Cosa prevede la Legge di Bilancio 2020: Flat tax e salario minimo?

«Flat tax e Salario minimo nella Legge di Bilancio 2020 o probabile riduzione da 5 a 3 degli scaglioni aliquote IRPEF, ecco cosa prevede la nuova Manovra»

Flat tax e Salario minimo nella legge di Bilancio 2020 ecco cosa prevede l’agenda di governo messa a punto dal Premier Giuseppe Conte, Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

 

Dopo i risultati delle elezioni europee che ha visto la netta vittoria della Lega rispetto al M5S, ora l’obiettivo del governo gialloverde con la prossima Legge di Bilancio 2020 verte quindi su 2 punti fondamentali:

  • Flat tax per abbassare le tasse che è la misura cardine della Lega;

  • Salario minimo per quanto riguarda il lavoro, misura cardine invece del Movimento 5 stelle.

Andiamo quindi a vedere nel dettaglio cosa sono queste 2 priorità dell’agenda di governo e come potranno essere realizzate.

 

Flat tax e Salario minimo Legge di Bilancio 2020?

Flat tax, salario minimo e strategia per evitare la procedura d'infrazione, ecco quali sono stati i 3 punti principali messi in agenda dal premier Giuseppe Conte e i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

 

Evitata per ora la procedura di infrazione, il governo è al lavoro per la Legge di Bilancio 2020 che dovrà essere una manovra economica condivisa e di crescita.

 

Il governo gialloverde dopo la gelata delle elezioni europee 2019 e dal cui voto la Lega è risultata primo partito in Italia con il 34% delle preferenze contro il 17% del Movimento 5 stelle, è a trazione Lega, per cui ora è Salvini a dettare le priorità dell’agenda di governo, sue le parole infatti che affermano che prima si farà la flat tax e poi il salario minimo orario, perché senza un abbassamento delle tasse, come fanno le aziende a pagare di più i dipendenti?

 

Dopo l'approvazione del famoso decreto Sicurezza bis con l’ultima versione di testo circolata, quindi quella più soft accontentando così anche il Presidente Mattarella, preoccupato del contenuto della prima versione, e del decreto Crescita, il governo sta ora gettando le basi per la Legge di Bilancio 2020 che come richiesto da Matteo Salvini, potrebbe arrivare addirittura in estate, senza così aspettare ottobre.

 

Oltre a questi punti, Conte, Di Maio e Salvini hanno concordato di accelerare sulla proposta M5s sul salario minimo attualmente in discussione presso la competente commissione al Senato e su manovra fiscale shock come la flat tax 2020 imprese e famiglie.

 

Detto ciò andiamo quindi a vedere nel dettaglio le priorità dell’agenda di governo spiegando cos’è la flat tax e cosa prevede la proposta di legge del salario minimo m5s in Italia.

 

Flat tax 2020 redditi fra 15.000 e 50.000 euro:

Flat tax Legge di Bilancio 2020: come già detto, è evidente che per far tornare a crescere all’Italia serva una riforma choc che porti ad un abbassamento delle tasse e ad un aumento dei salari per i lavoratori.

 

Ma come ha spiegato il vicepremier Matteo Salvini visto che il salario è pagato dall’imprese e che queste non vivono certo un momento ottimale, occorre prima intervenire sulle tasse e poi sul salario minimo.

E come fare per abbassare le tasse a imprese e famiglie? Con la flat tax 2020.

 

Nella prossima Legge di Bilancio 2020 pertanto potrebbe esserci l'estensione della tassa piatta flat tax, partita quest’anno per le piccole Partite IVA con ricavi fino a 65.000 euro, anche alle società, prevedendo la possibilità di applicare l’aliquota flat tax 15% anche ai redditi prodotti con l’esercizio delle attività in forma societaria e alle famiglie con redditi fino a 50.000 euro o 75.000 euro, il tetto massimo deve ancora essere fissato.

 

Per i redditi più alti si sta ancora lavorando ad una flat tax al 20% ma servono tante risorse che al momento non ci sono.

 

La flat tax 2020 si applicherà quindi sulla somma dei redditi lordi dei componenti del nucleo familiare con applicazione di specifiche deduzioni variabili in funzione del numero dei componenti della famiglia.

 

Secondo gli ultimi rumors potrebbe essere possibile un avvio di una flat tax 2020 per i redditi tra 15.000 e 50.000 euro al fine di ridurne i costi e mantenere in ordine i conti pubblici, o anche la riduzione da 5 a 3 delle aliquote Irpef 2020.

 

Salario minimo orario in legge di Bilancio 2020:

Salario minimo M5s priorità nella Legge di Bilancio 2010: si, un'altra priorità su cui verterà con molta probabilità la prossima Legge di Bilancio 2020 potrebbe essere l'istituzione del cd. salario minimo 2019 una delle storiche battaglie del MoVimento 5 Stelle.

 

Il Salario minimo m5s, la cui proposta di legge è al Senato, è uno dei temi centrali su cui i pentastellati combattono dal 2013, era già presente nel primo disegno di legge per l’istituzione del Reddito di cittadinanza.

 

Il concetto di salario minimo si basa sul fatto che nessun lavoratore deve guadagnare meno di quanto previsto dai CCNL, Contratti collettivi nazionali più rappresentativi e, comunque, mai meno di 9 euro lordi all'ora.

 

Attraverso l'introduzione del salario minimo in Italia, per la prima volta, si attuerebbe quanto previsto dall'articolo 36 della nostra Costituzione, secondo cui "il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa".

 

Inoltre non saremmo neanche l'unico paese in Europa ad averlo istituto, infatti, il salario minino è già una realtà in 22 Paesi Ue su 28, nel 2015 la Germania lo ha introdotto e poi via via aumentato a 9,19 euro nel 2019 e a 9,35 euro nel 2020.

 

In Francia invece è stato portato a 1.498,50 euro mensili.

 

Negli ultimi interventi del leader del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio si è detto pronto a rinunciare nel 2020 al salario minimo per un taglio consistente del cuneo fiscale 2020.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA