Spread: cos'è, come funziona in parole semplici e come si calcola?

«Spread 2018 cos'è e come funziona il differenziale tra titoli di stato, significato, come si calcola, perché aumenta lo spread con la legge Finanziaria 2019»

Che cos'è lo Spread 2018 e perché è importante per l'Italia? Da cosa dipende se il differenziale aumenta o diminuisce? Oggi parlare di Spread è diventato ormai pane quotidiano, visto che in tv, sul web, nei talk, tutti parlano di questo importante differenziale.

Di aumento dello Spread si è tornati a parlarne proprio in questi ultmi mesi con l'arrivo al governo del M5s e della Lega, alleati nel nel nuovo governo Conte e con l'imminente presentazione e successiva approvazione del Def 2019 e della nuova Legge di Bilancio 2019.

Andiamo quindi a spiegare in parole semplici lo spread cos'è e come funziona, da cosa dipende l'aumento o la discesa di questo differenziale e perché è così importante tenerlo basso.

 

Spread 2018 cos'è?

Che cos'è lo Spread 2018? 

  • Lo Spread è un termine molto utilizzato nel linguaggio politico o finanziario che proviene dall'inglese da "the difference in price between related securities" che significa letteralmente differenza di prezzo tra rendimenti
  • In parole semplici con il termine spread in Italia, si indica la differenza di rendimento tra due titoli di stato, solitamente il differenziale tra i titoli di stato emessi dalla Germania, di solito considerati i più affidabili ed i i titoli di stato ad esempio dell'Italia.
  • La parola spread in Italia, è stata conosciuta dagli italiani sotto il Governo Monti a ridosso della dura crisi economica che ha messo l'Italia in ginocchio, insieme ad altri paesi come la Spagna e la Grecia.
  • In altre parole lo spread è un indicatore economico che almeno nel nostro Paese, suscita grandi timori sia negli addetti ai lavori che negli italiani che ormai hanno conosciuto e riconosciuto, l'importanza di questo differenziale anche nella vita di tutti i giorni.

Per vedere l'andamento dello Spread in tempo reale.

 

Spread 2018 come funziona in parole semplici?

Spread 2018 come funziona in parole semplici? Lo spread è la differenza di rendimento tra i titoli di stato italiani a 10 anni (conosciuti come BTP) e l'equivalente dei titoli di stato tedeschi.

Perché lo spread è utilizzato come indicatore economico di un paese? In parole semplici lo spread è utilizzato per misurare la salute dell'economia di un determinato paese, attraverso il confronto dei rendimenti dei titoli di stato.

Più specificatamente, quando l'economia di un paese è molto solida e stabile, l'acquisto di titoli di stato di quel deterninato paese, diventa un ottimo investimento, perché sicuro e proficuo.

Al contrario, quanto più l'economia di un paese è instabile e ci sono delle palesi incertezze, tanto più l'acquisto titoli di stato di quel paese diventa difficile perché ritenuto troppo rischioso per gli investitori.

Insomma, quanto le cose vanno bene gli investitori sono interessati ad investire in un determinato paese.

Quando le cose vanno male no. Semplice.

Ma cosa c'entrano i titoli di stato tedeschi con quelli italiani?

Si tratta di un passaggio chiave per calcolare lo spread.

 

Spread come si calcola?

Come si calcola lo spread? Come abbiamo visto il calcolo dello spread si fonda generalmente sul rapporto tra i BTP italiani e tedeschi, dove i titoli di stato tedeschi sono l'indicatore di un economia stabile e sicura mentre i titoli di stato di italiani, sono considerati molto rischiosi.

Ciò vuol dire quindi che più lo spread aumenta e tanto più cresce la distanza tra i titoli di stato della Germania e i titoli di stato dell'Italia e di conseguenza con lo spread alto, prestare soldi all'Italia non è più conveniente.

Ma non è tutto.

Lo spread ha delle ritorsioni sul debito pubblico italiano.

Quando lo spread sale aumentano anche gli interessi sul debito pubblico e ciò significa che ogni volta che c'è un aumento dello spread l'Italia è costretta a spendere maggiori somme di denaro per finanziare il proprio debito.

Si tratta di un vero e proprio finanziamento dato che lo Stato Italiano deve pagare quelli che sono gli interessi a chi ha acquistato i titoli di Stato.

Viene da sé che ogni volta che lo spread aumenta l'intera economia del paese ne risente. 

 

Lo spread, il Governo in Italia e la nuova legge Finanziaria 2019:

Lo spread in Italia ha delle notevoli conseguenze.

Ma ne possiamo individuare due particolari.

Conseguenza economica aumento Spread: in base a quanto ammonta lo spread, i conti pubblici subiscono della variazioni che influenzano poi i singoli cittadini ed imprese e diversi settori:

  • Diventiamo meno competitivi economicamente ogni volta che lo spread sale.
  • Aumento dei tassi d'interesse per chiedere un finanziamento.
  • Aumento dei tassi d'interesse dei mutui.
  • Diminuzione degli acquisti.
  • Diminuzione degli investimenti.
  • Tenere lo spread basso conviene a tutti.

Conseguenza politica e il Governo italiano: dal Governo di Mario Monti ad oggi, con il governo M5s Lega ci siamo resi sempre più conto come lo spread abbia un impatto sulla vita istituzionale del paese.

  • Se la politica del paese è stabile lo spread è basso.
  • Se la politica del paese non è stabile lo spread sale e porta con sé tutti gli effetti negativi che abbiamo visto in questo articolo.

Ma non è tutto.

Infatti in qualche modo possiamo dire che per la prima volta le democrazie moderne stanno facendo i conti con una situazione mai vista prima.

La sovranità appartiene al popolo.

Questo è l'articolo 1 della Costituzione Italiana ed è il pilastro portante di ogni democrazia. La sovranità del popolo si esprime dietro il voto ma poi quando al vosto va un governo M5s Lega, allora ecco che lo spread sale, perché aumentano le incognite.

Se Paolo Savona come ministro dell'Economica o una Finanziaria 2019 coraggiosa non piace ai mercati o all'Ue, ecco che lo spread aumenta.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?