Cronaca nazionale

Nazionale Live: Lituania-Italia 0-2! Sensi e Immobile per la vittoria

Vince ancora la Nazionale, grazie ai goal di Sensi e Immobile nel finale. Partita mediocre, ma record di risultati utili per Mancini, che tocca quota 25

Questa sera l’Italia affronta la terza sfida valevole per la qualificazione ai mondiali del 2022 in Qatar. Dopo le vittorie contro Irlanda del Nord e Bulgaria arriva la Lituania, che fino ad oggi ha collezionato una sconfitta nell’unica gara svolta.  Una partita che potrebbe valere il record per l’attuale Commissario tecnico azzurro. Sì perché se Mancini stasera otterrà  risultato positivo, aggancerà, a 25 partite da imbattuto tra il 2004 e 2006, un collega di grande spessore per il nostro paese: Marcello Lippi. Una medaglia prestigiosa, che segnerebbe un grande traguardo per l’ex attaccante di Sampdoria e Lazio.

 

In ogni caso i numeri parlano per lui, che ha già sorpassato altri traguardi prestigiosi con l’Italia. I numeri sono da record per il mister (Lituania-Italia). Pronta una nuova rivoluzione anche in questa sfida, con interpreti diversi dalle ultime due uscite. Davanti a Donnarumma, dovrebbe essere  lanciata la coppia Mancini-Bastoni, con Toloi da terzino destro. Sulla corsia mancina invece pronto Emerson. Locatelli, dopo la grande entrata in campo contro la Bulgaria, è carico per riprendersi il posto dal 1′. Accanto a lui pronto l’esordio da titolare per Pessina. Il tridente potrebbe avere invece delle novità. L’idea è Bernardeschi da falso nueve con El Sharaawy e Immobile
 

Lituania-Italia: Le formazioni ufficiali 

Lituania (4-5-1): Svedkauskas; Girdvainis, Beneta, Valtkunas, Mikoliunas; Novikovas, Dapkus, Simkus, Slivka, Sirgedas; Cernych. Allenatore: Urbonas

Italia (4-3-3): Donnarumma; Toloi, Mancini, Bastoni, Emerson; Pellegrini, Locatelli, Pessina; Bernardeschi, Immobile, El Shaarawy. Allenatore: Mancini.

 

Lituania-Italia: la cronaca

Tutto pronto per la terza gara valevole per la qualificazione ai mondiali del 2022 in Qatar. Gli azzurri partono subito forte con Locatelli che prova il tiro da fuori, ma viene murato da Slivka. Tentativo coraggioso del centrocampista. Pochi minuti dopo arriva il tentativo di Pellegrini dalla distanza, con Svedkauskas che devia in calcio d’angolo. Sugli sviluppi del corner, ci prova dalla distanza Emerson, con la sfera che termina però tra le braccia del portiere lituano. Ci riprova per la seconda conclusione dil numero 7 della Roma da fuori area: il tiro si perde però sul fondo. Grande affondi degli azzurri, che però sbagliano spesso la conclusione, seppur da buona posizione.

 

Bernardeschi ad esempio ha due palle profonde da trasformare in cross, ma fallisce l’appoggio entrambe le volte. Il campo non aiuta, ma la precisione deve essere maggiore. Fallo di Pellegrini, il più reattivo, in ritardo su Silvka. L’arbitro estrae il primo giallo della partita. Dal 18’ arrivano tre occasioni ghiotte per per El Shaarawy: prima scambia con Immobile e va alla conclusione, che viene però ribattuta. Ancora una conclusione da fuori area del faraone, con palla alta. Al 22’ ci riprovare la terza volta. Bravo a rientrare con il destro e a calciare, conclusione che viene deviata in corner. Tanti errore di impostazione, soprattutto quando si tratta di verticalizzare (Locatelli impreciso stasera) .

