Il nuovo Fisco

Cartelle esattoriali 2021 riparte la riscossione. Attesa Dl Sostegno

Il 1° marzo 2021 è ripartita attività di Riscossione dell’Agenzia delle Entrate. Si attende approvazione decreto Indennizzi per novità cartelle esattoriali

L’Agenzia delle Entrate rimette in moto la macchina della Riscossione, rimasta spenta da marzo 2020 causa pandemia.

 

A partire dal 1° marzo 2021 ripartono le notifiche delle cartelle esattoriali e i pignoramenti mentre il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha deciso di rinviare i pagamenti delle rate della Definizione Agevolata 2018, Rottamazione ter e saldo e stralcio.

 

Riflettori puntati sul decreto Indennizzi, l’ex Ristori 5 o Sostegno, che dovrebbe contenere novità importanti sulle cartelle esattoriali, come una rottamazione quater e nuovo saldo e stralcio per debiti fino a 5 mila euro.

 

Riparte la Riscossione: governo Draghi cerca soluzione definitiva cartelle esattoriali

Con una proroga ponte il governo Conte bis aveva posticipato di un mese al 28 febbraio 2021 il termine finale di sospensione dell’attività di riscossione, per passare il testimone al nuovo governo Draghi.

 

L’esecutivo guidato dall’ex governatore della Bce si trova ora a dover risolvere definitivamente la questione cartelle esattoriali, visto che dopo un anno non stiamo più parlando di emergenza.

 

Nel frattempo è ripartita la macchina della Riscossione dell’Agenzia delle Entrate, con 50 milioni di atti da inviare. Per non ingolfare il sistema si sta pensando di “spalmare” su due anni l’invio delle cartelle esattoriali, soluzione che darebbe respiro ai contribuenti e permetterebbe all’AdeR di gestire al meglio le pratiche che si sono accumulate nell’arco di un anno.

 

In attesa di notizie ripartono le notifiche, i pignoramenti e i pagamenti mentre il Mef ha deciso di prorogare i termini per il pagamento delle rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio, fissato in precedenza al 1° marzo 2021.

 

Decreto Sostegno: le novità sulle cartelle esattoriali

Il destino delle cartelle esattoriali passa per il decreto Indennizzi, così verrà chiamato l’ex Ristori 5 o Sostegno, con una pace fiscale 2021 che dovrebbe allentare la pressione del Fisco sugli italiani già piegati dalla pandemia Covid.

 

In particolare il decreto Indennizzi dovrebbe prevedere:

  • una proroga di due mesi dell’attività di Riscossione fino alla fine dello stato di emergenza, vale a dire 30 aprile 2021;

  • una rottamazione quater delle cartelle esattoriali;

  • un nuovo saldo e stralcio per debiti fino a 5 mila euro, con la possibilità di allungare ulteriormente i tempi per il pagamento;

  • una dilazione degli invii degli atti rimasti congelati dall’8 marzo 2020.

 

La nuova Definizione agevolata, dunque, verrebbe affiancata da uno scaglionamento degli invii delle cartelle esattoriali su un arco temporale di due anni.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA