Incentivi per la digitalizzazione

Bonus pc 2020: cos’è, a chi spetta requisiti Isee, documenti e importo

Bonus pc, internet e tablet 2020 cos’è e come funziona, a chi spetta, importi voucher e requisiti ISEE famiglie e imprese, come fare domanda e da quando

30 novembre 2020 07:36
Bonus pc 2020: cos’è, a chi spetta requisiti Isee, documenti e importo

Il bonus pc internet e tablet 2020 è arrivato.

 

Il voucher pensato per ridurre il “digital divide” in Italia, come auspicato dalla commissaria Ue per la concorrenza Margrethe Vestager, può essere richiesto direttamente agli operatori di telecomunicazioni.


Questa misura si inserisce in una strategia per la banda larga più ampia, che prevede degli interventi non solo a favore delle famiglie, ma anche della scuola e delle imprese.


Il ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, ha spiegato: «Oggi ci ritroviamo di fronte a una società in cui l’utilizzo della tecnologia ha avuto una notevole accelerazione a seguito dell’emergenza Covid. Sono cambiate le abitudini della vita quotidiana delle famiglie e per questo motivo il Governo ha messo in campo risorse e interventi per favorire sia la connettività delle scuole, in modo da garantire a insegnanti e studenti l’utilizzo di strumenti innovativi, sia per supportare le famiglie meno abbienti con appositi voucher.»

 

Ecco le ultimissime istruzioni sul nuovo bonus 500 euro Pc, tablet e internet 2020.

 

Bonus pc, internet e tablet: cos’è e a cosa serve

Il Ministro Patuanelli ha firmato i decreti attuativi relativi sia agli interventi previsti dal “Piano Scuola” che dal “Piano Voucher per famiglie”.

 

In particolare, quest’ultimo intervento prevede un fondo di 200 milioni di euro per l’acquisto della connessione e di un tablet oppure di un pc per circa 2,2 milioni di famiglie a basso reddito.


In un secondo momento, dopo l’avvio di queste prime misure- e al termine della consultazione pubblica richiesta dalla Commissione UE, già online dal 31 luglio scorso- si partirà anche con un altro voucher di importo inferiore, destinato invece a famiglie con reddito più elevato e alle imprese.


Del bonus pc internet e tablet ha parlato anche la ministra dell’Innovazione Paola Pisano in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera:
«La Commissione europea ha riconosciuto la legittimità del regime di aiuto che permetterà alle famiglie con reddito Isee inferiore ai 20 mila euro di poter beneficiare, dopo l’estate, di un voucher fino a 500 euro: per accedere a servizi di connettività internet a banda larga ad alta velocità e disporre di un tablet o un personal computer.

 

Questa è solo la prima fase delle misure di sostegno che il Comitato banda ultra larga (Cobul) da me presieduto ha deliberato per promuovere la domanda di servizi di connettività in tutto il Paese.

 

Un pacchetto che prevede complessivamente 1.150 milioni di euro di contributi a favore delle imprese e delle famiglie.»

 

Bonus pc, internet e tablet ultime novità:

Bonus pc, internet e tablet 2020 ultime notizie: il bonus è arrivato, ad annunciarlo la ministra dell’Innovazione, Paola Pisano. In Parlamento ha fatto sapere che è arrivato l’ok della Corte dei Conti per cui le famiglie a basso reddito, potranno ottenere un voucher per un valore massimo complessivo di 500 euro. L’importo sarà suddiviso in due parti e riguarda al momento solo chi ha un Isee inferiore ai 20mila euro.

 

Requisiti:

  • che nell’unità abitativa del nucleo familiare a cui appartiene non sia attivo alcun servizio di connettività con velocità pari ad almeno 30 Mbit/s;

  • di voler utilizzare il modem/router fornito dall’operatore o, in alternativa, di voler acquistare/utilizzare modem/router di propria scelta;

  • reddito ISEE del nucleo familiare inferiore a 20.000 euro.

 

La domanda andrà inviata all’operatore attraverso uno dei canali di vendita messi a disposizione dallo stesso (online, Costumer Care, etc). Alla dichiarazione vanno allegati:

  • fotocopia di un documento di identità in corso di validità;

  • fotocopia del codice fiscale;

  • il contratto già in essere con profilo di servizio inferiore a 30 Mbit/s (se presente).

 

Bonus internet e pc per le famiglie: a chi spetta?

Il voucher per l’acquisto della connessione internet e di un device varia a seconda della fascia di reddito.


Sono infatti previsti:

  • Fase 1: un bonus pc e internet di 500 euro (200 euro per la connettività internet + 300 euro per internet e pc e tablet) per le famiglie con un ISEE fino a 20 mila euro;

  • Fase 2: un bonus internet di 200 euro per la connettività internet ad almeno 30 Mbps per le famiglie con ISEE fino a 50 mila euro. Questo arriverà in un secondo momento.

Ecco invece come funziona il bonus pc internet imprese 2020 voucher fino a 2.000 euro.

 

Voucher fino a 500 euro per pc e internet, come richiederlo?

A gestire i bonus pc e internet sarà Infratel Italia, una società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico e del gruppo Invitalia.

 

Con un comunicato datato 2 settembre la società ha tenuto a precisare che la registrazione sul portale, che è stato attivato per la gestione dei voucher, è destinata agli operatori di telecomunicazioni.

 

Gli utenti finali, beneficiari del bonus internet e pc, dovranno invece interfacciarsi direttamente con gli operatori, utilizzando i consueti canali di vendita.

 

In un primo momento era infatti circolata la notizia che la registrazione al portale sarebbe stata necessaria per richiedere il bonus. 

 

Le informazioni relative al bonus sono pubblicate sui siti www.infratelitalia.it e bandaultralarga.italia.it.

 

Ecco la nota "Informazioni su Piano Voucher" pubblicata sul sito di Infratel:

 

In seguito delle notizie apparse su diversi organi di informazione in tema di voucher per l’attivazione di servizi a banda ultralarga e la fornitura di pc alle famiglie meno abbienti, Infratel Italia precisa che la registrazione sul portale, che sarà attivato per la gestione della misura, sarà riservata agli operatori di telecomunicazioni. Gli utenti finali, beneficiari del voucher dovranno interfacciarsi direttamente con gli operatori (che si saranno preventivamente registrati al portale) utilizzando i consueti canali di vendita.

Tutte le informazioni relative all’attuazione della misura, in particolare l’elenco degli operatori accreditati e le offerte a cui i beneficiari possono aderire, saranno pubblicate sui siti www.infratelitalia.it e bandaultralarga.italia.it all’esito della pubblicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico relativo alla misura.

 

Per poter richiedere il voucher per pc e internet è quindi necessario rivolgersi agli operatori di telecomunicazioni.

 

Bonus pc e internet, i requisiti per i dispositivi

Anche i dispositivi dovranno rispondere a determinati requisiti e quindi possono essere selezionati tra i modelli proposti dagli operatori. Non è possibile infatti acquistarli prima e successivamente richiedere il rimborso.

 

Secondo il Dm Piano Voucher, i device dovranno avere le seguenti caratteristiche:

 

Per i pc:

  • CPU: 4 core; 2 GHz o superiori;

  • RAM a partire da 8 GB;

  • Schermo con dimensioni superiore a 14 pollici, risoluzione HD (1366×768) o superiori, memoria interna (disco o SSD) 256 GB o superiori;

  • Connettività: Wi-Fi, Bluetooth, USB;

  • Fotocamera: 8 Mpx ƒ/1.9;

  • Autonomia: 8 ore o superiore;

  • Audio integrato.

Per i tablet:

  • CPU: 4 core; 2 GHz o superiori;

  • RAM a partire da 4 GB;

  • Schermo con dimensioni superiore a 10 pollici, risoluzione Full-HD o superiori, memoria interna 64 GB o superiori;

  • Connettività: Wi-Fi, Bluetooth, USB;

  • Fotocamera: 8 Mpx ƒ/1.9;

  • Batteria: 6000 mAh o superiore.


Il 19 novembre 2020 Infratel ha chiarito alcuni punti sui dispositivi compatibili, dopo un confronto con gli operatori che hanno sottolineato la difficoltà nel riuscire a reperire i device nelle fasce di prezzo considerate. Così, per permettere la più ampia partecipazione in questa fase di emergenza, è stato evidenziato che:

  • il punto focale della videocamera può essere considerato integrato anche per i dispositivi con caratteristiche comparabili con un margine di tolleranza fino al 10%;

  • per la potenza di calcolo del processore, risultano compatibili anche processori con “CPU 8 Core ad almeno 1,6 Ghz” in quanto aventi caratteristiche comparabili rispetto a quanto stabilito dal Manuale Operativo;

  • la capacità della batteria può essere soddisfatta anche con un dispositivo esterno.

Gli operatori possono così, in base al DM e della relativa documentazione tecnica, includere nelle proprie offerte PC desktop dotati di tutti gli accessori necessari in modo da integrare i requisiti richiesti.

I beneficiari del bonus pc o tablet acquisiranno la piena proprietà del dispositivo dopo 12 mesi dalla stipula del contratto.

 

Domanda bonus pc da quando?

Il Mise aveva all'inizio indicato un generico “settembre” come riferimento per l’avvio delle domande.

 

In realtà è possibile richiedere il bonus internet e pc agli operatori accreditati dal 9 novembre 2020.

Bonus internet per scuole e imprese

Come dichiarato dalla ministra Pisano, le risorse stanziate dal Comitato per la Banda Ultra Larga (CoBUL), anche considerando la fondamentale valenza sociale ed economica che la tecnologia ha avuto durante l’emergenza Covid per la didattica a distanza e lo smart working, sono destinate non solo alle famiglie, ma anche alle scuole e alle imprese.


Il “Piano Scuola”, secondo quanto comunicato dal Mise, prevede 400 milioni di euro per interventi di attivazione di servizi in banda ultralarga in più di 32.000 istituti scolastici in tutta Italia.


Mentre per le imprese il bonus varierà dai 500 euro, per la connettività ad almeno 30 Mbps,  ai 2.000 euro per la connettività fino velocità di 1 Gbits, ossia con la fibra.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA