Bonus matrimonio 2019 - 2020: under 35 requisiti Isee sposi in chiesa

«Bonus matrimonio 2019/2020 cos'è come funziona requisiti under 35 a chi spetta e quanto, spese detraibili per chi si sposa in chiesa basso Isee, legge Lega»

Bonus matrimonio 2019/2020 Lega, cos'è come funziona e requisiti: la Lega ha presentato alla Camera, una nuova proposta di legge per incentivare e favorire la ripresa dei matrimoni religiosi in Italia visto il loro vertiginoso crollo negli ultimi 10 anni.

 

Alla Camera, in commissione Finanze, sta per partire quindi l'esame di un nuovo progetto di legge che vede l'introduzione di una nuova detrazione fino a 4 mila euro per i giovani sposi under 35 a basso reddito che decidono di sposarsi in chiesa.

 

La nuova detrazione fiscale che vale quindi solo per i matrimoni religiosi sarà sicuramente oggetto di dure critiche visti i paletti introdotti, in primis quello che esclude dal beneficio i matrimoni civili e le Unioni di civili che non potranno così ottenere lo sgravio fiscale.

 

Alla luce di questa nuova proposta di legge della Lega, andiamo quindi a vedere il bonus matrimonio cos'è e come funziona, requisiti, a chi spetta e quanto spetta, i documenti e come fruire della detrazione spese fino a 4.000 euro per i giovani under 35 a basso reddito che si sposano in chiesa.

 

Bonus matrimonio cos'è?

Che cos'è il bonus matrimonio? Il bonus matrimonio è la nuova agevolazione fiscale proposta dalla Lega al fine di aumentare e favorire i matrimoni religiosi in Italia, calati negli ultimi 10 anni, di oltre 54mila in meno l’anno.

 

La proposta di legge è stata presentata il 13 novembre 2018 alla Camera dal leghista Domenico Furgiuele, e nei prossimi giorni inizierà la sua discussione per l'approvazione finale del testo.

 

Ma esattamente cos'è il bonus matrimonio? E' un'agevolazione fiscale che prevede il riconoscimento di una detrazione fiscale fino a 4000 euro sulle spese sostenute per il matrimonio religioso da parte di giovani under 35 a basso reddito.

 

Bonus matrimonio under 35 come funziona:

Come funziona il bonus matrimonio secondo la proposta di legge della Lega: In base al testo della proposta di legge presentata dalla Lega alla Camera, il bonus matrimoni funziona così:

 

- prevista detrazione fiscale fino a 4.000 euro da ripartire in 5 quote di pari importo per le giovani coppie che intendono sposarsi in chiesa.

 

- per le giovani coppie under 35 che celebrano il matrimonio religioso prevista quindi la detrazione del 20% sulle spese connesse alla celebrazione del matrimonio. 

 

- la spesa massima su cui calcolare la detrazione 20% è fino a 20mila euro, per cui 20% di 20.000 euro, è quindi 4mila euro da dividere in cinque quote costanti in cinque anni, tramite dichiarazione dei redditi.

 

Bonus matrimonio requisiti: chiesa e con basso ISEE

Requisiti Bonus matrimono: a chi spetta: La detrazione bonus matrimonio spetta ai giovani in possesso dei seguenti requisiti:

  • giovani coppie under 35 anni;

  • avere la cittadinanza italiana da almeno 10 anni. 

  • avere un ISEE, con riferimento al 31 dicembre 2018 non superiore a 23mila euro, ossia 11.500 euro a persona;

  • le spese devono essere sostenute esclusivamente in Italia;

  • le spese devono essere pagate solo con bonifico o carta di debito o credito, per cui niente assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento;

  • la detrazione è fruibile solo se le spese sostenute sono dichiarate nella dichiarazione dei redditi tramite modello 730 o modello Redditi persone fisiche.

 

Bonus matrimonio in chiesa spese detraibili:

Spese detraibili con il bonus matrimonio: in base a quanto previsto dal testo della proposta di legge della Lega, le spese agevolabili e quindi detraibili con il bonus matrimonio sono:

  • spese per ornamenti in Chiesa: tra cui i fiori decorativi, la passatoia e i libretti;

  • Abiti per gli sposi;

  • Servizio di ristorazione;

  • Bomboniere

  • Servizio di coiffeur e di make-up;

  • servizio wedding reporter. 

 

Come devono essere pagare le spese per fruire del bonus matrimonio:

  • le spese per essere detraibili devono: essere sostenute in Italia;

  • i beneficiari del bonus devono essere in possesso della cittadinanza italiana da almeno dieci anni. 

 

Detrazione spese sposi documenti da conservare:

I documenti da conservare per usufruire del bonus matrimonio sono:

  • ricevuta del bonifico;

  • ricevuta di avvenuta transazione per i pagamenti con carta di credito o di debito;

  • documentazione di addebito sul conto corrente;

  • tutte le fatture di acquisto, riportanti la natura, la quantità e qualità dei beni e dei servizi acquistati. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA