Matteo Salvini: curriculum, carriera e titolo di studio, biografia

«Matteo Salvini biografia, curriculum e titolo di studio, carriera politica Lega, ministro dell'Interno e vicepresidente nel nuovo Governo del Cambiamento»

Matteo Salvini biografia 2018: chi è? Matteo Salvini è un politico italiano, leader della Lega e nuovo Ministro dell'Interno nel governo del Cambiamento nonché vicepresidente del Consiglio, insieme a Luigi Di Maio, leader del Movimento 5 stelle.

 

Oggi, Matteo Salvini è la figura di spicco nel Centrodestra, non solo perché la Lega ha vinto le elezioni politiche 2018 come primo partito di Centrodestra, ma anche perché ha milioni di consensi in tutta Italia.

Infatti in base agli ultimi sondaggi politici, la Lega è al 33% seguita dal M5s al 30%, dietro tutti gli altri.

 

Andiamo quindi a conoscere meglio chi è Matteo Salvini partendo dalla sua biografia e curriculum, il titolo di studio, la carriera politica nella Lega e come ministro dell'Interno e vicepresidente nel nuovo Governo del Cambiamento del Premier Giuseppe Conte.

 

Matteo Salvini biografia 2018:

Matteo Salvini biografia 2018: 

  • Matteo Salvini è nato a Milano il 9 marzo del 1973.
  • Il padre di Mattero Salvini è un dirigente d'azienda mentre la madre è casalinga.
  • Matteo frequenta le scuole a Milano e si diploma presso il Liceo Classico Manzoni nel 1992.
  • Nel 1993, Matteo Salvini si iscrive alla Facoltà di Scienze Storiche presso l'Università degli Studi di Milano. Durante i primi anni, il giovane Matteo studia e lavora presso una catena di fast-food. Dopo aver sostenuto tantissimi esami e a 5 esami dalla laurea, Salvini lascia gli studi, pur rimanendo iscritto alla stessa università.
  • Per i 12 anni fuori corso, Salvini, si è sempre giustificato che prima della sua laurea c’è la Lega e il suo obiettivo principale è l’indipendenza della Regione italiana Padania.
  • Nel 1985, Matteo Salvini partecipa alla trasmissione televisiva Doppio Slalom e nel 1993 a Il pranzo e servito condotto da Davide Mengacci; i quiz sono infatti una passione che ha fin da bambino come la politica e il giornalismo. Infatti, nonostante che gli studi universitari non giungono a termine, Matteo Salvini diventa un giornalista ed un politico italiano.
  • Matteo Salvini biografia 2018: il leader della Lega, Matteo Salvini forma il Governo Lega M5S ed insieme al leader del M5s Luigi Di Maio, al ministro Tria e al Premier Conte, stanno preparando il testo della nuova legge Finanziaria 2019.

 

Matteo Salvini curriculum, titolo di studio e carriera politica:

Matteo Salvini titolo di studio

Dopo aver conseguito il diploma, Matteo Salvini si iscrive nel 1993 alla Facoltà di Scienze Storiche presso l'Università degli Studi di Milano.

A 5 esami dalla laurea, Salvini lascia però gli studi pur rimanendo iscritto alla stessa università.

Negli anni poi diventa giornalista iscritto all'albo.

 

Matteo Salvini curriculum e carriera politica: dagli inizi nella Lega a ministro dell'Interno nel governo Conte

La carriera politica di Matteo Salvini la sua carriera politica inizia a soli 17 anni, quando nel 1990, si iscrive al partito della Lega Nord. Dopo un anno dall'iscrizione al partito, il giovanissimo Matteo ne diventa militante produttivo. Nel 1992, il giovane Salvini diventa membro del Movimento Giovani Padani.

 

Molto attivo nel territorio, il 20 giugno 1993, a soli 20 anni, Matteo Salvini viene eletto Consigliere Comunale nella città di Milano dopo la vittoria di Marco Formentini.

A 21 anni diventa il responsabile del settore dei Giovani di Milano (1994–1997) ricoprendo successivamente la carica di Segretario Cittadino e, dal 1998 al 2004, Segretario Provinciale della Lega.

 

Oltre alla politica si appassiona al giornalismo. Quest’ultima carriera comincia nel 1997, un'esperienza che Matteo Salvini definisce affascinante data la sua collaborazione per il quotidiano La Padania.

Dopo due anni di lavoro passati nel giornale leghista, la sua attività giornalistica si espande, rimanendo attiva sempre all’ambito del partito, con Radio Padania.

Il lavoro presso la radio e tramite il giornale della Lega gli permettono l’iscrizione all’Albo dei giornalisti professionisti che arriva nel luglio del 2003.

 

Il 26 ottobre del 1997 nasce il Parlamento Padano, un’organizzazione creata dalla stessa Lega e composto dalla rappresentanza elettorale del partito (parlamentari, sindaci, amministratori ecc). Nello stesso anno Matteo Salvini si candida coma capolista dei Comunisti Padani ottenendo 5 seggi su 210.

La sua carriera politica è sempre in ascesa e tra il 1998 e il 2004 ricopre la carica di Segretario Provinciale della città di Milano.

 

Eletto nella circoscrizione nord-ovest della Lega, con 14 mila preferenze, tra il 2004 e il 2006 Salvini diventa parlamentare europeo. Dopo due anni la sua carica decade e lo stesso Matteo viene sostituito da Gian Paolo Gobbo.

Finita l’esperienza europea, l’esponente della Lega torna nei confini nazionali diventando nuovamente consigliere comunale con le elezioni del 2006.

Quest’ultimo anno è infatti un anno molto importante per la sua carriera politica dato che diventa anche Capogruppo della Lega nel Consiglio Comunale di Milano e Vicesegretario Nazionale della Lega Lombarda.

 

Nel 2008 Matteo Salvini entra in Parlamento dopo essere stato eletto nella Circoscrizione Lombardia presso la Camera dei Deputati.

Divenuto parlamentare continua il suo impegno da Roma, all’interno del Parlamento Italiano, cercando di far valere le prese di posizione della Lega.

L’esperienza europea ritorna il 7 giugno del 2009 quando con 70.000 preferenze Matteo Salvini viene nuovamente eletto nel Parlamento Europeo. Dato il nuovo incarico l’esponente della Lega decide di lasciare la posizione assunta nel 2008 alla Camera dei Deputati.

 

Il 2 giugno del 2013 Matteo Salvini prevale su Cesario Monti, 403 voti contro 129, in base ai quali viene eletto nuovo Segretario della Lega.

Data la nuova carica, dopo 19 anni, il 12 ottobre dello stesso anno lascia la carica di consigliere comunale di Milano.

Il sindaco Giuliano Pisapia ironizzò sulle sue dimissioni dichiarando: “Ci mancherai Matteo”.

 

Il 7 dicembre 2013 vince le primarie contro Umberto Bossi e viene eletto segretario federale della Lega Nord.

Nell'aprile 2014 è candidato alle elezioni europee del 2014 come capolista della Lega Nord.

 

Il 19 dicembre 2014 Salvini fonda al Centro e al Sud Italia la sua nuova lista "Noi con Salvini".

Nelle elezioni regionali del 2015 la Lega in coalizione con Forza Italia e Fratelli d'Italia, vince in moltissime regioni del nord.

Alle primarie della Lega del maggio 2017, Salvini viene riconfermato segretario del partito.

 

Alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, Salvini con la sua Lega, forma l'asse di cetrodestra con Forza Italia, Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni e Noi con l'Italia-Udc, risulta poi essere primo partito all'interno della coalizione.

Dopo varie vicessitudini, si forma il nuovo Governo Conte nato dall'alleanza della Lega con il Movimento 5 stelle e viene firmato dai due leader, Salvini e Di Maio, il famoso Contratto di governo.

 

Il 1º giugno 2018 Matteo Salvini è nominato nuovo Ministro dell'Interno e Vicepresidente del Consiglio dei ministri del Governo Conte, mentre il politico Luigi Di Maio del M5S è nominato ministro del lavoro e dello Sviluppo economico nonché vicepresidente del Consiglio insieme a Salvini.

Ecco invece quanto guadagna Matteo Salvini?

 

Matteo Salvini e la Lega:

La storia di Salvini nella Lega Nord e poi nella Lega:

L'arrivo alla guida della Lega di Matteo Salvini è il 7 dicembre 2013 e cioé quando con 8162 voti favorevoli, il futuro ministro dell'Interno Salvini, viene eletto Segretario Federale della Lega sostituendo Umberto Bossi.

 

L’impegno politico dimostrato sul campo nei confronti della Lega Nord, infatti, premiano Matteo Salvini che conquista questo ruolo determinante con l’82% di preferenze. Un risultato molto importante se si pensa alla popolarità che Umberto Bossi ha sempre avuto all’interno della Lega Nord.

La posizione che Salvini acquisisce, subito dopo la sua elezione come Segretario Federale della Lega, è quella di un'alleanza con l’estrema destra europea nella corrente legata all’euroscetticismo.

Del resto la politica di Salvini è sempre stata chiara nei confronti dell’Europa, dal suo impegno contro la moneta e contro la stessa Unione Europea così come oggi è strutturata.

 

Iniziative spesso colorite attirano la stampa e l’attenzione degli elettori della Lega Nord su Matteo Salvini. Quest’ultimo infatti si trova molte volte in prima persona a difendere l’obiettivo di una Regione Padania indipendente. Non mancano incidenti legali come la condanna penale per oltraggio a pubblico ufficiale nel 1999 quando viene coinvolto in un lancio di uova contro Massimo D’Alema.

 

Gli ideali della Lega rispecchiano in pieno la filosofia politica di Matteo Salvini, un disciplina e una lotta per l’indipendenza della Regione Padania.

Sono molti gli eventi in cui si espone il giornalista e politico della Lega, dall’incontro con l’ex Presidente della Repubblica Ciampi al quale non strinse la mano dichiarando di non sentirsi rappresentato, ai cori contro il prefetto di Milano (che invitò ad allontanare da Milano data la sua cittadinanza italiana) per la rimozione del Sindaco Cesario Monti di Lazzate.

 

A settembre 2017, Matteo Salvini toglie la parola Nord dal simbolo della Lega: da questo momento la Lega Nord diventa Lega e da partito del nord diventa voce anche di un Centro e un Sud d'Italia fortemente penalizzati dalla crisi economica e lavorativa.

 

Matteo Salvini referendum e Parlamento Europeo:

Il referendum e il Parlamento Europeo per Matteo Salvini sono state due svolte nella vita politica.

Infatti Salvini è stato eletto nel Parlamento Europeo all'interno del quale ha rappresentato la Lega nelle istituzioni del Vecchio Continente.

La politica dell’esponente della Lega esce fuori dai confini nazionali tra il 2004 e il 2006 quando, eletto nella circoscrizione nord-ovest della Lega con 14 mila preferenze, diventa europarlamentare.

Durante l’esperienza europea Salvini collabora con il figlio di Umberto Bossi, Franco Bossi, il quale diventa il suo assistente parlamentare.

Nel 2006 finisce la carica di europarlamentare nella quale subentra Gian Paolo Gobbo.

Matteo Salvini torna nel parlamento europeo quando il 7 giugno del 2009 viene nuovamente eletto con 70.000 preferenze.

Per quanto riguarda il referendum, nel 2014 Matteo Salvini ha proposto di lanciare una consultazione referendaria per rendere indipendente la Regione Lombardia dal paese.

 

Matteo Salvini vita privata:

Matteo Salvini vita privata:

Matteo Salvini è sempre stato un uomo molto presente sulla scena pubblica e politica mentre dal punto di vista della vita privata di Matteo Salvini è stato sempre molto riservato a parte la storia con la bellissima Elisa Isoardi.

Matteo Salvini è stato sposato con Fabrizia Ieluzzi dalla quale ha avuto il suo primo figli.

Dopo la fine del matrimonio, Salvini divorzia e incontra Giulia Martinelli e dal loro amore, nasce la figlia Mirta.

Attualmente Matteo Salvini e Elisa Isoardi si sono lasciati ufficialmente.

Vuoi conoscere altre curiosità su Salvini? Allora ecco Matteo Salvini età altezza peso ed ex fidanzata.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?