Cos'è il Golden Power? Significato, settori interessati, Dl Liquidità

Golden Power cos’è e cosa significa, a cosa serve, quando è nato, settori interessati, perché è incluso nel Decreto Liquidità per l’emergenza Coronavirus

25 maggio 2020 09:15
Cos'è il Golden Power? Significato, settori interessati, Dl Liquidità

Il Decreto Liquidità pubblicato in Gazzetta Ufficiale, include anche nuove regole per il Golden Power, che è stato esteso ad altri settori industriali rispetto a quelli precedentemente previsti e alle PMI.

 

Riccardo Fraccaro l'ha definito "un vaccino contro il virus delle scalate ostili". 

 

Golden Power: cos’è e cosa significa, a cosa serve 

Golden Power cos’è: Golden Power ha il significato di “poteri speciali" ed è uno scudo normativo creato con precisi obiettivi.


Contenuto nel Decreto Legge 15 marzo 2012 n.21, che fa riferimento alle “Norme in materia di poteri speciali sugli assetti societari nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché per le attività di rilevanza strategica nei settori dell'energia, dei trasporti e delle comunicazioni”, è stato ampliato a nuovi settori industriali, tenendo conto delle inevitabili ripercussioni del lockdown sull’economia del paese.


Golden Power a cosa serve: tramite il Golden Power, il Governo italiano ha la facoltà di stabilire specifiche condizioni oppure di opporsi all’acquisto di partecipazioni, ma anche di porre un veto all'adozione di determinate delibere societarie.


Il Golden Power è stato istituito affinché vengano salvaguardati gli assetti delle società nei settori ritenuti strategici per il paese.


Golden Power, i settori industriali: inizialmente i settori interessati dal Golden Power erano sostanzialmente cinque:

  • difesa;

  • sicurezza nazionale;

  • energia;

  • trasporti;

  • comunicazioni.

 

Con l’entrata in vigore del Decreto Liquidità, il Golden Power è stato allargato anche ad altri settori: ossia

  • ai settori finanziario, creditizio e assicurativo;

  • alle infrastrutture e tecnologie critiche, come l’energia, i trasporti, la salute e l'acqua;

  • al settore alimentare;

  • all’accesso alle informazioni sensibili, inclusi i dati personali;

  • all’intelligenza artificiale, la robotica, i semiconduttori, la cybersicurezza;

  • le nanotecnologie e le biotecnologie.

L’obiettivo è infatti quello di proteggere le aziende italiane, impedendo scalate ostili di soggetti stranieri in questo difficile momento di emergenza causato dalla pandemia da Coronavirus, dove le società stanno subendo il deprezzamento delle azioni, oppure una riduzione del loro valore perché costrette a bloccare le attività. 


Il Golden Power nel Decreto Liquidità:

Oltre ad ampliare i settori industriali in cui applicare la norma relativa al Golden Power, sono state introdotte nuove modalità di applicazione.

 

Innanzitutto la possibilità di avviare d’ufficio l’esercizio di questi “poteri speciali”, se le imprese non assolvono all'obbligo di notifica, al solo sospetto che possa esserci una scalata ostile.


Sono stati aumentati anche gli obblighi di comunicazione alla Presidenza del Consiglio sull’acquisizione di quote azionarie delle PMI considerate sempre strategiche.

 

Previste anche soglie più basse, inferiori al 5%, per le comunicazioni alla Consob, in modo da includere anche le aziende ad azionariato diffuso.  

 

Estesi inoltre i poteri speciali, in via transitoria fino al 31 dicembre 2020, alle operazioni intra-europee che richiederanno l'autorizzazione del Governo nei settori indicati. 

 

Per le operazioni extra-europee, l'ampliamento coinvolge anche le acquisizioni di partecipazioni superiori al 10% da soggetti che non apaprtengono alla Ue, se al di sopra alla soglia di 1 milione di euro.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA