La polemica social

Legge contro l’omofobia, Elodie attacca la Lega: “Siete indegni”

“Questa gente non dovrebbe essere in Parlamento, questa gente è omotransfobica”, ha postato Elodie riferendosi all’ostruzionismo della Lega e Pillon

Siete indegni, questa gente non dovrebbe essere in Parlamento”, con queste parole la cantante Elodie attacca duramente la Lega sui social per l'ostruzionismo contro la legge sull’omofobia. Proprio oggi, in Senato, in commissione Giustizia, ci sarebbe dovuta essere la calendarizzazione, dell’esame della legge contro l’omofobia che porta la firma del deputato del Pd Alessandro Zan. Ma l’ufficio di presidenza lo ha annullato,  la commissione presieduta dal leghista Andrea Ostellari, discuterà il ddl sull'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato durante l'emergenza Covid. Risultato: è slittata a domani la riunione prevista in serata sul ddl Zan. "L'ufficio di presidenza è stato sconvocato perché la commissione deve continuare l'esame del decreto per l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato, previsto in Aula domani", ha spiegato il senatore del Pd, Franco Mirabelli.  A chiedere la calendarizzazione sono Pd, M5s, Leu e Italia viva. Contrari la Lega e FdI.

 

L'attacco alla Lega di Elodie: ostruzionismo alla legge contro l'omofobia

“Questa gente non dovrebbe essere in Parlamento, questa gente è omotransfobica”, ha postato Elodie riferendosi all’ostruzionismo della Lega e, in particolare al senatore Simone Pillon, che aveva etichettato il Festival di Sanremo come “un ossessivo Gay Pride”. 

Non è la prima volta che la cantante si schiera per difendere i diritti degli omosessuali. Lo ha fatto anche quando la Chiesa si è opposta alla benedizione delle coppie gay scrivendo su Instagram: “Per fortuna la gente continuerà ad amarsi pur non avendo la 'benedizione' del Vaticano” aveva scritto la cantante.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA