Regole anti-Covid di aprile

Decreto Draghi oggi 31 marzo in CdM. Le nuove restrizioni di aprile

Convocato il Consiglio dei Ministri nel pomeriggio per approvare il nuovo decreto Draghi 31 marzo 2021 con nuove restrizioni anti-Covid per mese di aprile

Rigoristi e aperturisti di nuovo a confronto per trovare la quadra sul nuovo decreto Draghi che il Consiglio dei Ministri varerà oggi pomeriggio 31 marzo 2021 per stabilire quali nuove misure anti-Covid entreranno in vigore dopo Pasqua, dal 7 aprile in poi fino alla fine del mese.

 

Stop agli spostamenti tra regioni e alla deroga per le visite a parenti ed amici, nessuna zona gialla, bar e ristoranti chiusi, ma anche scuole aperte anche in zona rossa, nuove norme sugli operatori sanitari no vax e sullo scudo penale. Queste le principali misure del nuovo decreto Draghi 31 marzo 2021.

 

Nuovo decreto Draghi in CdM oggi 31 marzo 2021: misure anti-Covid di aprile

Convocato alle 17 di oggi pomeriggio, 31 marzo 2021, il Consiglio dei Ministri per l’approvazione delle nuove misure anti-Covid dopo le festività pasquali, con le regole che entreranno in vigore il 7 aprile 2021 fino a tutto il mese di aprile o inizi maggio.

 

Dopo la richiesta delle Regioni al governo di iniziare a ragionare sulle riaperture, accettata dal premier Draghi, si ipotizzano ulteriori restrizioni per frenare il diffondersi delle varianti Covid altamente contagiose che hanno portato alla terza ondata con la regola degli automatismi per il rientro in zona gialla delle regioni chiesto dalla Lega che potrebbe non essere inserita nel provvedimento.

 

Secondo quanto si apprende il nuovo decreto Draghi 31 marzo 2021 dovrebbe vietare gli spostamenti tra regioni eliminando anche la deroga delle visite a parenti ed amici mentre si potranno raggiungere le seconde case.

 

Bar e ristoranti resteranno chiusi in zona rossa e arancione ma potrebbero tornare ad aprire nelle regioni con meno di 100 contagi per 100 mila abitanti. Chiusi, invece, i centri commerciali nei fine settimana.

 

Prevista la riapertura della scuola anche in zona rossa fino alla prima media e in zona arancione fino alla terza media, con il 50% delle presenze alle superiori.

 

Piscine, palestre, cinema e teatri dovrebbero rimanere chiusi, prevista la possibilità di qualche riapertura nelle regioni con 100 casi di contagi ogni 100 mila abitanti.

 

Decreto Draghi 31 marzo 2021: misure per operatori sanitari no vax e scudo penale

Tra le nuove misure del decreto Draghi 31 marzo 2021 potrebbero esserci anche nuove disposizioni sugli operatori sanitari no vax. Il personale sanitario che rifiuta la vaccinazione, per evitare contagi negli ospedali, luoghi di cura e Rsa, potrebbe essere spostato in aree o uffici dove non c’è contatto con i pazienti.

 

Alla norma, che dovrebbe essere contenuta nel decreto Draghi, sta lavorando la ministra della Giustizia Marta Cartabia, alle prese anche con lo scudo penale, ossia norma che limita la responsabilità penale dei sanitari ai casi di dolo e colpa grave che potrebbe riguardare anche le reazioni avverse ai vaccini e tutti i casi di lesioni o omicidio colposo connessi al Covid.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA