Abolizione Legge Fornero 2018 M5S Lega: costi e cosa cambia pensioni

«Abolizione Legge Fornero 2018 M5S Lega: costi, cosa cambia con le nuove pensioni di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, novità e ultime notizie Governo Lega M5S»

Abolizione Legge Fornero 2018: cosa cambia? Le pensioni italiane cambieranno con il nuovo Governo Lega M5S.

Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno dato vita agli accordi per un programma di Governo.

L'abolizione della legge Fornero è tra i primi posti di questo programma.

A questo punto bisogna capire cosa intende fare il nuovo Governo e come cambierà la vita dei pensionati italiani.

Scopriamolo in questo articolo, in particolare:

l'accordo abolizione legge Fornero del nuovo Governo Lega M5S;

quanto costa l'abolizione della legge Fornero;

cosa cambia con il nuovo Governo.

 

Abolizione Legge Fornero 2018

Abolizione Legge Fornero 2018: quali sono le ultime notizie? Le novità sull'abolizione della legge Fornero sono tutte legate al nuovo Governo.

Governo Lega M5S 2018: la formazione del nuovo Governo si basa sull'accordo che le due forze politiche hanno attuato.

Come abbiamo visto questo nuovo Esecutivo si base quasi ed esclusivamente sul programma che il leader del M5S Luigi Di Maio e il suo nuovo alleato Matteo Salvini hanno strutturando.

L'abolizione della legge Fornero è ormai prossima: questo è uno dei principali punti su cui il Governo intende lavorare.

Subito dopo la campagna elettorale l'ex ministro Elsa Fornero aveva dichiarato che la sua riforma era stata presa dalla Lega e strumentalizzata durante la campagna elettorale.

Per Elsa Fornero l'Italia non può permettersi di eliminare la sua riforma.

Ma il nuovo contratto di Governo M5S Lega ne vede comunque il superamento.

Ormai quindi bisogna solo aspettare la bozza di legge.

Scopriamo come cambierà la riforma delle pensioni.

 

Abolizione Legge Fornero 2018 M5S e Lega

L'abolizione della Legge Fornero è stata al centro dell'attenzione della passata campagna elettorale.

La Lega di Matteo Salvini è stato il partito più acceso contro la riforma Fornero.

Ma anche il Movimento 5 Stelle, seppur con toni più pacati, ha sempre parlato di un superamento di questa riforma.

Forse non ci si aspettava che queste due forze politiche avrebbero formato un Governo assieme.

Ma ora che il Governo Lega M5S prende forma la riforma Fornero sembra avere i mesi contati.

Pensioni Salvini: per il leader della Lega la legge Fornero è sempre stata una vera e propria ingiustizia.

Per Matteo Salvini non si sarebbero dovuti chiedere tutti questi sacrifici ai pensionati italiani.

Pensioni Di Maio: anche Luigi Di Maio è stato sempre sulla stessa linea.

Cambiare il sistema pensionistico italiano è un chiaro punto del programma elettorale del Movimento 5 Stelle.

Riforma Fornero 2018: ma è realmente possibile abrogare questa riforma?

Vediamo i costi a cui l'Italia va incontro.

 

Abolizione Legge Fornero costi

Abolizione Legge Fornero costi: quanto costa? L'abolizione della Legge Fornero presenta un conto molto alto.

Secondo un recente articolo de Il Sole 24 ore i costi abolizione legge Fornero sono di 15 miliardi.

Anche Tito Boeri, il Presidente dell'Inps, ha dichiarato che il ritorno alla pensione dopo 40 anni di contributi avrebbe un costo di circa 15 miliardi di euro l'anno per l'Italia.

Sempre secondo Tito Boeri, questo avrebbe un'incidenza sul debito pensionistico di 85 miliardi, una somma che finirebbe a carico delle generazioni future.

Queste sono le cifre che hanno portato Elsa Fornero ad attaccare Matteo Salvini e la Lega durante l'ultima campagna elettorale.

Per l'ex ministro la Lega ha fatto promesse che non può mantenere.

Ma non la pensano così Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Vediamo allora cosa cambia con il nuovo Governo Lega M5S.

 

Abolizione Legge Fornero cosa cambia

Abolizione Legge Fornero: cosa cambia? La prima cosa è che dal 2018 non ci sarà più la Legge Fornero.

Questo è il primo aspetto che vale la pena di considerare.

Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono d'accordo che ci sarà un superamento di questa riforma delle pensioni a cui ha dato vita il Governo di Mario Monti.

Con il nuovo accordo di Governo si evidenzia che ci saranno due strade.

Quota 100: sarà molto probabilmente questa la nuova riforma delle pensioni in Italia.

Dal 2019 è possibile che gli italiani potranno andare in pensione dopo 40 anni di contributi e dopo aver compiuto 60 anni.

Quota 41: un altro aspetto da valutare è la quota 41, presa dal Movimento 5 Stelle, che evidenzia che si potrà andare in pensione dopo 41 anni di contributi.

Con la sua attuazione e la stesusa di un disegno legge si capiranno tutti gli aspetti economici.

Solo in quel momento si saprà come verranno sopperiti i costi della riforma Fornero.

 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?