 

Alla mezz’ora arriva il primo pericolo per gli azzurri: Donnarumma in uscita sbaglia lo stop, la palla finisce a Bastoni che subisce un fallo da Simkus. Cartellino giallo. Ottimo intervento del centrale dell’Inter ad anticipare l’attaccante. Brutto fallo di Pessina su Cernych a centrocampo. Arriva, giustamente, la seconda ammonizione per l’Italia .Potenziale occasione azzurra: Bastoni lancia con grande precisione Bernardeschi sulla sinistra, lo juventino crossa al centro per El Shaarawy che non arriva a colpire di testa. 

Lo stesso esterno della Roma ha nel finale un’ occasione colossale a disposizione. Su palla di Pessina da sinistra, il faraone da due passi non riesce ad impattare sul pallone. Nei due minuti di recupero è ancora Italia in attacco con Emerson che trova un gran tiro ma il portiere è bravissimo ad allungarsi e a deviare in corner.

 

Seconda frazione che si apre con dei cambi da parte di Mancini, che vuole dare una svolta importante alla gara: fuori Pellegrini ed El Shaarawy per Sensi e Chiesa. I due romanisti sono stati vivaci, ma troppo imprecisi. Le sostituzioni danno subito frutti importanti, con il vantaggio immediato degli azzurri: Emerson sulla sinistra serve Locatelli, il centrocampista scarica su Sensi che controlla e lascia partire un tiro con il sinistro su cui non riesce ad arrivare il portiere.

 

Vantaggio azzurro importante, e ritorno al goal per il centrocampista dell’Inter, che arrivava da un brutto periodo. Non si ferma però la ciurma italiana e arrivano subito altre due occasioni importanti: prima Bernardeschi prova la conclusione da fuori area, ma la palla finisce a lato, poi Pessina ha la palla giusta, ma viene neutralizzata da Svedkauskas. Lo stesso portiere salva miracolosamente al 55’: Bernardeschi crossa per Locatelli, conclusione al volo  del centrocampista e grandissima respinta del numero uno. Raddoppio ad un passo. Gli azzurri ora dominano, creando tanto e recuperando in fretta la palla per ripartire subito. Lituania quasi tutta arretrata dietro la propria metà campo.

 

Entra Spinazzola per Emerson, il peso offensivo sale. Immobile si libera benissimo in area di rigore, dopo aver saltato due uomini, ma la sua conclusione è troppo strozzata. Altri cambi, da una parte e dall’altra: fuori Sirgedas dentro Eliosius per i padroni di casa e Barella per Pessina per l’Italia. Altra occasione per Immobile, che riceve da Spinazzola, sfiorando però il palo con il destro.

 

Cartellino giallo per Locatelli, autore di un fallo su Cernych. Era diffidato e salterà la prossima gara in Nazionale. La Lituania prova a farsi coraggio, aumentando al velocità del palleggio e limitando gli interventi avversari. Prima Cernych colpisce di testa, mandando di poco fuori la palla. Po il nuovo entrato Eliosius che sfrutta un cross da sinistra: Donnarumma chiude in corner con una parata da fenomeno. Troppi errori in impostazione della difesa, che sbaglia gli appoggi in orizzontale.

 

Doppio cambio per i padroni di casa, che si giocano il tutto per tutto: fuori Cernych dentro Kazlauskas e Gaspuitis entra al posto di Mikoliunas. Locatelli continua a dare prova di essere un grande incursore in area, ma fallisce nuovamente a 5’ dalla fine la palla del raddoppio. Bernardeschi va via sulla destra. (grande prova dello juventino), il centrocampista riceve ma da due passi spara addosso al numero uno avversario.

Esce Bastoni nel finale, a causa infortunio, dentro Acerbi. Dopo quattro minuti di recupero in cui temporeggiano di più gli azzurri, arriva il raddoppio nel finale: Barella viene atterrato in area di rigore, e viene fischiato il penalty. Immobile si presenta e segna di precisione dal dischetto. Due a zero con l'arbitro decreta la fine del match. Ancora tre punti per Mancini, anche se queste partite non hanno mostrato una squadra fantastica, anzi, troppi gli errori e le distrazioni. Deve e può fare di più questo team. Mancini nella storia: 25 risulati utili e consecutivi.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA