EditorialiOpinioniAnalisiInchiesteIntervisteScenariFirme
La condanna a morte

USA, Lisa Montgomery è stata giustiziata: è la prima donna in 70 anni

Lisa Montgomery è stata condannata a morte per un crimine commesso nel 2004. L'iniezione letale praticata dopo il via libera arrivato della Corte Suprema

13 gennaio 2021 11:09
USA, Lisa Montgomery è stata giustiziata: è la prima donna in 70 anni

La sentenza a morte di Lisa Montgomery è stata eseguita dopo il via libera della Corte suprema. Negli Usa, da quasi settant'anni , questa è la prima esecuzione federale di una donna, l’unica attualmente rinchiusa nel braccio della morte. Lisa Montgomery, 52 anni, è stata condannata a morte per un crimine commesso nel 2004, quando dal Kansas andò a casa di Bobbie Jo Stinnett, in Missouri, fingendo di voler acquistare uno dei cuccioli di cane allevati dalla donna, incinta di otto mesi. Lisa voleva la bambina che Bobbie aveva nella pancia: la strangolò e si impossessò della neonata praticando il cesareo alla vittima. Poi tentò di far passare la piccola come sua figlia.

 

Lisa Montgomery, la condanna prima sospesa e poi eseguita

L’esecuzione di Lisa Montgomery era stata sospesa una prima volta perché uno dei suo avvocati si era ammalato di Covid, il dipartimento di Giustizia aveva poi fissato la nuova data al 12 gennaio, ma i legali della Montgomery avevano argomentato che la data non poteva essere fissata mentre era in vigore una sospensione dell'esecuzione chiedendo anche una perizia psichiatrica. A pochi giorni dall’insediamento di Joe Biden, contrario alla pena di morte, un tribunale presieduto dal giudice Hanlon aveva concesso la sospensione della condanna. Ma La Corte d'appello di Washington però DC ha dato il via libera all'esecuzione.

Da piccola Lisa era stata vittima degli abusi sessuali del patrigno, la difesa aveva sostenuto che le continue violenze avevano provocato “danni cerebrali e gravi malattie mentali” nella donna. Una storia mai confermata dal patrigno, che ha sempre dichiarato di non ricordare di avere mai abusato della figliastra. Ma la madre di Lisa aveva invece raccontato un’altra storia. Aveva ammesso di sapere che il marito violentava la piccola, ma che lei era rimasta in silenzio per salvarle la vita. Se avesse denunciato il marito, lui avrebbe ucciso Lisa e forse sarebbe morta anche lei.


Lisa che non riusciva ad avere dei figli aveva scelto online la propria vittima: Bobbie Stinnett, l’allevatrice di cani le era sembrata perfetta.
La neonata “rapita” oggi ha 16 anni e vive con il padre. Questa notte, nel Federal Correctional Complex , nello stato dell’Indiana, a Lisa Montgomery è stata praticata l’iniezione letale.

 

Le esecuzioni negli Stati Uniti

L’ultima donna giustiziata in America per avere ucciso il marito con la complicità dell’amante, è stata Kelly Gissendaner, nel 2015.

Dopo uno stop di 17 anni gli Stati Uniti, nel luglio scorso, hanno di nuovo riammesso le esecuzioni federali: quella di Lisa Montgomery è l’undicesima. Altri due detenuti nel braccio della morte verranno giustiziati nei prossimi giorni, la loro esecuzione era stata sospesa perché avevano contratto il Covid-19.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA