EditorialiOpinioniAnalisiInchiesteIntervisteScenariFirme
La tragedia

Treviri, auto contro folla: vittime e feriti. Arrestato l'autista

A Treviri, in Germania, un'auto guidata da un cinquantunenne originario della zona è piombata sulla folla: l'ipotesi dell'attentato è caduta dopo l'arresto

2 dicembre 2020 10:20
Treviri, auto contro folla: vittime e feriti. Arrestato l'autista

Ha falciato cinque vite in un’area pedonale di Treviri, nella Germania sud occidentale, la città dove è nato Karl Marx. Un ubriaco alla guida di una Range Rover ha investito e ucciso tre donne di 25, 73 anni e 60 anni, un uomo di 45 e un bambino di appena 9 mesi. Altre 15 persone sono state ferite.

Una strage che ha fatto subito pensare a un attentato terroristico. 

 

Una settimana fa a Berlino, un’auto con delle scritte no global, si era schiantata contro l’inferriata della cancelleria federale, ma non c’erano state vittime. 

 

Treviri, arrestato il conducente: si esclude matrice terroristica

L’ ipotesi dell’attentato è caduta dopo l’arresto dell’autista della Range Rover, Brend W. 51 anni, anche lui di Treviri. “E’ stato un atto deliberato”, ha detto la polizia,  i motivi non sono ancora chiari, “non ci sono ragioni per ipotizzare motivazioni politiche”.

 

Brend W.  Soffrirebbe di problemi psicologici, è stato sottoposto agli esami tossicologici: aveva un tasso alcolemico di 1,4 grammi per litro. “Per favore evitate la zona”, ha scritto la polizia su un cartello. La Bild riporta le testimonianze di chi ha visto l’auto piombare sulla gente: “Le persone volavano in aria”, alcuni hanno creduto di vedere una donna alla guida della macchina. E c’è un mistero ancora da chiarire, Secondo Focus Online nell’auto c’erano altre persone, che sarebbero riuscite a fuggire prima che la polizia bloccasse l’auto. 

 

Il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert ha scritto su Twitter: “Il pensiero va alle famiglie delle vittime, ai tanti feriti , la situazione nel frattempo è tornata sotto controllo”. 

 

Il sindaco Wolfram Leibe  lo ha definito il gesto di un pazzo. “Non conosciamo ancora le motivazioni del gesto – ha detto- tutto questo è scioccante e terribile, lì vedi una scarpa, poi il cadavere di una ragazza. Uno vede certe scene in televisione e pensa che da noi non può succedere. Invece è successo anche a Treviri. I miei pensieri vanno ai parenti delle vittime”. 

 

È arrivato anche il cordoglio della Cancelliera Angela Merkel.

 

L’auto che è piombata sulla folla di Treviri ricorda nella dinamica l’attentato terroristico del 19 dicembre 2016, quando, in un mercatino del centro di Berlino, il tir guidato dal  tunisino Anis Amri, travolse e uccise 12 persone. Ma nella tragedia della cittadina tedesca non ci sono riscontri di una matrice terroristica. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA