Orlando al lavoro

Decreto Ristori 5 quando arriva, come sarà con ministro Lavoro Orlando

Quando arriva il decreto Ristori 5 con aiuti per 32 miliardi di euro. Come sarà con il cambio della guardia al ministero del Lavoro da Catalfo a Orlando

Con la nascita del nuovo governo a giuda Mario Draghi l’attenzione torna sul decreto Ristori 5, rimasto in stand-by a causa della crisi di governo. Il provvedimento da 32 miliardi di euro del Conte bis prevedeva aiuti per imprese, lavoratori e cittadini italiani colpiti dalla crisi Covid.

 

Quando arriva il decreto Ristori 5 e come sarà con il cambio della guardia al ministero del Lavoro da Catalfo a Orlando?

 

Decreto Ristori 5: governo Draghi al lavoro per distribuire 32 miliardi di aiuti

Con il giuramento di sabato scorso, 13 febbraio 2021, il governo Draghi ha assunto pieni poteri, in attesa che si completi l’iter con il voto di fiducia in Parlamento: mercoledì 17 al Senato e giovedì 18 alla Camera.

 

Il nuovo esecutivo lavorerà su un doppio binario, quello delle emergenze (sanitaria, economica, sociale) e quello legato alla ripresa, alle riforme e al Recovery Fund.

 

Tra le primissime emergenze da affrontare c’è l’approvazione del decreto Ristori 5, rimasto in stand-by a causa della crisi di governo. Il provvedimento, per il quale è stato già approvato dal Parlamento uno scostamento di bilancio da 32 miliardi di euro, prevedeva contributi a fondo perduto generalizzati, bonus 1000 euro per Partite Iva, stagionali, autonomi e intermittenti, misure per il lavoro come la proroga della cassa integrazione Covid e del blocco dei licenziamenti, proroga della Naspi e del Reddito di emergenza (Rem) e misure legate alle cartelle esattoriali.

 

Con l’arrivo di Andrea Orlando al dicastero di Via Vittorio Veneto al posto dell’ex ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, come cambierà il decreto Ristori 5?

 

Andrea Orlando al ministero del Lavoro: come cambieranno i ristori

Il ministro del Lavoro Andrea Orlando, fresco di nomina, ha voluto immediatamente incontrare le parti sociali per discutere delle emergenze da affrontare. Al centro dell’incontro il lavoro e gli ammortizzatori sociali in vista della scadenza della cassa integrazione Covid e della fine del blocco dei licenziamenti previsto a marzo ma anche altre importanti misure del decreto Ristori 5.

 

Orlando intende proporre ai sindacati un'agenda per le questioni da affrontare che tra le priorità vede: ammortizzatori sociali e crisi occupazionale di donne e giovani. “Questo è l'orizzonte sul quale credo sia urgente iniziare a muoverci”, scrive Orlando su Facebook dichiarando di voler continuare a interloquire con le parti sociali nel corso del suo lavoro, programmando un nuovo incontro con i sindacati a fine mese.

 

Gran parte dei temi emersi erano già oggetto dell'attenzione e del lavoro della ministra Catalfo che ringrazio. Alcuni sono il frutto dell'evoluzione e dei dati che sono emersi in queste settimane. Penso ai dati sulla disoccupazione che segnano un'impressionante crescita tra i giovani e le donne e che per questo reclamano misure urgenti e di respiro”.

 

Dal canto suo la Catalfo chiede ad Orlando di “non sprecate il lavoro fatto in queste settimane, offrite tutele nella continuità del Governo Conte; diversamente, saremo lì a controllare le vostre azioni politiche”.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA