La crisi di governo

Crisi di governo: cos’è il Conte ter e cosa significa. Scenari

Cos’è il Conte ter, cosa significa e quali scenari si aprono con la crisi di governo? Tutte le ipotesi sul tavolo: dal rimpasto alle dimissioni del premier

Si va verso il Conte ter, con la crisi di governo ormai data per certa dopo il voto sul Recovery plan.

 

Cos’è il Conte ter, cosa significa e quali scenari si aprono con la crisi di governo?

 

Conte ter: cos’è, cosa significa

Dopo il via libera al Recovery Plan potremmo assistere ad una mossa che aprirebbe di fatto la crisi di governo: il ritiro della delegazione di Italia Viva dall’esecutivo.

 

Con l’addio di Italia Viva alla maggioranza si andrà dritto verso il Conte ter. Cos’è, cosa significa? L’apertura formale della crisi di governo spingerebbe il presidente del Consiglio a formare un nuovo governo o attraverso un rimpasto oppure rimettendo il proprio mandato direttamente nelle mani del Presidente della Repubblica.

 

Conte ter: gli scenari possibili

Cercare di risolvere la crisi al più presto, questo l’obiettivo principale per affrontare tematiche importanti che vanno dai Dpcm per arginare i contagi al nuovo scostamento di bilancio per il decreto Ristori 5.

 

Le concessioni che il premier Giuseppe Conte ha sinora fatto ad Italia Viva per cercare appoggio non sembrano essere sufficienti ad evitare una crisi di governo. Renzi sembra voler a tutti i costi le dimissioni di Conte.

 

Quali scenari si aprono con la crisi di governo? Le ipotesi vanno dal rimpasto alle dimissioni di Conte, per un Conte ter o per un nuovo esecutivo senza di lui. Vediamo tutte le ipotesi:

 

  • La prima ipotesi è quella di un Conte ter nato dalle dimissioni del premier e dall’affidamento di un nuovo incarico di formare il governo da parte del Capo dello Stato, Sergio Mattarella. In tal caso Conte riuscirebbe a mantenere la leadership, ma dovrà decidere se dare più peso ad Italia Viva nella nuova maggioranza di governo oppure se mandare Renzi direttamente all’opposizione;

  • In caso di dimissioni di Conte, il Presidente della Repubblica Mattarella potrebbe decidere di formare un governo tecnico, ossia un esecutivo temporaneo formato da tecnici e non da politici per approvare misure importanti e traghettare il governo verso nuove elezioni. Il voto potrebbe tenersi a metà 2021;

  • Si potrebbe venire a creare un nuovo governo con la stessa maggioranza ma senza la guida di Conte. Il premier potrebbe essere sostituito con un altro leader, magari del Partito Democratico, come Franceschini o Gualtieri

  • C’è poi l’ipotesi elezioni, che al momento sembra essere la meno probabile viste le difficoltà legate alla pandemia da Coronavirus.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA