questa ‘news' era stato già avvertito il 13 maggio scorso, con la presentazione del Vademecum per le vacanze 2020 in sicurezza da parte della Commissione europea. Le linee guida del cosiddetto “pacchetto Turismo” di Bruxelles, infatti, preannunciavano l’ipotesi di restrizioni all’imbarco del bagaglio a mano.

 

La Commissaria Ue ai Trasporti e alla Mobilità, Adina Valean, aveva infatti risposto alle perplessità dei giornalisti in sala stampa spiegando che l’obiettivo non è “ridurre i posti a sedere”, ma “limitare al minimo i movimenti delle persone in cabina”, per contenere i rischi di contagio durante il viaggio, specialmente in aereo. Ecco perché si è reso necessario introdurre le disposizioni per assicurare bagagli piccoli e snelli con il minimo indispensabile. 

 

Le nuove norme adotatte dall'ENAC sono applicabili da subito e a tutte le compagnie aeree (sia italiane che straniere)  che effettuano voli sul territorio nazionale. Importante è anche ricordare che lo scenario  di tutte le altre regole sulle "vacanze 2020" varia da Stato a Stato, perchè tocca dinamiche che interferiscono con politiche di delicata competenza e responsabilità che ricadono, a livello nazionale, sulle autorità preposte ai piani di risposta alla pandemia (è il caso del controllo delle frontiere, dell’assistenza sanitaria, della reperibilità dei dpi, della sicurezza delle infrastrutture, del monitoraggio e controllo, del tracciamento dei contagi in una determinata area, eccetera…).

 

 

Nuovo modello autocertificazione per chi vola Ministero della Salute

Per facilitare il reperimento, The Italian Times ha scaricato per i passeggeri il modello di autodichiarazione covid–19 del Ministero della Salute. 

 

 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA