Boccata d'ossigeno

Ristori quater Moratoria: proroga scadenze novembre dicembre e Unico

Moratoria fiscale Ristori quater, pace fiscale partite IVA e imprese proroga Unico e scadenze fiscali novembre e dicembre con perdita fatturato 33% e 50%

9 dicembre 2020 17:07
Ristori quater Moratoria: proroga scadenze novembre dicembre e Unico

Nel decreto Ristori quater è arrivata la nuova moratoria fiscale per le scadenze di fine anno. Al fine di consentire ai contribuenti di affrontare l’emergenza covid in maniera efficace e dare ossigeno alle loro casse, il vice ministro dell’Economia Antonio Misiani intervistato da Il Messaggero, conferma il piano del governo sulle tasse. 

 

Approvata la moratoria fiscale nel Dl Ristori quater, ossia una sorta di pace fiscale per partite IVA e imprese con la proroga Unico 2020 e delle scadenze fiscali novembre e dicembre per chi ha avuto una perdita di fatturato 33% e 50%.

 

Misiani, conferma la moratoria fiscale:

Il Viceministro Misiani aveva già confermato la moratoria fiscale, ovvero una nuova pace fiscale per coloro che hanno avuto un calo di fatturato.

 

Con il decreto Ristori Ter, ha ricordato Misiani al Messaggero, il governo "ha portato ben oltre quota 10 miliardi la dotazione di risorse a disposizione delle aziende e dei settori che hanno visto le attività bloccate o ridotte dalle misure restrittive che sono state varate. Un meccanismo a geometria variabile, che è adattabile alle diverse classificazioni di rischio delle singole Regioni e che sarà ulteriormente implementato qualora ce ne fosse bisogno. Secondo le nostre stime sono oltre 600 mila le imprese beneficiarie, ma è un numero destinato a crescere".

 

Ora con il nuovo decreto Ristori quater, che sarà emanato la prossima settimana dopo aver ricevuto l'ok sullo scostamento di bilancio da 8 miliardi, ci sarà una moratoria fiscale "ampia".

 

Tasse, proroga scadenze fiscali e Unico 2020:

Misiani ha confermato che «Ci sarà una moratoria ampia. Faremo slittare i pagamenti delle prossime scadenze per i contribuenti che hanno avuto un calo del fatturato».

 

E in merito alla proroga dichiarazione dei redditi Unico 2020 del 30 di novembre, Misiani ha risposto sempre al Messaggero che: «Anche questa proposta è sul tavolo. Di tutto questo, il ministro Roberto Gualtieri ne sta parlando con maggioranza e opposizione, per confrontare e condividere le scelte». 

 

Con il decreto Ristori quater la scadenza dell'Unico 2020 «potrebbe slittare di una decina di giorni, tra l’altro ce lo chiedono i commercialisti per evitare di rendere ancora più complicato l’ingorgo fiscale di fine anno».

 

Proroga secondo acconto Irpef, Ires, IVA: per chi è?

La proroga secondo acconto Irpef, Ires, IVA nel decreto Ristori quater è per tutti coloro che hanno subito un calo di fatturato.

 

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore il nuovo stop sarà destinato a tutte le imprese fino a 50 milioni di fatturato che hanno subito perdite:

  •  Per le scadenze del 30 novembre e del 16 dicembre il criterio è la perdita del 33% con un costo per lo Stato di 4,8 miliardi;

  • Per l’acconto Iva annuale del 27 dicembre, il Mef ha ipotizzato di alzare la soglia delle perdite al 50%

La scadenza sarà rinviata al 30 aprile 2021. Proroga anche per la rottamazione ter e saldo e stralcio al 1 marzo 2021.

Ecco il testo del decreto Ristori quater approvato.

 

Calcolo perdita 33% e 50% del fatturato:

Calcolo perdita del 33%: sempre secondo il quotidiano economico, la perdita del 33% che dà diritto alla proroga del pagamento degli acconti di novembre, sarà calcolata sulla base del confronto fra il primo semestre 2020 e quello del 2019.

 

Per avere diritto alla proroga Iva, ritenute e addizionali del 16 dicembre e gli acconti annuali Iva in scadenza il 27 dicembre, il calcolo potrebbe essere basato solo sul mese di novembre 2020, a confronto con lo stesso mese del 2019.

 

Per la proroga IVA di fine anno potrebbe servire, a novembre, un calo del fatturato del 50%. Su questo punto però la maggioranza sta ancora discutendo, insieme all'ipotesi di stop per le rate del 10 dicembre della rottamazione e del saldo e stralcio.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA