Sondaggio Matteo Renzi 2018: qual è il futuro del Segretario del Pd

«Sondaggi Matteo Renzi 2018: qual è il futuro politico del Segretario Generale del Partito Democratico? E allo stesso tempo quale sarà il futuro del Pd?»

Sondaggio Matteo Renzi 2018: qual è il futuro politico del Segretario Generale del Pd? Matteo Renzi ha dato le dimissioni da Segretario Generale.

Dopo le ultime elezioni politiche si apre una nuova era per la sua carriera politica.

La stessa cosa vale per il Partito Democratico, che dopo gli ultimi anni di Governo porta a casa una storica sconfitta.

Matteo Renzi piace ancora agli elettori di Centrosinistra?

Le passate elezioni politiche hanno parlato chiaro.

Ma cosa si pensa oggi di Matteo Renzi?

 

Sondaggio Matteo Renzi 2018

I principali sondaggi nazionali su Matteo Renzi rivelano che quest'ultimo è ancora apprezzato in politica.

Questo vale soprattutto per il suo partito.

Matteo Renzi ha ancora un forte elettorato all'interno del Partito Democratico e non solo.

Gode anche di una buona schiera di fedelissimi che sono pronti a seguirlo.

Tuttavia erano inevitabili le sue dimissioni dopo la sconfitta politica alle passate elezioni.

Ma le sue dimissioni non sono la fine della sua carriera politica.

Anzi.

C'è da notare una cosa molto chiara: Matteo Renzi si è dimesso da Segretario Generale del Partito Democratico ma lascerà la sua guida solo dopo la formazione del Governo.

Perchè?

 

Il Partito Democratico dopo le elezioni politiche

Nonostante la sconfitta politica il Partito Democratico gioca ancora un ruolo importante all'interno dell'attuale scena politica.

E questo Matteo Renzi lo sa molto bene.

Per questo le sue dimissioni non sono immediate.

Matteo Renzi si vuole assicurare che il Partito Democratico rimanga all'opposizione.

Quello che non vuole in questo momento è aiutare coloro che hanno portato alla sua disfatta politica.

Esclude sotto tutti i punti di vista un'alleanza con il Movimento 5 Stelle guidato da Luigi Di Maio.

L'astio nei confronti di quest'ultimo partito è palese.

Alla conferenza stampa ufficiale delle sue dimissioni, Matteo Renzi non ha perso occasione per criticare gli avversari politici.

Se nel 2013 li criticava per non aver appoggiato il Governo che Pier Luigi Bersani provava a mettere in piedi, oggi li accusa per aver aperto la porta ad una possibile alleanza.

Da parte sua Luigi Di Maio si difende dichiarando che in campagna elettorale aveva promesso un Governo all'Italia.

Tuttavia l'ultimo colpo di scena si è verificato proprio quando il leader del Movimento 5 Stelle ha invitato il Partito Democratico a sotterrare l'ascia di guerra.

Per il momento la situazione resta comunque invariata.

 

Quale sarà il futuro politico di Matteo Renzi?

Non è facile dire quale sarà il futuro politico di Matteo Renzi ma conoscendo la sua figura politica è chiaro che tornerà alla carica appena ne avrà la possibilità.

Per Matteo Renzi oggi è tempo di passare all'opposizione.

E nelle ultime settimane di mandato come Segretario Generale si vuole assicurare che tutto il Partito Democratico segua questa scia.

Diversi esponenti del Pd avevano in mente di aprire un'alleanza con il Movimento 5 Stelle.

Per Matteo Renzi, e comunque per buona parte del partito, non ce ne sono le basi.

Alle ultime elezioni politiche è stato eletto come Senatore.

Questo è adesso il suo ruolo.

Ma è sicuro che non si farà da parte.

Scopriamo nel paragrafo che segue chi sarà il prossimo Segretario Generale del Partito Democratico.

 

Chi sarà il nuovo Segretario Generale del Pd?

Chi sarà il nuovo Segretario del Pd? Dopo le dimissioni di Matteo Renzi sono emersi diversi nomi all'interno del partito per la carica di segretario.

Questi sono i momenti in cui le diverse correnti all'interno del partito cercano di prendere le redini.

Ma dopo il risultato delle elezioni politiche e regionali c'è un nome che sta spuntando su tutti.

Nicola Zingaretti sembra essere il favorito alle prossime primarie del Pd.

Del resto lui nel territorio del Lazio ha sconfitto il Movimento 5 Stelle, dove Roberta Lombardi del M5S non è riuscita nemmeno ad arrivare al secondo posto.

E per Nicola Zingaretti questo è il secondo mandato consecutivo come Presidente della Regione Lazio.

Subito dopo le elezioni gli è stato chiesto di guidare il partito in questa difficile situazione.

La sua risposta è stata negativa ma solo in un primo momento.

Nicola Zingaretti subito dopo le elezioni aveva detto che era il momento di pensare alla Regione Lazio.

Ma qualche giorno dopo è arrivata la sua approvazione.

Se gli elettori del Partito Democratico lo sceglieranno, Nicola Zingaretti potrebbe essere il futuro Segretario Generale del Partito Democratico.

Non si rimane che attendere l'esito delle prossime primarie per le quali c'è solo una certezza: Matteo Renzi non si presenterà.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?