un'altra buona notizia

Covid, l'azienda Moderna annuncia un vaccino efficace al 94,5%

L'azienda statunitense Moderna ha annunciato un'efficacia del suo vaccino anti-Covid molto elevata. Può essere conservato per 30 giorni nel frigo di casa

17 novembre 2020 19:13
Covid, l'azienda Moderna annuncia un vaccino efficace al 94,5%

La prima azienda a comunicare l’efficacia del proprio vaccino anti-Covid di oltre il 90% è stata la Pfizer.

In una nota dello scorso 9 novembre il presidente Albert Bourla aveva annunciato al mondo un ulteriore e importante passo in avanti nella lotta alla pandemia di coronavirus.


Oggi 16 novembre Moderna, un’altra società farmaceutica statunitense, ha diffuso i risultati sul proprio vaccino, arrivato alla fase 3: secondo quanto riportato in un comunicato pubblicato sul proprio sito, sarebbe efficace al 94,5%.

 

C’è però una sostanziale differenza rispetto alla formula Pfizer/BioNTech, che necessita la conservazione a una temperatura di -80gradi: il vaccino targato Moderna sarebbe infatti più facile da conservare e da trasportare.

 

Vaccino anti-Covid Moderna: le caratteristiche

Secondo quanto comunicato dall’azienda, il vaccino è in grado di rimanere stabile a temperature standard di refrigerazione, ossia tra i 2 e gli 8 gradi per 30 giorni, e 12 ore a temperatura ambiente.

 

Per quanto riguarda la conservazione a lungo termine, rimarrebbe stabile a -20 gradi, temperatura comune dei freezer casalinghi e delle farmacie, per un periodo di tempo di 6 mesi. Queste caratteristiche la rendono una soluzione anche più semplice da somministrare, per esempio negli studi medici.


Il Il vaccino mRNA-1273 si potrà distribuire, così come sottolineato dalla stessa Moderna, "utilizzando l'infrastruttura di somministrazione e stoccaggio del vaccino ampiamente disponibile" e non è richiesta la diluizione prima della vaccinazione.


Il vaccino anti-Covid Moderna ha lo stesso funzionamento di quello elaborato da Pfizer: entrambi infatti si basano su una tecnologia innovativa, diversa da quella tradizionale, ossia l’RNA Messaggero (mRna), che funziona inducendo nell'organismo la risposta immunitaria.

 

Vaccino Moderna: quando sarà disponibile?

L'autorizzazione all'uso d'emergenza, che Moderna intende presentare alla FDA, si baserà sull'analisi di 151 casi e su un follow-up mediano di oltre 2 mesi.

 

L'analisi degli eventi avversi ha indicato comunque che il vaccino è "generalmente sicuro e ben tollerato”.

 

L’azienda americana ha annunciato che entro fine anno saranno disponibili 20 milioni di dosi per il mercato USA; successivamente, entro il 2021, arriveranno tra 500 milioni e 1 miliardo di dosi.

 

Intanto anche un altro vaccino anti-Covid è arrivato alla fase 3 di sperimentazione: è quello della Janssen, società che fa capo alla multinazionale della chimica Johnson&Johnson.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA