Fabiana Giacomotti

Fabiana Giacomotti

Che “la moda” sia davvero “un mestiere da duri”, titolo del suo ultimo saggio per Rizzoli, Fabiana Giacomotti l'ha scoperto quando credeva che quello bancario e quello dei media, di cui aveva scritto a lungo per il Giornale, epoca Montanelli, per ItaliaOggi e poi come inviato de Il Mondo e Capital, fossero acquari di squali col vetro rinforzato.
Alla moda è approdata alla fine degli Anni Novanta, come vicedirettore di Amica. Ostinata, ha diretto per lunghi anni il quotidiano MfFashion e fondato un altro paio di riviste.
Attualmente scrive su Il Foglio (dal 2007 in particolare per l'inserto culturale del sabato) e per Vogue Italia, ha rubriche su molte testate e collabora con l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana (La Treccani) e con la Fondazione Matteotti.
Specialista di letteratura francese del Secondo Ottocento, ha pubblicato saggi e guide sia in Italia sia all'estero, è autrice televisiva e dal 2005 è docente di sociologia dei processi culturali e comunicativi alla Sapienza.
Ha curato mostre per il Museo di Palazzo Mocenigo di Venezia, per Palazzo Morando a Milano, e per la Rai, dove ha seguito le esposizioni celebrative per il Sessantesimo della nascita della televisione e dal 2017 al 2019 le mostre del Prix Italia.
E’ sposata da 35 anni e ha una figlia di 34, Federica, account pubblicitaria, di cui va fierissima.

Articoli di Fabiana Giacomotti

Siamo onesti, arriva il Natale che sognavamo: in pochi e senza stress
Siamo onesti, arriva il Natale che sognavamo: in pochi e senza stress

Finalmente con le restrizioni antivirus possiamo capire di chi possiamo fare serenamente a meno e chi, invece, ci mancherà terribilmente a Natale

in Firme

400 video per gli 80 anni di Roberto Cavalli, mentre l’azienda langue
400 video per gli 80 anni di Roberto Cavalli, mentre l’azienda langue

Passata più volte di mano, ora è del dubaino Hussain Sajwani, e si aspetta la collezione affidata a Fausto Puglisi. Il fondatore vive in campagna

in Firme

Antonella Polimeni, una Magnifica Rettrice alla Sapienza dopo 7 secoli
Antonella Polimeni, una Magnifica Rettrice alla Sapienza dopo 7 secoli

L’università romana, la più grande d’Europa, nomina per la prima volta una donna. Nel 1894 la prima laurea femminile alla Sapienza: Teresa Labriola

in Firme

Gucci inventa un film festival con Van Sant per lanciare la collezione
Gucci inventa un film festival con Van Sant per lanciare la collezione

Intanto Valentina Gallov apre una mostra d’arte in un condominio torinese dal nome gentilvicini: la cultura reagisce alla pandemia, come il Decamerone

in Firme

I soprusi sulle donne sono più evidenti se li denuncia una mostra
I soprusi sulle donne sono più evidenti se li denuncia una mostra

Al palazzo Reale di Milano “Divine Avanguardie” offre uno spaccato di grande impatto sulle condizioni della donna in Russia tra 800 e primi del 900

in Firme

Così Netflix con Emily in Paris cambia la fruizione della moda
Così Netflix con Emily in Paris cambia la fruizione della moda

Lily Collins ripete Sarah Jessica Parker di Sex&the City, il suo cappellino spopola e spinge il veloce cambiamento della dinamica degli acquisti

in Firme

Come si resta icona della moda? Così rivive la rockstud di Valentino
Come si resta icona della moda? Così rivive la rockstud di Valentino

Negli ultimi dieci anni pochi gli oggetti davvero iconici, come le slipper di Gucci o le Pekaboo di Fendi. Ora ci prova Daniel Lee con Bottega Veneta

in Firme

I video della moda ormai fanno concorrenza al grande cinema
I video della moda ormai fanno concorrenza al grande cinema

Non abbiamo paura di esagerare: come John Galliano con Nick Knight nessuno mai. E poi Schiaparelli, Tod’s, Vivier, Armani... Il fashion film è ormai un'arte

in Firme

La grande moda ai tempi del Covid punta tutto sui colori e i fiori
La grande moda ai tempi del Covid punta tutto sui colori e i fiori

Le sfilate “phigital” e ambientaliste di Valentino, Scervino, Tod’s, Prada e Cucinelli hanno oscurato anche Irina Shayk, Joan Smalls e Natasha Poly

in Firme

Gastel, Valentina Crepax e quella Milano che in pochi possono capire
Gastel, Valentina Crepax e quella Milano che in pochi possono capire

La mostra di Giovanni Gastel al Maxxi di Roma nasconde un mondo di legami incrociati. Perché bisogna leggere “Io e l’Asino mio”, biografia dei Crepax

in Firme

1
2 Next »