L'autodichiarazione delle feste

Autocertificazione zona Rossa: modulo pdf, cos’è e quando serve oggi?

Nuova autocertificazione ecco il nuovo modulo pdf editabile da usare durante le feste natalizie zona rossa e arancione, cos'è e come funziona quando serve

1 gennaio 2021 12:39
Autocertificazione zona Rossa: modulo pdf, cos’è e quando serve oggi?

L'autocertificazione zona Rossa è il nuovo modulo che serve per motivare la necessità di spostarsi per esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute, durante i divieti imposti dal nuovo decreto Natale approvato venerdì 18 dicembre dal governo e pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed in vigore dal 19 dicembre fino al 6 gennaio.

 

Il nuovo modulo autodichiarazione Natale, già disponibile sul sito del Viminale, è lo stesso che era stato predisposto in occasione del Dpcm 3 dicembre, salvo l'esclusione nel testo della Regione in cui ci si sta dirigendo perché proibito dalla nuova norma. Si ricorda che modello di autodichiarazione può essere esibito al momento del controllo da parte delle forze dell'ordine ma anche compilato durante i controlli a giustificazione degli spostamenti effettuati nonostante i divieti. Inoltre se lo spostamento è legato ad un’urgenza non va indicato il nominativo delle persona da cui si va per motivi di privacy. 

 

Confermate le sanzioni per eventuali violazioni, che potranno essere contestate anche nei giorni successivi al controllo.

 

Autocertificazione zona Rossa: cos'è, come funziona e quando serve

Che cos'è l'autocertificazione spostamenti? E' il modulo che serve per motivare la necessità di spostarsi per motivi di urgenza, lavoro o di salute, durante i divieti imposti da un determinato decreto legge e/o Dpcm in vigore in Italia. 

 

Autocertificazione zona rossa come funziona: il modulo autocertificazione va compilato e portato con sè qualora si esca durante i divieti, al fine di giustificare lo spostamento. Il modulo ufficiale è disponibile sul sito del Viminale ma può essere anche compilato durante il controllo da parte delle forze dell'ordine. Nel modulo vanno indicati i propri dati anagrafici, della residenza e del domicilio, anche i motivi dell’uscita oltre che l’indirizzo da cui è iniziato lo spostamento e quello di destinazione. Se lo spostamento è legato ad un’urgenza non va indicato il nominativo delle persona da cui si va, per motivi di privacy. 

 

Quando serve l'autocertificazione? Il modulo serve quando si deve uscire nei giorni in cui è vietato lo spostamento in base a quanto fissato dal Decreto Spostamenti e il Dpcm 3 dicembre e dal decreto Natale. Si ricorda, infatti, che secondo le ultime novità introdotte dal decreto legge 18 dicembre 2020non è necessaria l’autocertificazione nei giorni arancioni per gli spostamenti all’interno dello stesso comune e per gli spostamenti tra i piccoli comuni con meno di 5 mila abitanti, e nel raggio di 30 chilometri. E' invece obbligatoria per gli spostamenti fuori regione e comuni con più di 5.000 abitanti nei giorni rossi.

Nei giorni festivi e prefestiivi di zona rossa sono consentite le visite a parenti e amici: lo spostamento è limitato a due persone e una sola volta al giorno. Si possono portare con sé i minori di 14 anni, persone con disabilità o non autosufficienti. Anche in questo caso serve l'autocertificazione. I trasgressori rischiano una multa fino a 1.000 euro. 

Si ricorda che nei giorni considerati arancioni chi risiede in un comune con meno di 5.000 abitanti potrà spostarsi anche nei comuni vicini, entro un raggio di 30 chilometri. Serve l'autocertificazione per andare a far visita a parenti o amici anche fuori Comune e Regione ne giorni rossi, per andare alla messa di Natale e per uscire durante il coprifuoco dalle 22 alle 5, esteso alle 7 il 1° gennaio.

 

Autocertificazione zona Rossa nuovo modulo pdf Viminale:

Ecco il modulo autocertificazione Capodanno 2020 che serve a giustificare gli spostamenti durante i divieti.

 

 

Autocertificazione zona rossa: quando serve

In base a quanto previsto dal decreto Natale 18 dicembre 2020, nei giorni prefestivi e festivi tra il 24 dicembre e 6 gennaio 2021, per cui il 24, 25, 26 e 27 dicembre; 31 dicembre e 1 gennaio; 2, 3, 5 e 6 gennaio, ecco quali sono le regole da seguire per la ZONA ROSSA:

  • Vietato ogni spostamento, dentro e fuori dal proprio comune, salvo che per esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. Per spostarsi serve l’autocertificazione.

  • Nei giorni festivi e prefestivi sono consentite le visite a parenti e amici: lo spostamento è limitato a due persone e una sola volta al giorno. Si possono portare con sé i minori di 14 anni, persone con disabilità o non autosufficienti. Anche in questo caso serve l'autocertificazione.

  • In vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5 e fino alle 7 a Capodanno 2021. Per uscire durante questo orario serve l'autocertificazione che giusitifichi lo spostamento.

  • Per chi viola i divieti previsti dal decreto legge sono previste sanzioni da 400 a 1000 euro.

Zona rossa, attività chiuse e aperte:

  • Chiuse tutte le attività commerciali al dettaglio (negozi, centri estetici), fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità.

  • Aperte edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. I luoghi di culto possono restare aperti fino alle 22.

  • Chiuse le attività dei servizi di ristorazione, per cui chiusi bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie. Consentita la ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle 22, quella con asporto.

  • Consentita l’attività motoria e sportiva individuale nei pressi della propria abitazione.

 

Decreto Natale, Autocertificazione zona arancione, quando serve:

In base a quanto previsto dal decreto Natale 18 dicembre 2020 dal 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio 2021, l'Italia è in zona arancione per cui:

  • E' consentito uscire dalla propria abitazione ma c'è il divieto di ogni spostamento in entrata e in uscita dai comuni di residenza. Per uscire dal Comune o dalla Regione serve l'autocertificazione.

  • Piccoli Comuni: è consentito uscire dal territorio dei comuni con meno di cinquemila abitanti entro un raggio di 30 chilometri. Vietato lo spostamento per andare nei comuni capoluogo, anche se si trovano entro un raggio di 30 chilometri.

 

Zona arancioni, attività chiuse e aperte: 

  • negozi aperti fino alle 21;

  • chiusi ristoranti, bar, gelaterie, pasticcerie. Resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle ore 22, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. 

  • aperti gli autogrill e i servizi di ristorazione di stazioni e aeroporti.

 

Spostamenti zona rossa e arancione:

Nei giorni festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1°, 2, 3, 5 e 6 gennaio)

  • sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono;

Nei giorni 28, 29 e 30 dicembre e 4 gennaio

  • sarà possibile spostarsi liberamente, fra le 5.00 e le 22.00, all’interno del proprio Comune: conseguentemente sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali. Negli stessi giorni sarà possibile anche, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, in un Comune diverso dal proprio, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono.

Sempre nei giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio,

  • sarà possibile, per chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti, spostarsi liberamente, tra le 5.00 e le 22.00, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia: conseguentemente, sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA