Coronavirus ultime notizie: nuovo DPCM agosto 2020 e decreto Agosto

Coronavirus ultime notizie Dpcm agosto 2020 testo regole misure decreto mascherine obbligatorie, distanziamento, discoteche nome anti Covid e decreto Agosto

4 agosto 2020 09:00
Coronavirus ultime notizie: nuovo DPCM agosto 2020 e decreto Agosto

Coronavirus ultime notizie, DPCM agosto 2020:

 

*** Coronavirus ultime notizie 4 agosto, nuovo Dpcm agosto 2020:

Nuovo DPCM agosto 2020 in arrivo la prossima settimana. Il nuovo decreto del presidente del consiglio con le nuove regole a partire dal 1° agosto 2020 doveva essere emanato entro il 31 luglio, ma il governo ha poi optato per una proroga del DPCM in scadenza.

 

Il Consiglio dei Ministri riunitosi lo scorso mercoledì 29 luglio 2020, a Palazzo Chigi, ha già deliberato la proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre 2020 ed approvato, anche un decreto-legge che introduce misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020 e la legge europea 2019-2020.

 

Con sorpresa di molti, l'Esecutivo ha però deciso che il nuovo Dpcm poteva aspettare e di prorogare la validità del Dpcm 14 luglio in scadenza il 31 luglio, di ulteriori 10 giorni, pertanto il nuovo DPCM dovrà essere emanato entro il 9 agosto, per entrare in vigore dal 10 agosto.

 

Conte deve però decidere anche sull’eventuale via libera a fiere, congressi, viaggi su navi da crociera, sagre ed eventi simili, visto che la ripresa di queste attività è strettamente legata al numero di contagi, dall’aumento dei focolai covid e dei ricoveri nelle terapie intensive, il fatto che in Italia dopo una costante diminuzione dei casi stanno tornando ad aumentare in Italia ma soprattutto nel resto d'Europa.

 

Servirà quindi un attento confronto tra il premier Giuseppe Conte, il ministro della Salute Roberto Speranza e quello degli Affari Regionali Francesco Boccia, tendendo conto delle raccomandazioni del Comitato tecnico-scientifico e dei pareri dei governatori delle Regioni. 

 

Con il nuovo Dpcm agosto, sarà poi decisa la proroga delle misure restrittive contenute nel precedente Dpcm 13 luglio 2020. Ricordiamo che il suddetto provvedimento è molto diverso dalla proroga dello stato di emergenza approvata dal CdM.

  • discoteche, fiere e congressi resteranno ancora chiusi a causa del potrarsi del rischio contagio. Per una loro eventuale riapertura se ne riparlerà fra 10 giorni con il nuovo Dpcm.

  • Vietati gli assembramenti;

  • obbligatorio indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico compresi i mezzi di trasporto e in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Il nuovo dpcm agosto 2020 che sarà adottato la prossima settimana dovrebbe confermare nella sostanza le linee guida ad oggi in vigore e di conseguenza il rinnovo dell'obbligo delle mascherine per il contenimento del contagio. Per il momento l'ordinanza firmata il primo agosto dal ministro Speranza impone l'uso dei dispositivi di protezione fino al 15 agosto.

  • Resta valida la sanzione penale per chi viola la quarantena obbligatoria.

  • Divieto di ingresso in Italia per chi ha soggiornato negli ultimi 14 giorni nei Paesi "a rischio" che sono al di sotto dei coefficienti minimi di sicurezza relativi alla percentuale di incidenza e al coefficiente di resilienza, ossia la capacità del sistema sanitario di sostenere un'emergenza improvvisa come quella della pandemia. 

  • Divieto di ingresso e rimpatrio immediato, è quanto potrebbe prevedere il nuovo Dpcm;

  • Luoghi di culto dovranno continuare ad adottare misure tali da evitare assembramenti. 

  • Cinema, teatri e auditorium continueranno ad avere posti a sedere preassegnati e distanziati, rispettando la distanza di almeno un metro (ad eccezione dei conviventi) e con un massimo di mille spettatori per spettacoli all'aperto e 200 in luoghi chiusi.

  • Per i bambini resta consentito giocare all'aperto, purché in sicurezza, e continuano a essere permesse attività motorie e sportive all'aperto e nelle palestre, rispettando la distanza di sicurezza di almeno due metri. 

  • Bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie, infine, possono continuare a esercitare le loro attività a condizione che le regioni e le province autonome di riferimento ne abbiano accertato la compatibilità con l'andamento della situazione epidemiologica.

 

Coronavirus ultime notizie, decreto agosto 2020:

Coronavirus ultime notizie decreto agosto 2020:

In arrivo l'ennessimo a metà settimana il nuovo decreto legge per far fronte alla durissima crisi economica scaturita dalla pandemia Covid.  Tutto il Governo, in primis Conte ed il ministro dell'Economia Gualtieri, cercano di trovare nuovamente un punto comune all'interno della maggioranza ma le tele del dissenso si stanno tessendo ancora una volta.

 

Con il terzo e nuovo scostamento di bilancio da 25  miliardi di euro il Governo prorogherà le misure a sostegno di imprese e lavoratori. Gli aiuti però non saranno per tutti ma solo per i settori più colpiti dalla pandemia e più in difficoltà economica come i settori auto, tempo libero, turismo. La proroga CIG pertanto sarà quasi prorogata al 31 dicembre 2020 ma potrebbero esserci incentivi a qualle imprese che rinunceranno a ricorrere all'ammortizzatore sociale.

 

Nella prima bozza del decreto agosto ci sono le seguenti misure:

  • Nuova proroga della Cig: il Governo ha dato già per certa l'allungamento della nuova cassa integrazione Covid per altre 18 settimane nella formula 9+9. Una novità che potrebbe essere introdotta è legare la domanda di accesso, al calo del fatturato.

  • Alternativamente al ricorso della CIG, le imprese potranno optare per il nuovo bonus assunzioni 2020, sotto forma di sgravi contributivi

  • Bonus 1000 euro e bonus 600 euro per lavoratori spettacolo, stagionali del turismo, ed altre nuove categorie.

  • Nuova proroga, fino a tutto dicembre 2020, per i contratti a termine. La prima bozza estende la deroga già prevista ai paletti fissati con il decreto Dignità che durante il lockdown era stata introdotta fino al 30 agosto.

  • Il rafforzamento del Fondo di garanzia centrale per le pmi.

  • fondi per far ripartire le scuole in sicurezza;

  • La proroga fino al 31 dicembre 2020 del blocco dei licenziamenti ma forse solo per le aziende che utilizzano la cassa integrazione.

  • Smart working proroga anche nel settore privato così come previsto per il 50% della p.a dal dl Rilancio. 

  • Taglio o proroga dei versamenti delle tasse rinviate a settembre per le imprese più colpite e contestuale una rimodulazione delle scadenze.

  • Nuovo calendario versamenti tasse Partite Iva, potrebbe essere anticipata la riforma fiscale 2021 con il nuovo meccanismo senza più acconti e saldi ma una diluizione nel corso dell'anno degli importi da versare calcolati in base a quanto effettivamente incassato. ù

     

  • 2,8 miliardi saranno destinati alle Regioni per coprire le mancate entrate mentre circa 2 mliardi saranno le risorse destinate ai Comuni.

 

Decreto Semplificazioni 2020 ultime notizie:

Decreto Semplificazioni 2020 entra in vigore:

Il testo del decreto semplificazioni 2020  dopo una lunga discussione notturna è stato approvato dal CdM con la famosa formula "salvo intese”. Non sono state quindi sufficienti le trattative di queste ultime settimane per far convergere la maggioranza su un testo definitivo del provvedimento. 

 

Sotto la lente di ingrandimento sono finiti gli articoli del decreto Semplificazioni 2020 racchiusi i 4 macro-capitoli:

  • Titolo I, Semplificazioni in materia contratti pubblici ed edilizia;

  • Titolo II, Semplificazioni procedimentali e responsabilità;

  • Titolo III, Misure di semplificazione per il sostegno e la diffusione dell’amministrazione digitale;

  • Titolo IV, Semplificazioni in materia di attività di impresa, ambiente, green economony.

Tali articoli vanno dalle nuove regole per gli appalti pubblici, le gare e le autorizzazioni per la costruzione e demolizione edili. l'abuso d'ufficio e del danno erariale dal parte di pubblici funzionari, smart working PA, green economy e new green deal Ue, semplificazioni per i controlli antimafia, semplificazione del procedimento amministrativo, aumento della diffusione dell'identità digitale grazie all'uso di apposite app, velocizzazione banda larga,riforma della procedura di Via per i vincoli ambientali, semplificare gli investimenti nell’energia rinnovabile, ecc.

 

Coronavirus ultime notizie Stati generali:

Il premier Conte alla fine della "kermesse" degli Stati Generali dell'Economia ha parlato di recovery plan italiano, ovvero il piano per la ripartenza dell’Italia ed i 3 punti chiave che più volte sono stati sottolineati dal capo del governo: 

  • il decreto semplificazione 2020;

  • il rilancio delle infrastrutture a cominciare dall'estensione dell'Alta Velocità, 

  • incentivi per gli investimenti. 

Il lavoro di Conte si basa tra gli altri anche del rapporto sulla fase 3 consegnata a Palazzo Chigi dalla task force guidata da Vittorio Colao. 

 

 

Decreto Rilancio testo in Gazzetta Ufficiale:

Il testo del decreto Rilancio salito nell’ultima versione a 266 articoli è stato bollinato, firmato dal presidente della Repubblica, e pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Ecco le ultime novità inserite nel decreto Rilancio:

  • Ecobonus al 110 per cento per l'efficientamento energetico degli edifici e per l'adeguamento sismico sarà ammessa anche la seconda casa se all’interno del condominio. Rimangono escluse le seconde abitazioni se sono ville unifamiliari.

  • Fondo per le Regioni: previsti 495,7 milioni di euro finalizzati a ristorare alle Regioni e alle Province autonome per le minori entrate derivanti dal taglio del pagamento dell'Irap di giugno.

  • Misura anti-FCA: previsto un emendamento che prevede di esclusere dalle garanzie Sace per i finanziamenti le società che controllano direttamente o indirettamente una società residente in un paradiso fiscale. La norma non si applica esplicitamente al caso Fca ma l'obiettivo è mettere un deterrente alle delocalizzazione. Infatti un altro emendamento prevede che chi riceve i prestiti non può spostare gli stabilimenti produttivi dall'Italia verso altri Paesi. Mentre un altro sospende per 12 mesi la distribuzione di dividendi e i buyback.

 

 

*** Coronavirus ultime notizie decreto Rilancio cosa prevede il testo:

Ecco cosa c'è nel testo del decreto Rilancio per famiglie e imprese::

  • Previsti 15-16 miliardi alle imprese che verranno erogati in varie forme - Fondo perduto- dalle più piccole con bonus bollette e affitti fino alla possibilità di capitalizzare le più grandi.

  •  nel testo del decreto Rilancio vengono "tagliati 4 miliardi di tasse per tutte le imprese fino a 250 milioni di fatturato" con lo stop saldo e acconto IRAP 2020.

  • Per gli autonomi e i professionisti iscritti alle gestioni separate Inps è previsto il bonus 600 euro aprile in automatico. Per il mese di maggio il ristoro aumenta con un bonus 1000 euro solo per chi dimostra di aver avuto una perdita di fatturato del 33%.

  • Previsti 1,4 miliardi per università e ricerca e l'assunzione di 4000 nuovi ricercatori.

  • "Confidiamo di erogare gli ammortizzatori ancora più speditamente di come accaduto fino ad adesso. Non ci sono sfuggiti i ritardi e cerchiamo di rimediare" ecco perché si parla di cassa integrazione pagata direttamente dall'INPS con un anticipo immediato del 40%;

  • "Per la sanità un intervento cospicuo, pari a 3 miliardi e 250 milioni".

  • Il pacchetto turismo nel decreto Rilancio, con un tax credit - Bonus vacanze 2020- "fino a 500 euro per tutte le famiglie con Isee inferiore a 40mila euro.

  • La prima rata Imu è abbonata per alberghi e stabilimenti balneari.

  • Per l'occupazione di suolo pubblico "Bar e ristoranti non pagheranno la Tosap, grazie alla collaborazione con l'Anci.

  • Ecobonus 2020 al 110%, la proposta di aumentare la detrazione ecobonus e Sismabonus al 110% è destinata a sparire dal testo definitivo del decreto Rilancio. Il “superbonus” del 110% è stato pensato per aiutare l’economia fortemente segnata dall’emergenza coronavirus e voluto dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.

  • Il decreto Rilancio prevede, nella bozza, la cancellazione definitiva delle clausole di salvaguardia che prevedevano aumenti di Iva e accise a partire dal 2021, il rinvio al 2021 di sugar e plastic tax.

  • Rinvio al 16 settembre le scadenze dei versamenti dell’IVA e dei contributi per le imprese che hanno subìto cali di fatturato, per quelle che appartengono ai settori più colpiti dalla crisi (come ristorazione, trasporti, turismo) e per quelle che si trovano nelle cosiddette “zone rosse” stabilite all’inizio della pandemia.

  • Stop fino al 31 agosto 2020 dei pignoramenti su stipendi, salari e pensioni effettuati dall’Agenzia delle entrate.

  • Nel testo del decreto Rilancio è prevista la sospensione di avvisi bonari e avvisi di accertamento dell'Agenzia delle Entrate in scadenza tra l’8 marzo e il giorno precedente a quello in cui entrerà in vigore il decreto sono rinviati al 16 settembre.

  • Rinviata fino al 1° settembre a notifica di 22 milioni di cartelle esattoriali e di 8,5 milioni di richieste di accertamento fiscale.

 

 

Decreto Rilancio, Bonus 1000 euro a maggio partite IVA:

Bonus autonomi e professionisti nel decreto Rilancio:

  • Bonus 600 euro aprile "Ai soggetti già beneficiari per il mese di marzo dell'indennità di 600 euro è erogata anche per il mese di aprile 2020". 

  • Bonus 1000 euro partite IVA e autonomi maggio: liberi professionisti con partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del presente decreto, iscritti alla Gestione separata non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano subito una comprovata riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020, rispetto al reddito del secondo bimestre 2019.

 

Decreto Rilancio Cassa integrazione e altre misure:

1) La Cassa integrazione sarà applicabile per 18 settimane (nove settimane in più per chi ha già fruito dell'ammortizzatore sociale nelle precedenti 9 settimane) come previsto dal decreto di marzo:

  • Cig per 14 settimane per le domande ex novo e 5 settimane per chi sta già utilizzando la CIG dall'inizio, sono utilizzabili fino al 30 agosto;

  • Cig per altre 4 settimane utilizzabili dal 1° settembre fino al 31 di ottobre di quest'anno.

2) Il Reddito di emergenza ci sarà ma sarà a tempo, ecco perché cambierà nome e si chiamerà contributo di emergenza da 400 a 800 euro per due mesi aprile e maggio.

 

3) Reddito di cittadinanza: niente allargamento dei requisiti del Reddito di cittadinanza che rimarrà con i vecchi criteri e non sarà concesso a chi ha Isee e proprietà di maggior valore.  

 

4) "Un significativo rafforzamento delle agevolazioni ecobonus e sismabonus”. In particolare, saranno elevate le percentuali delle detrazioni e sarà possibile usufruire immediatamente dello sconto fiscale con lo sconto in fattura e lo sconto del credito. Si parla di Ecobonus e Sismabonus al 110%.

 

*** Coronavirus ultime notizie 4 maggio: bozza testo decreto Maggio:

In base alla bozza di testo del decreto Aprile circolata in queste ultime ore le misure a sostegno delle famiglie e delle imprese così tanto colpite dalle conseguenze Covid. 

Previsto anche un bonus bicicletta 2020, monopattini, sharing da 200 euro.

 

2) Fondo perduto microimprese: Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha annunciato che con il decreto di aprile sono in arrivo 10 miliardi a fondo perduto per le microimprese

 

3) Decreto maggio 2020 spazio al bonus affitti per le attività commerciali, di impresa e professionali.

La norma contenuta nel decreto Cura Italia riconosce, oggi, solo un bonus affitti 2020 sottoforma di credito d’imposta del 60% alle locazioni di immobili di categoria catastale C1, per cui a botteghe e negozi.

 

4) Reddito di emergenza 2020 bonus da 400 a 800 euro: 

Il Rem è il sostegno al reddito previsto per i nuclei familiari in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. La domanda dovrà essere presentata entro luglio prossimo. Si parte da un importo di 400 euro al mese fino a 800 euro in proporzione al numero dei componenti della famiglia.

  • Il Rem sarà destinato a 1 milione di nuclei (circa 2,5 milioni di persone);

  • Requisiti Reddito di emergenza: residenza italiana, eddito mensile inferiore al reddito di emergenza stesso, un patrimonio mobiliare sotto i 10mila euro (fino a un massimo di 20mila considerando gli altri componenti della famiglia), un reddito ISEE 2020 sotto i 15mila euro.

  • Domanda Reddito di emergenza all'INPS entro il mese di luglio. Potrà essere richiesto all’Inps e presentato secondo le modalità stabilite dall’Istituto e sarà erogato per tre mesi.

 

Decreto Rilancio proroga ammortizzatori sociali:

  • proroga Cassa integrazione con la causale Covid-19, per ora concessa fino a un massimo di 9 settimane, fino al 31 ottobre. Si va verso la formula 5+4.

  • Per i percettori di CIG anche gli assegni familiari. Contemplata anche per chi è in Cassa integrazione straordinaria, prevedendo ovviamente la sospensione di quest'ultima che riprenderà in coda alla ordinaria. Confermata fino a tutto ottobre pure la Cassa integrazione in deroga, sempre con causale Covid-19

  • Chi percepisce i vari ammortizzatori sociali, reddito di emergenza o reddito di cittadinanza, potrà essere impiegato in agricoltura per un massimo di 60 giorni, con una retribuzione massima di 2mila euro che si aggiungerà alle altre entrate. 

  • Moratoria dei "licenziamenti per giustificato motivo oggettivo", prolungata da due a cinque mesi.

 

Ecco le altre misure del decreto RIlancio:

  • proroga congedo parentale straordinario INPS: 12 giorni di permessi retribuiti consentiti a maggio mentre i congedi speciali, al 50% della retribuzione per i genitori con figli under 12 (un massimo di 30 giorni) sono estesi a tutto settembre. Limitatamente a quest'anno è introdotta la detraibilità delle spese per i centri estivi relative agli under 16 (fino a 300 euro e reddito sotto i 36mila euro).

  • Bonus Colf e badanti, baby sitter da 400 euro a 600 euro: interventi di sostegno al reddito per i lavoratori domestici hanno perso il lavoro a causa dell'emergenza Coronavirus.

 

Cosa prevede il Decreto 18 maggio 2020:

Da oggi 18 maggio 2020 al via la Fase 2 in tutta Italia ecco cosa prevede il decreto:

 

Ecco cosa prevede il Decreto 18 maggio per spostamenti, Regioni, autocertificazione, frontiere:

  • Stop all'autocertificazione dal 18 maggio 2020 per muoversi all'interno della Regione;

  • Sposatamenti liberi - anche se permane il divieto di assembramento - e si potrà far visita anche agli amici oltre che ai congiunti. 

  • Spostamenti fuori dalla propria Regione dal 3 giugno, anche se resta la possibilità di spostarsi tra una regione e l’altra (con autocertificazione Coronavirus) per stato di necessità, salute e lavoro. 

  • Riapertura frontiere Italiadal 3 giugno riaprono anche le frontiere. Si potrà entrare in Italia dall’Unione europea e da tutta l’area Schengen senza doversi sottoporre ai 14 giorni di isolamento imposti dalla quarantena scattata con l’epidemia.

  • Fase 2 coronavirus 18 maggio riaprono le attività commerciali bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti, spiagge, negozi al dettaglio sulla base di un protocollo di sicurezza meno “stringente” adottato con il nuovo decreto legge approvato nella notte dal Consiglio dei ministri.

  • Spostamenti vietati per chi è in quarantena: confermato il divieto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena per provvedimento dell'autorità sanitaria in quanto risultate positive al virus COVID-19, fino all'accertamento della guarigione «o al ricovero in una struttura sanitaria o altra struttura allo scopo destinata».

  • Sanzioni da 400 a 3mila euro per il mancato rispetto dei contenuti dei protocolli o delle linee guida regionali o, in assenza, nazionali, che non assicuri adeguati livelli di protezione, determina «la sospensione dell'attività economica o produttiva fino al ripristino delle condizioni di sicurezza». 

 

Coronavirus ultime notizie: Decreto Maggio 2020

*** Decreto maggio 2020 rinviato a inizio mese il CdM per l'approvazione del nuovo decreto da oltre 50 miliardi con altre misure a sostegno dell'economia e degli italiani.

 

Il voto del Parlamento sul nuovo e secondo scostamento di bilancio –  il primo è stato quello di marzo in cui le Camere hanno detto sì a 20 miliardi in più di deficit, è stato votato e c'è stata anche l'approvazione del Def 2020 da parte del CdM, con la cancellazione delle clausole di salvaguardia IVA.

 

 

*** Autocertificazione Fase 2 ultime notizienotizie 4 maggio:

Dopo il 4 maggio chi va a visitare i «congiunti» non dovrà indicare le loro generalità e questo perché il governo avrebbe deciso di non far stampare un nuovo modulo di autocertificazione. 

 

Pubblicato ieri il nuovo modulo autocertificazione coronavirus.


*** Coronavirus ultime notizie Dpcm Fase 2:

In merito al Dpmc Fase varato il 26 aprile si cominciano a delineare meglio le tematiche in esse contenute, perché ahinoi, anche questa volta la chiarezza su ciò che leggiamo sul documento scritto dal Governo e redatto da fior fiori di avvocati è ben lungi dall"essere semplice ed intuitivo per la maggior parte degli italiani.

 

Sul decreto 4 maggio 2020 Fase 2 è intervenuto ieri sera il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli che a proposito delle passeggiate ha detto: "la passeggiata con l'amico no, certamente si può fare attività motoria singolarmente" ma "bisogna mantenere la distanza sociale e i dispositivi di protezione in questa fase in cui si apre un po'. Ci sono ancora 105mila contagiati, dobbiamo evitare di tornare ai dati dell'inizio di marzo".

 

In merito invece all'articolo del Dpcm che consente «gli spostamenti per incontrare congiunti, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate le mascherine», e per questo cambierà per la quinta volta l'autocertificazione, dopo milioni di ricerche su Google su "chi sono i congiunti", il ministro Patuanelli specifica che tra i "congiunti" ci sono "parenti fino all'ottavo grado e affini ma anche i fidanzati. Per queste persone sarà consentito ricongiungersi".

 

Per quanto riguarda il tema delle seconde case la De Micheli ha chiarito anche che "non si possono raggiungere le seconde case, tranne mi sembra di aver capito ci sia qualche presidente di Regione che lo sta ipotizzando, ma nell'ambito di questo dpcm non è possibile raggiungere le seconde case".


 

 *** Coronavirus ultime notizie, il DPCM 26 aprile Fase 2:

La Fase 2 coronavirus dal 4 maggio decisa dal comitato scientifico ed attuata dalla task force guidata dall'ex AD di Vodafone, Vittorio Colao è stata illustrata dal Premier Conte la sera del 26 aprile sera. Annunciato quindi il nuovo decreto 4 maggio 2020 con la consueta conferenza stampa di Conte.

 

Ecco cosa prevede il DPCM 26 aprile in Gazzetta Ufficiale Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale. (20A02352). (GU Serie Generale n.108 del 27-04-2020).

 

DPCM 26 aprile spostamenti, riaperture e divieti dal 4 maggio:

  • Cancellazione IVA sulle mascherine e prezzo fisso a 0,50 centesimi per mascherine chirurgiche; 

    • Mascherine obbligatorie: Il commissario Domenico Arcuri ha confermato che sul fronte mascherine l'Italia è pronta. Distribuite già 138 milioni di mascherine e le Regioni ne hanno in magazzino 47 milioni per sanità, parasanità, servizi pubblici essenziali, forze di polizia. I dispositivi saranno anche distribuiti a P.A., aziende dei trasporti pubblici e Rsa. Il Governo è a lavoro circa la possibilità di rendere le mascherine obbligatorie nei luoghi pubblici

    • Mascherine a prezzo fisso: Il prezzo sarà fisso, ha detto Arcuri, sia per quanto riguarda la vendita sia per quanto riguarda l'aliquota fiscale. Secondo le ultime ipotesi il prezzo potrebbe di 50 centesimi a mascherina. Inoltre, sarà direttamente lo Stato a produrle. Un accordo è già stato siglato: due imprese realizzeranno 51 macchinari che il governo acquisterà e installerà in strutture pubbliche. La produzione iniziale dovrebbe essere tra le 400mila e le 800mila al giorno, per arrivare fino a 25 milioni.

  • Spostamenti regioni con autocertificazione Coronavirus e spostamenti mirati per far visita a congiunti nel rispetto distanze e mascherine, con divieto di assembramenti. 

    Il nuovo decreto 4 maggio prevede per la mobilità delle persone che si potrà tornare a muoversi da un comune all’altro entro la stessa regione per motivi di lavoro, salute o «necessità e urgenza», e vengono elencati tra quelli necessari e urgenti anche «gli spostamenti per incontrare congiunti, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate le mascherine». Tra una regione e l’altra, invece, ci si potrà spostare solo per lavoro, ragioni di salute e altre necessità e urgenze. Ed è sempre assicurato il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

  • Per chi ha sintomi e febbre 37.5° c'è l'obbligo di rimanere a casa e avvertire il medico curante;

  • Divieto di assembramenti all’aperto e al chiuso. Sindaci possono disporre ordinanza di chiusura di luoghi;

  • Apertura dei parchi ma con controlli. Sindaci possono disporre ordinanza di chiusura in mancanza di possibilità di controlli;

  • Sport individuali e allenamenti: possibili se con distanza di 2 metri e almeno 1 metro se si tratta di attività motoria. Atleti professionisti potranno allenarsi da soli ma sempre con distanziamento e a porte chiuse.

  • Cerimonie funebri: solo con la partecipazione di al massimo 15 persone possibilmente all’aperto, con mascherine e distanziamento. In base alle ultimissime notivtà dopo le polemiche della CEI, Conte in visita per la prima volta in Lombardia, ha detto: "Dispiace molto perché questo governo rispetta tutti i principi costituzionali. Dispiace di creare un comprensibile rammarico della Cei. Ci siamo anche sentiti con il presidente Bassetti, non c'è un atteggiamento materialista da parte del governo, nessuna mancanza di sensibilità. C'è sì, una certa rigidità del Cts anche sulla base della letteratura scientifica che loro hanno a disposizione sui contagi", ha detto il premier.

    "Lavoreremo per definire un protocollo di massima sicurezza per garantire a tutti i fedeli di parteicipare alle celebrazioni liturgiche, contiamo di definire questo protocollo in pieno spirito di collaborazione con la Cei", ha spiegato Conte parlando da Milano.

  • Bar e ristoranti sarà consentita la ristorazione da asporto. 

  • In presenza di focolai, lockdown: Ogni giorno le regioni dovranno fornire i dati che indicherà entro 3 giorni il ministro della Salute con soglie massime oltre le quali scatterà un nuovo lockdown.

 

Si ricorda anche l'app IMMUNI: nuova app italiana scelta dal commissario Arcuri per il tracciamento contagi Covid-19.

 

 

Decreto Liquidità imprese:

--- Decreto Liquidità pubblicato in Gazzetta Ufficiale: pubblicato il testo del nuovo Decreto Liquidità imprese in GU.

Con il dl Liquidità vengono messi sul piatto 400 miliardi di cui 200 miliardi di garanzie sui prestiti e 200 miliardi per l'export che vanno dunque a sommarsi ai 350 già previsti, con l'arrivo di una copertura fino al 100% per prestiti fino a 800mila euro. Le garanzie sui prestiti alle imprese grandi e medie sono affidate alla Sace, società controllata di Cassa depositi e prestiti.

 

Tra le novità del Dl Liquidità anche la:

  • proroga scadenze fiscali aprile maggio 2020 per IVA, contributi e ritenute già in, comunicazione e dichiarazione IVA, Esterometro, Intrastat già prorogate dal Dl Cura Italia.

  • Il rafforzamento del golden power, lo scudo per tutelare le aziende italiane da scalate ostili. 

  • La chiusura dei tribunali fino al 3 maggio.


--- DPCM 1 aprile 2020: Firmato dal Premier Conte, il nuovo DPCM 1 aprile che proroga la chiusura fino al 13 aprile 2020. Tutte le restrinzioni e misure di contenimento sono quindi prolungate dal 4 aprile al 13 aprile.

 

--- Accordo governo e ABI anticipo fino a 1400 euro Cassa integrazione, primi soldi entro Pasqua: trovato l'accordo tra governo, ABI, sindacati e imprese sull'anticipo della CIG. I primi soldi della Cassa integrazione arriveranno entro Pasqua, dunque ben prima dei soliti 2-3 mesi di lavorazione delle pratiche.

 

La convenzione sottoscritta da parti sociali (sindacati e imprese), Abi (Associazione bancaria italiana) e ministro del Lavoro Nunzia Catalfo consente agli istituti di credito di anticipare fino a un massimo di 1.400 euro per la Cig a zero ore di 9 settimane (assegno proporzionato, se per periodi inferiori o se part-time).

 

Pertanto, il lavoratore non dovrà fare nulla. Imprese, Inps e banche convenzionate intercetteranno l'Iban del suo conto corrente, dove saranno accreditati i soldi.

 

In base all'accordo con l'Abi, Associazione bancaria italiana, per il lavoratore non graveranno né costi né interessi (come richiesto dai sindacati, spiega Anammaria Furlan della Cisl). I moduli saranno messi a disposizione "nei prossimi giorni".

 

I lavoratori potenzialmente coinvolti sono 10 milioni di lavoratori tra:

compresi piccoli negozi, bar e microimprese anche con un solo dipendente. In totale, 5 miliardi di euro stanziati.

 

--- Reddito di emergenza: In arrivo un nuovo aiuto per chi ha perso il reddito in questa situazione di emergenza Coronavirus. Secondo le ultime notizie, il Governo Conte, sta quindi elaborando degli interventi ad hoc da inserire nel decreto di aprile.

 

 

--- Buoni spesa, cassa integrazione e fondo Comuni:

Ieri sera c'è stata la conferenza stampa del Premier Conte e del ministro dell'Economia Gualtieri, Conte rivolgendosi agli italiani ha detto:

  • «Ho appena firmato un dpcm che dispone 4,3 miliardi a valere sul fondo di solidarietà dei Comuni», ha detto il premier Conte in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

  • In arrivo Buoni spesa: «Con ordinanza delle protezione civile aggiungiamo a questo fondo 400 milioni, un ulteriore anticipo che destiniamo ai comuni col vincolo di destinarlo alle persone che non hanno i soldi per non fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari». 

  • Cassa integrazione entro il 15 aprile: «La ministra Catalfo e l'Inps stanno lavorando senza sosta. Vogliamo mettere tutti i beneficiari della Cassa integrazione di accedervi subito, entro il 15 aprile e se possibile anche prima».

  •  Eurobond: Sulla domanda Coronabond dice «Non abbiamo fatto una proposta alla Commissione, ma all'Eurogruppo per elaborarla. C'è un dibattito in corso. Ma qui c'è un appuntamento con la storia e tutti devono essere all'altezza. Non passerò alla storia per chi non si è battuto: mi batterò sino alla fine per una soluzione europea».

 

 Il Premier ha lasciato poi la parola al Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri che ha tenuto a ricordare che:

  • «Sono giorni molto difficili, rendiamo immediatamente disponibili risorse per i Comuni per aiutare le persone in difficoltà a reperire prodotti di prima necessità e generi alimentari». Ribadendo che «nessuno deve essere lasciato da solo». 

  • Le misure saranno «operative da domattina, per cui da oggi. Ringrazio l'Anci per la collaborazione - ha aggiunto Gualtieri- perché così abbiamo trovato il metodo più rapido per fare arrivare un aiuto concreto» a chi ha bisogno.

Visto che la potenza dell'emergenza sanitaria si sta facendo sentire con tutte le sue conseguenze nelle famiglie più povere, il governo ha quindi deciso di intervenire con buoni spesa o derrate alimentari che saranno emessi e distribuiti da ciascun Comune alle persone più bisognose.

 

--- Coronavirus Italia ultime notizie: news proroga chiusura al 18 aprile?

Possibile e quasi inevitabile prolungamento del lockdown in Italia di altre 2 settimane, ossia fino al 18 aprile. Al momento il Dpcm 22 marzo prevede la chiusura delle attività e e delle scuole fino al 3 aprile per l’emergenza Coronavirus COVID-19 e la proroga, a cui sta lavorando il Governo Conte, è quella di prorogare le disposizioni almeno fino al 18 aprile.

 

Proroga chiusura al 18 aprile con la possibilità però di concedere alcune deroghe per le attività produttive. Questo è ciò che scrive oggi il Corriere della Sera, e sarebbe quindi l’ipotesi a cui starebbe lavorando il governo Conte in vista del 3 aprile, quando scadrà il decreto firmato il 22 marzo scorso dal premier Conte per fermare il contagio con l’obbligo per tutti di rimanere a casa.

 

--- Firmato il DM bonus 600 euro per Professionisti e Autonomi iscritti alle Casse:

Anche professionisti e autonomi iscritti alle casse di previdenza private avranno diritto all'indennità di 600 euro per il mese di marzo.

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, ha firmato il decreto interministeriale che fissa le modalità di attribuzione del fondo per il reddito di ultima istanza.

Il bonus 600 euro Professionisti e Autonomi Casse andrà chiesto alla propria cassa e sarà erogato a chi ha avuto redditi fino a 35mila euro o, tra 35 e 50mila, abbia subito cali di attività di almeno il 33% nei primi 3 mesi 2020.

 

--- Arrivato il nuovo modulo Autocertificazione Coronavirus:

Il capo della Polizia Franco Gabrielli lo aveva anticipato stamattina spiegando che in merito al modulo Autocertificazione Coronavirus: "Ci sono nuove disposizioni e dobbiamo aggiornarlo anche per intercettare i quesiti che arrivano dai cittadini".

Ecco il nuovo modulo autocertificazione Coronavirus aggiornato.

 

--- Coronabond, l'Europa si spacca: "in Europa si vince tutti insieme altrimenti a perdere saremo tutti" così Conte in video conferenza al vertice del Consiglio europeo". L'Italia, Francia, Spagna ed altri paesi sono favore del nuovo strumento Covid-bond, o "coronabond", solo gli European Recovery bond possono salvare l'economia.

 

--- in arrivo nuovo decreto economico ad aprile: Ieri alle 18:00 il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una Camera semideserta e ricca di disinfettanti, ha reso la sua informativa sugli interventi tra febbraio e marzo intrapresi alla scopo di contenere la diffusione da Covid-19.

Il nuovo decreto economico di 25 miliardi ad aprile.

  • "Abbiamo prestato una prima attenzione alla categoria dei lavoratori autonomi e atipici, liquidità, protezione sociale, sostegno al reddito di famiglie e lavoratori"- ha detto Conte riferendosi al Decreto Cura Italia. "Con il nuovo intervento confidiamo di attuare un piano altrettanto significativo" con "stanziamenti significativi di non minore importo rispetto ai 25 miliardi già stanziati.

  • "Tuteleremo gli interessi strategici – ha assicurato il Premier parlando del nuovo decreto in arrivo – I più preziosi asset del Paese vanno protetti con ogni mezzo".

  • Ci saranno nuovi interventi sul fronte sanitario dopo quelli già attuati: "Trasferiremo 500 infermieri nelle zone con il più alto numero di malati".

  • Il ruolo dell'Unione Europea "sarà di accompagnare la rinascita, anche con strumenti di debito comune, sperando che nessun Paese si sottragga".

 

--- Coronavirus Italia ultime notizie, in vigore il nuovo elenco Attività aperte:

Il nuovo decreto ministeriale con la lista ridotta delle attività che rimangono aperte decise dal DM nuovo elenco attività aperte è stato firmato dal Presidente Mattarella.

 

Secondo quanto affermato dai segretari generali di Cgil Maurizio Landini, CISL Annamaria Furlan e UIL Carmelo Barbagallo, il negoziato ha dato "risultati positivi", e il decreto ministeriale che rivede i codici Ateco delle imprese, cui sarà consentito proseguire la produzione, potrebbe già arrivare in giornata. 

 

In una nota unitaria, Cgil-Cisl-Uil parlano di "ottimo risultato nella direzione di tutelare la salute di tutti i lavoratori e di tutti i cittadini".

"Abbiamo rivisitato l’elenco delle attività produttive indispensabili, in modo da garantire la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici. E’ stato tolto dall’elenco tutto ciò che non era essenziale, visto il momento difficile che stiamo vivendo. 

 

Decreto nuove sanzioni: multe fino a 3.000 euro e carcere fino a 5 anni:

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto che introduce multe più alte e sanzioni più dure per chi non rispetta le misure per arginare la diffusione del Covid-19.

 

Ecco quali sono le nuove multe per chi non rispetta le misure di contenimento Covid-19:

  • Chi non rispetta le misure di contenimento contro il Coronavirus, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 a euro 3.000 + aumento di 1/3 se trovati a bordo di un veicolo.

  • fino a 5 anni di carcere per chi viola gli obblighi di quarantena qualora sia positivo al Covid-19. 

    Il decreto dispone infatti che in quei casi, a seconda del fatto, sia applicato l’art. 260 del Testo Unico delle Leggi Sanitarie per il quale lo stesso decreto fissa la sanzione penale nell’arresto da 3 mesi a 18 mesi e con l’ammenda da 500 euro a 5000 euro. Oppure si dispone, se più opportuno, l’applicazione dell’art. 452 del Codice penale: delitti colposi contro la salute pubblica, che dipende dai fatti, la cui sanzione va dalla reclusione da 6 mesi a 3 anni fino anche alla reclusione da 1 a 5 anni.

  • "Chiusura delle attività commerciali fino ad un massimo di 30 giorni" se si violano gli obblighi previsti per le attività commerciali. 

  • Possibilità per i presidenti di regione di emettere ordinanze più restrittive nei territori a maggiore circolazione del virus, purché convalidate entro 7 giorni con decreto del presidente del consiglio dei ministri. Il quale resta l’unica autorità in grado di disporre in via urgente e temporanea.

  • chiusura delle frontiere italiane.

È quanto prevede il nuovo decreto legge approvato dal consiglio dei ministri.

 

Nel nuovo decreto è presente anche una norma che prevede che alla scadenza dei divieti di circolazione e chiusura di scuole, bar, ristoranti, parchi e di tutte le altre attività che hanno subito uno stop, sarà possibile adottare nuove restrizioni su specifiche parti del territorio nazionale ovvero, se occorre, sulla totalità di esso, purché abbiano una durata non superiore a 30 giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al 31 luglio 2020, e con possibilità di modularne l’applicazione in aumento ovvero in diminuzione secondo l’andamento epidemiologico del virus.

 

Aumento delle sanzione a 3.000 euro per chi viene trovato per strada senza motivo, cioè senza comprovate esigenze lavorative e senza ragioni di salute o di stretta necessità come la spesa al supermercato o in farmacia. 

 

Il Governo Conte ha deciso quindi di intervenire e porre delle regole uniformi e valide per tutta Italia, dopo che diverse Regioni, in primis la Lombardia che con l'ordinanza del governatore Fontana ha inasprito le sanzioni fino a 5mila euro, sono intervenute con propri provvedimenti.

 

Per quanto riguarda gli orari di apertura dei supercati in Italia il Premier Giuseppe Conte ha confermato la linea già presa, nessuna limitazione, al fine di evitare assembramenti.

 

Coronavirus ultime notizie nuova Ordinanza del Ministero della Salute:

Le nuove misure, che vanno quindi a sommarsi a quelle già introdotte dal Dpcm che ha imposto la stretta a tutti gli spostamenti e la chiusura di bar e negozi, sono valide dal 21 marzo al 25 marzo e prevedono i sueguenti divieti:

 

E' vietato:

  • l'accesso del pubblico ai parchi, 

  • alle ville,

  • alle aree gioco

  • ai giardini pubblici, 

  • andare nelle seconde case nei giorni festivi.

 

E’ consentito:

  • svolgere individualmente attività motoria nei pressi della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona, non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto. 

 

Vengono chiusi:

  • esercizi alimentari nelle stazioni ferroviarie e stop agli spostamenti verso le seconde case nei giorni festivi.

 

Il governatore Attilio Fontana ha chiesto al governo misure più rigide perché "c'è troppa gente in giro".

Una soluzione per garantire l'osservanza delle restrinzioni, è quella di chiamare l'esercito. A Milano chiamati 114 militari per scendere in strada contro le violazioni delle misure varate dal governo per contenere il contagio da coronavirus.

 

Decreto Cura Italia cosa prevede: misure e novità

Ecco le misure che il Governo ha previsto con il decreto Cura Italia pubblicato in Gazzetta Ufficiale a sostegno dell'economia e delle famiglie italiane:

  • sospensione delle scadenze fiscali a partire da quella del 16 marzo,

  • aiuti per l'affitto,

  • congedo parentale straordinario,

  • bonus baby sitter.

  • quarentena è equiparata alla malattia.

 

Coronavirus decalogo ISS Ministero della Salute per evitare il contagio:

Coronavirus Italia decalogo ISS Ministero della Salute: il decalogo è stato realizzato con l'adesione degli ordini professionali medici e delle principali società scientifiche e associazioni professionali, oltre che della Conferenza Stato Regioni, è stato pubblicato  sul sito di ministero e Iss, ecco quindi cosa prevede il decalogo Coronavirus per evitare il contagio:

  • Lavati spesso le mani.

  • Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.

  • Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani.

  • Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci.

  • Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico.

  • Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.

  • Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate.

  • I prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi.

  • Contatta il Numero Verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni.

  • 10 Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus.

 

«Seguire le misure raccomandate ci aiuta a prevenire questa e anche altre patologie infettive», commenta il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro.

Leggi anche Coronavirus cos'è, sintomi, trasmissione e contagio, durata incubazione.

 

Coronavirus trasmissione:

Sulla base dei dati al momento disponibili, l’OMS ribadisce che il contatto con i casi sintomatici (persone che hanno contratto l’infezione e hanno già manifestato i sintomi della malattia) è il motore principale della trasmissione del nuovo coronavirus 2019-nCoV.

 

L’OMS scrive che la trasmissione dei coronavirus umani da una persona infetta a un’altra attraverso:

  • la saliva, tossendo e starnutendo;

  • contatti diretti personali;

  • le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi:

  • una contaminazione fecale (raramente).

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA