Europa League Live

Europa League 2020/2021: Ajax-Roma 1-2! Pau Lopez eroe della serata

La Roma vince una gara molto sofferta in Olanda, aggiudicandosi il primo match Point. In goal Pellegrini e Ibanez, che ribaltano il risultato. Lopez eroe

Ajax-Roma: Amsterdam Arena, ore 21

La Roma deve riscattarsi dopo la deludente prova in campionato con il Sassuolo, e tenterà di farlo questa sera in Europa League, che a questo punto, viste le difficoltà in Serie A, diventa a tutti gli effetti una competizione fondamentale per il proseguo della stagione. L’avversario per questi entusiasmanti quarti di finale non è dei più semplici, anche viste le difficoltà di gestione mentale in quest'ultimo periodo, da parte  dei giallorossi. L’Ajax infatti è realtà abituata alla Champions League, e nonostante la perdita di alcuni elementi chiave, rimane una realtà solida e dalle grandi qualità.

 

Fonseca per questa delicata sfida, si affida ai titolari, che dovranno tentare non solo di chiudere la gara il prima possibile offendendo la difesa olandese, ma soprattutto segnare più reti possibili in vista della gara in casa al ritorno, in cui si cercherà di non prendere goal. L’allenatore portoghese si affida a Cristante come centrale di difesa, con Ibanez e Mancini come compagno di reparto. Veretout e Diawara a centrocampo mentre in attacco alle spalle di Dzeko ci saranno Pellegrini, nel classico ruolo di trequartista che si abbassa e Pedro, su cui stanno cadendo diverse critiche perle prestazioni che offre, ogni settimana che passa. Dall’altra parte il giovane maestro Ten Hag schiera Klaassen in regia, con i suoi punti cardine Neres, Anthony e Tadic in offensiva.

Ajax-Roma: Le formazioni ufficiali:

Ajax ( 4-3-3): Scherpen; Rensch, Timber, Martinez, Tagliafico; Klaassen, Alvarez, Gravenberch; Antony, Tadic, Neres. All: Ten Hag.

Roma (3-4-2-1) : Pau Lopez; Mancini, Cristante, Ibanez; Bruno Peres, Diawara, Veretout, Spinazzola; Pellegrini, Pedro; Dzeko. All: Fonseca.

 

Ajax-Roma: La cronaca

La Roma batte il calcio d’inizio ad Amsterdam, in uno stadio che con il proprio pubblico diventava una vera e propria fortezza di rumore e tifo sfegatato. La gara si accende subito con una serie di potenziali occasioni, da entrambe le parti, nei primissimi minuti: prima Dzeko dalla sinistra mette un pallone al centro per Pellegrini, su cui però il centrocampista non arriva per un soffio. Rispondono i padroni di casa con una conclusione da fuori area di Gravenberch, che Pau Lopez blocca però senza problemi. Molto attivo Dzeko, che sino ad oggi in stagione ha mostrato prestazioni altalenanti, non da lui, ma che vuole trascinare i suoi verso gli obiettivi finali. Il bosniaco riceve in area di rigore dalla destra, si libera con un passo da bomber d’area, ma ma la sua conclusione ad incrociare si perde sul fondo.

 

Al 15’ arriva però la prima vera palla goal, con un gran tiro da fuori di Cristante su cui il portiere Scherpen riesce ad allungarsi sulla sua sinistra, respingendo in corner. Avanzata interessante dell’ex Atalanta, che si dimostra duttile sia da difensore, che da incursore.  Solo Roma in questa fase di gioco,  che si rende pericolosa con un contropiede gestito dal solito Spinazzola, che serve Dzeko, non riuscendo però l’attaccante a concludere con potenza il tiro che finisce tra le braccia del numero uno avversario. Alla mezz’ora arriva una brutta notizia per Fonseca: Spinazzola, dopo l’azione di contropiede, accusa un problema muscolare e nonostante l’intervento del dallo staff medico giallorosso e malgrado abbia tentato di rimanere in campo qualche minuto, è costretto ad uscire lasciando spazio al giovane classe 2002 (già in goal in questa Europa League) Calafiori.

 

Infortunio che comunque potrebbe diventare un problema per il team, visto l’importanza dell’esterno azzurro. Al 30’ occasione per Tadic, che si è visto poco, che dopo essere rientrato con il sinistro calcia, ma a lato dello specchio della porta . Verso la fine del primo tempo, al 41’ arriva un clamoroso vantaggio Ajax : Cristante tentando di pressare alto perde la posizione, la palla finisce a Diawara che sbaglia malamente il retro passaggio, servendo Klaassen. Dopo un triangolo con Tadic, lo stesso centrocampista conclude in rete per il vantaggio degli olandesi. Disastro, ancora una volta, fatale della retroguardia degli ospiti. Dopo due minuti di recupero, termina la prima frazione, con i padroni di casa in vantaggio. 

 

La Roma nella ripresa è chiamata a ribaltare il risultato, o a segnare almeno una rete, per evitare il tracollo. La prestazione non è stata pessima, ma serve più cinismo nel concludere a rete. Si ricomincia però malissimo, visto che dopo 8’ minuti viene fischiato un calcio di rigore per i padroni di casa. Ennesima palla persa dai giallorossi al limite dell’area, Ibanez nel tentativo di limitare la conclusione interviene malamente, causando il penalty. Incredibilmente però Pau Lopez evita il raddoppio neutralizzando Tadic dagli undici metri: il portiere spagnolo rimane fermo, senza farsi ingannare e para la conclusione centrale. Sveglia per i ragazzi di Fonseca, che riaccendono la mente, accantonando la paura.

 

Nel giro di due minuti la gara cambia: prima Dzeko in area colpisce di testa, sfiorando il pareggio, con la palla che termina sull'esterno della rete. Poi il pareggio arriva a mezz’ora dalla fine:Pellegrini su punizione prova l'interno destro sul primo palo, Scherpen non impeccabile nel veder partire la conclusione e i giallorossi trovano il pareggio, segnando dopo tanto tempo da calcio di punizione diretto. Peres, che si vede molto in fase offensiva, al contrario della prima frazione, si ritrova in campo aperto, ma sbaglia l’appoggio per l’attaccante bosniaco, buttando al vento l’immediato raddoppio.

 

Gli olandesi soffrono molto, troppo, e l’allenatore decide di chiamare il primo cambio: fuori un deludente Neres, dentro Brobbey. Al 68’ ci prova Tagliafico, dopo un giro di possesso lungo, ma Pau Lopez respinge in angolo in qualche modo. Entrambi i team hanno facilità a trovare lo spazio giusto per rendersi pericolosi, sbagliando però l’ultimo passaggio. Dopo un minuto subito un’altra occasione olandese, con una palla dentro per il neo entrato Brobbey che prova ad anticipare l'uscita del portiere è perfetta, trovando però la manata dello spagnolo a chiudere in corner.

 

Arriva anche il primo giallo della gara, molto tranquilla sotto il punto di vista degli interventi fallosi, ai danni di Rensch, dopo un tackle irregolare sulla punta centrale degli avversari.

Ci prova ancora l’Ajax, con una magia di tacco dell’attaccante  Antony a due metri dalla porta: il portiere dei giallorossi però è in una serata di grazia e salva ancora i suoi con una parata istintiva. Lo stesso duello si ripropone poco più tardi, con una conclusione diretta della punta e nuovo miracolo dei guantoni spagnoli. Solo Ajax in questa fase di gioco. Fonsecacerca al 75’ di cambiare un po’ le carte in tavola, con un doppio cambio: fuori Dzeko per Mayoral mentre Villar entra al posto di Veretout. Giallo anche per Peres, primo della sua squadra, dopo un fallo in ritardo su Tagliafico. Sembra essere diventata una gara tra l'estremo difensore dei giallorossi e gli avversari, che arrivano con facilità alla conclusione, scontrandosi fino ad adesso però con un muro.

 

La gara poi però ha una svolta improvvisa a 4 minuti dalla fine: Roma in vantaggio. Pellegrini su corner trova Ibanez, che controlla con il petto e con il sinistro mostruoso supera Scherpen  insaccando sotto la traversa. Vantaggio inaspettato, ma fondamentale per gli ospiti, che dovranno soffrire per pochi minuti. Dentro Perez per un negativo, ancora una volta, Pedro. Dopo 4 minuti di recupero arriva una grande vittoria per i capitolini, che nonostante la garnde sofferenza, si aggiudica il primo match point, che vale oro in vista del ritorno. Grandi applausi per Pau Lopez, che tiene viva la baracca sino alla fine.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA